function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




La comunicazione al tempo della pandemia
Immagini articolo
Che toni trionfalistici
sulle news del Palazzo
LIBERO D'AGOSTINO


C’è da strabuzzare gli occhi a leggere i risultati del sondaggio dell’Ufficio cantonale di statistica sulla bontà della comunicazione del governo ticinese durante la prima ondata della pandemia. Che toni trionfalistici su chiarezza, efficacia, quantità e qualità delle informazioni erogate dal Palazzo nella primavera corsa, nel pieno dell’emergenza sanitaria del coronavirus.  
Ma non poteva essere diversamente visto che il sondaggio è stato commissionato all’Ustat dallo Stato maggiore cantonale di condotta (Smcc) e dal Servizio informazione del Consiglio di Stato. Comunque, roba da non credere soprattutto per chi  l’informazione l’ha vissuta quotidianamente, e fornita, dall’altra parte della barricata.
Come dimenticare, i silenzi e la segretezza sino a pochi mesi fa sui dati dei contagi e dei morti nelle case per anziani, numeri che solo oggi vengono resi pubblici. Come dimenticare la farsa delle conferenze stampa in streaming di ministri, medico cantonale e comandante della polizia, senza la presenza in sala dei giornalisti, costretti ad inoltrare le domande via email e, quindi, senza la possibilità di replicare. In Ticino si tenevano degli incontri stampa alla bulgara, mentre a Berna consiglieri federali e alti funzionari interloquivano di persona con i giornalisti. Come dimenticare le difficoltà e mille problemi frapposti a domande semplicissime, e del tutto scontate in altri Paesi, come la fascia d’età dei contagiati, le patologie pregresse dei morti e i distretti più colpiti dall’infezione. Interrogativi di chiaro interesse pubblico, ma senza risposta.
Come dimenticare i richiami all’ordine per chi osava scrivere e denunciare alcune "criticità" nella gestione della pandemia. Come dimenticare che per potere intervistare ministri e funzionari bisognava mandare prima le domande, senza poter fare una contro domanda nel caso la risposta fosse fuorviante. Che addirittura a volte si pretendeva di controllare il contesto in cui venivano pubblicate le risposte e, persino, delle semplici dichiarazioni virgolettate.
Come dimenticare che alcuni giornalisti della Rsi erano stati ingaggiati dal governo, fatto unico in Svizzera, per metterli al servizio dello Smcc. Che lo stesso Smcc si riservava il potere di valutare le richieste di interviste, dichiarazioni e commenti e che spesso telefonava alle redazioni per sapere anticipatamente dell’eventuale pubblicazione di servizi e inchieste sull’evoluzione dell’epidemia. Infine, come non ricordare il perentorio invito, in diretta televisiva, del comandante della polizia cantonale agli over 65 di "andare in letargo", altrimenti i suoi agenti li avrebbero riportati a casa tirandoli dalle orecchie.
Francamente ci pare che il sondaggio dell’Ustat non renda onore alla verità dei fatti e alla correttezza dell’informazione.
21.11.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2020
10.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2020
06.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2020
05.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2020
30.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2020
28.10.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 novembre prossimo
13.10.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il trionfo di Biden
in un Paese dilaniato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Se il terrore non politico
incide sulle nostre vite
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

I quartieri poveri
di Madrid
non hanno
più luce

Poliziotti violenti
in Francia,
spaccata anche
la maggioranza

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00