function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Le ragioni delle alte spese sanitarie per Santésuisse
Immagini articolo
"Solo il 20% dei costi in più
è spiegabile con l'anagrafe"
PATRIZIA GUENZI


Santésuisse, organo mantello delle casse malati, lo scorso anno ha fatto uno studio sul reale legame tra anzianità e aumento delle spese sanitarie. Studio che fornisce risultati molto interessanti. Tra il 2012 e il 2017 le spese per la salute in Svizzera sono aumentate di 572 franchi per abitante, da 3’138 a 3’710 franchi. Tuttavia, negli ultimi cinque anni solo il venti per cento dei costi supplementari si possono spiegare con l’invecchiamento della società. "Il resto è dovuto ad altri fattori, per non dire a evoluzioni indesiderabili. Come ad esempio l’aumento del volume delle prestazioni ospedaliere e ambulatoriali - scrive Santésuisse -. L’alto prezzo dei nuovi farmaci e i controlli irregolari del costo dei medicinali esistenti".
In sostanza, Santésuisse non nega che la popolazione svizzera stia invecchiando. Da una parte la speranza di vita continua ad aumentare, spiega, dall’altra la piramide dell’età si modifica. Mentre i baby boomers raggiungono la pensione nascono sempre meno bambini. Questo invecchiamento si osserva in tutti i Paesi occidentali comparabili ed è il risultato di sviluppi sociali, economici e tecnologici. In generale si può dire che più una persona è anziana e più le sue spese per la salute sono alte. E se questa proporzione di anziani aumenta il costo medio per abitante sale anch’esso. Uno sviluppo sociale naturale.
Ma per valutare l’evoluzione dei costi del sistema salute nella maniera più realista possibile Santésuisse ha ragionato sulla base delle statistiche della compensazione dei rischi, punto fermo della LaMal (la legge sull’assicurazione malattia). L’evoluzione reale dei costi paragonata a una loro evoluzione ipotetica senza modificare la struttura dell’età.
Andando nel dettaglio, Santésuisse spiega che l’80% dell’aumento è dovuto a quella che definisce "un’evoluzione indesiderabile": ad esempio un maggior volume delle prestazioni ospedaliere e ambulatorie, il prezzo alto dei nuovi medicinali e dei controlli irregolari dei prezzi dei farmaci già esistenti sul mercato. Da qui la conclusione che l’età della popolazione incida soltanto per un quinto sui costi negli ultimi cinque anni. Ecco perché è urgente identificare e combattere gli sviluppi indesiderabili nell’interesse della sopravvivenza finanziaria a lungo termine del nostro sistema sanitario.
p.g.
17.10.2020


LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La Cina un Paese-partito
frenato dai suoi leader
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
"Le navi delle ong
attirano i barconi"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La tranquilla città
del killer fantasma
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
I movimenti verdi europei
colorano la sbiadita politica
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
La protesta dei giovani
dalla piazza vada nelle urne
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

50 anni fa
moriva
Jim Morrison

Tigre:
allarme Onu
sulla carestia

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00