function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

La richiesta di Blocher rilancia il tema delle rendite
Immagini articolo
Solo un'ex ministra
non ha la pensione
ANDREA STERN


A parole, sono già in tanti ad aver rinunciato alla pensione da consigliere federale. Si ricorda ad esempio Johann Schneider-Ammann, che al momento di lasciare il governo aveva dichiarato: "Molto probabilmente non avrò bisogno della pensione, a meno che dovessi diventare indigente".
Oggi, meno di due anni dopo, l’imprenditore bernese non può essere considerato povero, sebbene il patrimonio di famiglia sia sceso da 425 a 375 milioni di franchi, secondo le stime di Bilanz. Eppure il nome di Johann Schneider-Ammann compare nella lista dei venti ex consiglieri federali a cui viene versata una rendita annua di 227’290 franchi. Per una spesa complessiva di oltre 4,5 milioni a carico dei contribuenti.
Qualche anno fa anche Ruth Metzler aveva affermato in un’intervista al Blick di non percepire alcuna rendita. Un’affermazione tecnicamente corretta. Ma in realtà l’ex ministra di giustizia non ha mai rinunciato di sua spontanea volontà alla pensione che le spetta dall’età di 39 anni, quando fu estromessa dal governo per lasciare spazio a Christoph Blocher. Se oggi  Ruth Metzler non riceve nulla dallo Stato è solo a causa dei suoi lauti redditi nel privato. La legge prevede infatti la sospensione dei versamenti agli ex consiglieri federali che guadagnano più dei consiglieri federali in carica, ovvero 454’581 franchi all’anno.
Un limite ampiamente superato anche da Kaspar Villiger, che dopo il suo ritiro nel 2003 è stato tra le altre cose presidente di Ubs e membro del Cda di Nestlé e Swiss Re. Tutti incarichi altamente remunerativi. Tuttavia nel 2013 anche l’imprenditore lucernese ha bussato alla porta dello Stato e oggi percepisce la rendita come tutti i suoi ex colleghi. Compreso Joseph Deiss, un altro ex consigliere federale che per una decina di anni era stato escluso dal generoso sistema pensionistico, per poi rientrarci una volta mollati alcuni impegni lavorativi.
L’unico ex ministro ad aver quindi volontariamente rinunciato alla pensione è dunque Christoph Blocher. Una rinuncia che l’ex ministro della giustizia ha però cancellato nelle scorse settimane chiedendo gli arretrati dal 2007 a oggi. Oltre 2,7 milioni di franchi, secondo i calcoli di Blocher, che motiva il suo ripensamento con l’insoddisfazione per come lo Stato spende i soldi dei contribuenti.
Non è però detto che Christoph Blocher li riceverà, quei 2,7 milioni di franchi. Prima di dare il suo via libera, la commissione delle finanze del parlamento dovrà infatti verificare i redditi conseguiti in tutti questi anni dal miliardario zurighese. Dovessero aver superato la soglia prevista dalla legge, quei redditi verrebbero detratti dalla pensione.
astern@caffe.ch
11.07.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00