Il diario
Immagini articolo
Una politica concreta
e senza esclamativi
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario, &softReturn;stavolta, vista la rarità del caso, va annotata subito in apertura una inattesa, positiva sorpresa. In una società e in un tempo in cui ben pochi ammettono l’errore, c’è stata la classica eccezione ed è significativo che sia avvenuta dal tavolo del primo cittadino del Cantone in uscita di mandato. Fabio Badasci, soprannominato "il genuino", al momento di passare la campanella al suo successore, ha fatto scorrere una veloce moviola sulla sua esperienza ed ha chiesto scusa per i suoi errori che ha sintetizzato dicendo di "essere andato a volte un po’ lungo" e ricordando anche un episodio, quello accaduto con Jacques Ducry, quando tagliò corto con un troppo sbrigativo "a ma ‘nteresa mia". Mentre tutti si arrogano la genialità della perfezione, un politico va in controtendenza. Di solito, nella scia di Talarico si sente (e si vede) piuttosto il mantra che "sbagliando si... impera". La casistica è ampia. Onore dunque a Badasci: allo stile a volte basta un però.
MA LA STAFFETTA alla presidenza del Gran Consiglio ha offerto anche un altro spunto degno di nota per bocca del neo-eletto Walter Gianora (Valle Blenio sempre più in alto, Vescovo e presidente del Parlamento). La politica non sta attraversando un grande momento nella credibilità e nella stima dei cittadini. È in atto uno scollamento tra chi governa e amministra e chi vede disattese troppe aspettative. La "cosa pubblica" appare spesso come estraniata dai bisogni e dalle questioni poste dalla quotidianità. Si vada un po’ in giro a sentire la gente, a conoscere dal vivo i problemi.
LA LINGUA BATTE dove il dente duole e le nevralgie sono tante. La politica oggi non infiamma i giovani e non riscalda più i vecchi. L’uomo può spegnersi dentro di sé in molti modi. Gianora non ha usato perifrasi, deplorando chi cavalca il populismo. Servono risorse di trasparenza, disponibilità, gratuità, dirittura etica e saldezza morale contro i segni evidenti di languore, indifferenza, disaffezione, o anche distacco e rabbia. Molta apparenza e scarsa sostanza. Gianora ha bacchettato le false e facili promesse elettorali, l’ipocrisia e l’opportunismo che ispirano molti comportamenti.
OCCORRE fornire alla gente dati oggettivi, indicando la strada da seguire per la crescita e il progresso. Che non è imbottito di "facili soluzioni". Il cittadino si imbatte troppo spesso in insipienza e pochezza. Vediamo anche troppi punti esclamativi. A volte, soprattutto nei tre poteri dello Stato, sarebbe preferibile qualche punto di domanda in più. E io sarei pronto a dare il voto ad un politico che, interrogato su una questione complessa, confessasse a un intervistatore in tv la sua impreparazione su quel dossier e il bisogno di approfondirlo. La sobrietà è ancora compresa e apprezzata e paga molto più della spocchia e dell’arroganza di troppi venditori di fumo. Senza dimenticare che la differenza sta sempre nei fatti!
14.05.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
LA SOLIDARIETÀ


La generosità dei ticinesi
per i pastori delle steppe
L'INCHIESTA


Interrogativi sulle eredità
degli anziani maltrattati
L'INCHIESTA


Meno sesso
a pagamento


POPULISMO
VS POPULISMO
È finito lo scontro
fra destra e sinistra
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La "pentola" siriana
minaccia di esplodere
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Dopo la presa di Mosul
tornerà la guerriglia
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I sentieri del Russiagate
portano fuori dagli Usa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il nuovo mondo
secondo Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Sandro Cattacin
Sandro Cattacin
Gli attributi razzisti
della cronaca nera
Ritanna Armeni
Ritanna Armeni
A Renzi non si perdona
la "rottamazione"
Paolo Bernasconi
Paolo Bernasconi
Non si sfugge
alle nuove regole
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Disposte a tutto
per i propri figli
Alessandra Comazzi
Alessandra Comazzi
I manicaretti in tv
rischiano il flop
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cade l'ultimo tabù
per sfamare il pianeta
Marino Niola
Marino Niola
Lo straniero riassume
tutte le nostre paure
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Soltanto la prevenzione
potrà metterci al sicuro
Filippo Facci
Filippo Facci
È un voto politico
che paralizza il Paese
Roberto Alajmo
Roberto Alajmo
La Grande Migrazione
non si fermerà da sola
Roberto Nepoti
Roberto Nepoti
Per un Festival à la page
un'inedita sezione 2.0
Antonio Sciortino
Antonio Sciortino
Le Famiglie vere
eroine nella crisi
Roberto Vacca
Roberto Vacca
La caduta libera
del mito della sicurezza
Andrea Vitali
Andrea Vitali
Zimmer frei

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
24.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile e primo trimestre 2017
22.05.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, aprile 2017
17.05.2017
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 29 maggio prossimo
11.05.2017
Militare: Visite di reclutamento 2017
11.05.2017
Tiro obbligatorio 2017
02.05.2017
Pubblicato il nuovo Questionario legislatura 2017-2021 per i Patriziati
26.04.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'8 maggio prossimo
26.04.2017
"La quiete stimola" 26 aprile 2017: giornata contro il rumore [www.ti.ch/rumore]
25.04.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da martedì 25 aprile 2017 alle ore 17.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
18.04.2017
Il Dipartimento del territorio, in collaborazione con il Dipartimento delle istituzioni, mette in consultazione il progetto di Piano di utilizzazione cantonale (PUC) che pone le basi per la realizzazione del centro di addestramento e del poligono di tiro al Monte Ceneri [www.ti.ch/dstm-consultazioni]
DOMANDE E RISPOSTE

Leggi »

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »
Gruppo
Ringier




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Papa Francesco
a Fatima,
fra 600.000
pellegrini

Egitto
17 mummie
scoperte
a Minya

RINGIER

Dufourstrasse 23
8008 Zurigo
Svizzera

info@ringier.com
+41 (0)44 259 61 11

Abo-Service:
0848 880 850

www.ringier.ch