I cieli del Mediterraneo, teatro di lotte internazionali
Immagini articolo
Scontri tra intelligence
e difesa russa in Libia
MARCO OLIMPIO


È la mattina del 20 novembre quando un velivolo a pilotaggio remoto, Predator B, dell’Aeronautica militare italiana (Ami) è in volo nei pressi della città libica di Tarhouna, in Tripolitania. I piloti e operatori del 32 Stormo scrutano gli schermi dalla loro base di Amendola a circa mille chilometri di distanza. All’improvviso, il contatto con l’aeromobile si interrompe e i comandi non rispondono.
Poco dopo spuntano in Rete delle foto pubblicate dalle milizie dell’Lna del generale ribelle Khalifa Haftar che mostreranno i resti del mezzo. La coccarda tricolore è ben visibile e i militanti libici ne rivendicano l’abbattimento. Secondo la versione dell’Ami invece, il Predator era impegnato in una missione a supporto dell’Operazione mare sicuro quando un guasto ne avrebbe causato la perdita del controllo. Tuttavia, la posizione dello schianto è significativa. Tarhouna è un importante snodo logistico per i guerriglieri dell’Lna, dal quale affluiscono i rifornimenti per l’offensiva su Tripoli.
Il giorno dopo invece toccherà ad un drone americano, abbattuto "per errore" secondo i portavoce di Haftar, uomo forte della Cireanica e avversario del governo di Tripoli (riconosciuto dall’Onu).
Per alcuni esperti, i due casi potrebbero indicare delle possibili nuove capacità "jamming" acquisite dalle unità del generale, ovvero nuovi equipaggiamenti capaci di disturbare il segnale tra velivoli senza pilota e i loro equipaggi, causando la loro perdita. Tra le ipotesi, quella che i sistemi possano essere stati forniti da Mosca, la quale li ha impiegati anche in Siria e Ucraina.
Gli episodi hanno riportato l’attenzione sulla guerra di intelligence che si sta svolgendo sopra i cieli della Libia. La presenza di un drone italiano non dovrebbe sorprendere. Infatti non è inusuale vedere le tracce (lasciate volutamente accese) di aerei italiani sul sito Flightradar24, impegnati in ricognizione sopra le coste nord africane. Alcuni sono dotati di sensori capaci di captare segnali elettronici come radar e comunicazioni, utili per il contrasto al traffico di esseri umani ma possibilmente anche per captare i movimenti sul terreno a distanza.
Oltre agli assetti italiani, sono presenti anche velivoli statunitensi come gli Ep-3E basati a Creta, o i droni Reaper e Global Hawk di stanza a Sigonella, schierati per il contrasto dello Stato Islamico. Infatti sono stati di fondamentale importanza durante l’offensiva contro i terroristi a Sirte e per scovare i loro nascondigli nel deserto. Non di rado la comparsa delle "sentinelle" volanti I è coincisa notizie di strike americani sul suolo libico.
Ad affollare ulteriormente lo spazio gli apparecchi turchi ed emiratini, spesso armati ed impiegati per attacchi di precisione. Ankara avrebbe venduto 20 droni di produzione nazionale Bayraktar TB2 alle milizie pro-Serraj (Gna) a difesa di Tripoli. Dall’altro lato invece Abu Dhabi ha dispiegato dei Wing Loong cinesi in supporto all’alleato Haftar, impegnato da mesi in un’offensiva che fatica ad andare avanti. Inoltre ad aprile i governativi Gna hanno pubblicato una foto di un piccolo drone di produzione russa distrutto sopra la città di Sirte.
I cieli del sud del Mediterraneo sono diventati un importante teatro di scontro internazionali, dove sviluppi locali hanno ricadute globali.
15.12.2019


Articoli Correlati

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.03.2020
Pubblicazione straordinaria: Decreto esecutivo concernente l’annullamento e il rinvio delle elezioni comunali per il periodo 2020-2024 del 18 marzo 2020
18.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2020
13.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2020
11.03.2020
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
28.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2020
26.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 marzo 2020
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se si stampa il denaro
solo per indebitarsi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Coronavirus,
negli Stati uniti
1500 decessi
in appena 24 ore

Francia:
accoltella persone
nel centro
di Romans-sur-Isère

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00