Il diario
Immagini articolo
Nel 2018  l'augurio
della comprensione
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario, &softReturn;dicembre è tempo di ricapitolazione. All’avvicinarsi degli ultimi fogli di taccuino, fuori dalla frenesia del Natale incombente con gli imperativi di regali-pranzi-cene-vacanze,  ci si guarda indietro e si tenta un bilancio. "Com’è andata?". Tra tutte le domande - tante! - di uno che fa l’intervistatore di mestiere, questa è la più esigente. Farsi un selfie è un gioco, la dimostrazione che fotografare è più facile che parlare e d’altronde viviamo di immagine e narcisismo. L’autoradiografia è qualcosa di complicato, anche un po’ imbarazzante.
NELL’INTERCALARE della gente, si sente spesso la frase "a dire il vero...", come se quanto detto prima fosse da considerare una successione di parole in libertà. Tutto però inizia dalla ricerca di un po’ di verità con noi stessi. Quanto abbiamo amato e amiamo la vita? Che importanza attribuiamo all’orologio? In quale rapporto ci teniamo con gli altri? Non stiamo consegnandoci deliberatamente a spazi di solitudine coatta? Gli psicanalisti chiamano questo stato d’animo "angoscia nevrotica". Segno dei tempi.
MOLTI CONSIGLIANO la terapia del silenzio e forse non si può dar loro torto nel diluvio di parole che ci sommergono. Quando ne fossimo risparmiati, siamo così dipendenti dalla "dose" (come la "roba") di parole, che andiamo smaniosi a tuffarci dentro i canali mai in secca dei social. Ormai nessuno viaggia più senza la protesi addosso di uno smartphone e relativa filiera di derivati. Lì facciamo docce di parole a scelta, in ogni momento, raramente però c’è dialogo. Chi viaggia sui mezzi pubblici oggi fa esperienza del solipsismo. Neanche più un saluto, tutti con auricolari, occhi puntati sul cellulare, dita che ballano rock. Siamo nell’era dei nativi digitali.
QUALCHE diagnosi sensata dovrebbe suggerire salutari silenzi, anche perché la parola migliore è quella non pronunciata. Sì, ma poi, quel "poi", ci interpella con dubbi e mille martellanti "chissà". Intanto, fellinianamente, la nave va: tra mille insicurezze, in un mare ignoto anche se il villaggio si è fatto globale.
SINTOMATICHE, in tal senso, le risposte date a un docente di religione da un gruppo di ragazzi di un paese del Vedeggio. Invitati a scegliere un dono tra sapienza, intelletto, fortezza, scienza... a maggioranza è stata indicata, del tutto inattesa, la "fortezza", che è spia di un disagio, dichiarazione di fragilità. Forse saremo costretti a imparare la convivenza con questa nuova e diffusa condizione, visto che con i muscoli - è dimostrato - si risolve poco. Più gradevoli e avvolgenti compagnie possono rivelarsi l’amicizia, la stessa letteratura... O, meglio ancora, la rieducazione a una medicina mai superata da niente e da nessuno, di nome "comprensione".
17.12.2017


IL CONCORSO

IL PIÙ BEL VILLAGGIO
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue