Il dibattito promosso dal Caffè dopo la petizione sui divieti
Immagini articolo
Quell'Islam religioso
da capire e riformare
STEFANO PIANCA


Non ha paura di dichiararsi "islamofobo". Ma il suo, precisa, non è un atteggiamento razzista. No, lui, Giorgio Ghiringhelli, il promotore dell’iniziativa che ha proibito il burqa in Ticino, nei riguardi della religione di Maometto nutre... per usare le sue stesse parole... "una sana e giustificata diffidenza". O meglio paura, dal greco phobos, verso quella che ritiene essere, "più che una religione, un’ideologia totalitaria e violenta".
Arrivato alla quinta puntata, il dibattito incentrato sulla petizione che chiede di vietare i movimenti islamisti nella Confederazione e di chiudere i loro centri, dà ora voce a chi sostiene questa proposta. Dopo aver ospitato nelle ultime quattro edizioni le opinioni degli scettici, se non contrari a questa idea, un fronte abbastanza omogeneo di esperti di terrorismo, sociologi, antropologi, politologi e storici, il Caffè ha chiesto allo stesso Ghiringhelli, che la petizione ha sostenuto, di raccontare come ha maturato le proprie convinzioni di assoluta, inscalfibile diffidenza verso l’Islam.
Convinzioni, gli va riconosciuto, che non risalgono a ieri. No, l’islamofobia ormai da tempo alberga nei pensieri del losonese. Tanto da averlo allontanato dai temi politici più locali. "Quindici anni di intense letture" innescate, precisa lui stesso, dallo shock dell’11 settembre 2001. L’anno prima, ricorda, "ero salito in cima a una delle Torri gemelle". Da lì è iniziata la sua immersione nelle carte che ancora oggi prosegue: "Avrei bisogno di un anno sabbatico per leggere quella pila di libri che attende sulla mia scrivania", dice Ghiringhelli. Testi che, lui stesso ammette, gli servono per rafforzare le proprie convinzioni. Non per cambiare idea.  
A prima vista quella lambiccata da Ghiringhelli pare benzina. E in parte lo è. Ma tra i fumi incendiari del suo pensiero, una lettura attenta può cogliere spiragli d’apertura a quel dialogo che chi lo ha preceduto ritiene essere l’unica via percorribile. Sebbene lui stesso non nutra grande stima per il "politically correct": "I perbenisti dicono che non bisogna generalizzare e che occorre distinguere tra Islam moderato e non moderato. Ma l’Islam è uno solo, con un sol Corano e - all’insegna del suo profeta guerrafondaio - non è certo moderato".
L’apertura dell’ormai ex politico losonese parte da una distinzione e da una premessa che, però,  colpisce sotto la cintura: "Così come non tutti i tedeschi erano dei nazisti, anche i musulmani non sono tutti dei fanatici islamisti". La sponda indicata da Ghiringhelli è quella di chi non frequenta i luoghi di culto. In Svizzera, scrive, vi è un 85% di musulmani che "in moschea non ci va mai o solo in rare occasioni, che vive e veste all’occidentale, che apprezza le nostre libertà e che in genere e ben integrato. Sono loro - sostiene Ghiringhelli - i più esposti alle rappresaglie degli islamisti".
Nonostante le poche firme - 1492 - raccolte dalla petizione (anche per un boicottaggio, sostiene lui, da parte degli organi di stampa), il "Guastafeste" non demorde e rilancia. "Andrebbe inserita nella Costituzione una normativa che proibisca l’attività a quei movimenti religiosi considerati pericolosi per lo Stato" o una normativa che "non riconosca la libertà di credo a quelle religioni che, ad esempio, non consentono ai propri adepti di cambiar religione,...". Provocazioni che allontanano ancora di più, per alcuni; uno stimolo per spingere l’Islam a riformarsi, dice lui.

s.pi.
(5 - continua)
05.11.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni