Il diario
Immagini articolo
Una facile miccia
per troppa violenza
GIUSEPPE ZOIS


Caro Diario,&softReturn;le righe di questa settimana sono dettate da due processi, celebrati nello stesso giorno, uno a Bellinzona e l’altro a Lugano. Nel primo caso due fratelli trentenni sono stati condannati per aver picchiato un coetaneo in un locale notturno; nel secondo, un uomo di 47 anni è stato condannato per aver accoltellato uno sconosciuto, dopo un diverbio (pena rincarata dalla Corte: 4 anni e 3 mesi rispetto ai 3 anni e 20 mesi chiesti dall’Accusa). Anagrafi diverse, stessa propensione a risolvere i contrasti. Il tema che emerge dai due procedimenti è quello della violenza e della facilità crescente nel passare a vie di fatto. Lo si è visto dalla ricostruzione dibattimentale, ma la tendenza può essere colta da ciascuno nella quotidianità, dove basta un niente per accendere la miccia della reazione verbale e muscolare. Una parola, un gesto scatenano talora diverbi e litigi. Lo comprovano episodi che accadono per strada, rapporti tormentati fra vicini anche su questioni risibili, tifosi imbufaliti dopo un risultato sgradito...
LA VIOLENZA non è un fatto nuovo, se ne parla da Caino in poi. Il dato che deve preoccupare e far riflettere è la facilità con cui si passa alle mani, ai coltelli estratti e usati per un niente. I motivi di questo appesantimento di clima sono molti, dallo stress all’emulazione di quanto si vede nei film, alla Tv, sui social. Arnold Schwarzenegger e i suoi numerosi fratelli hanno fatto scuola, la vendetta si sostituisce alla ragione, alla capacità di discutere, di confrontarsi, di affrontare i conflitti con equilibrio. E il rancore è forse la peggior compagnia per l’uomo.
TROPPI social, ma non mancano le testate giornalistiche, trasudano intolleranza, rabbia, cattiveria odio. Sono diventati sfiatatoi di incontinenti verbali che si sfogano con lo scudo dell’anonimato. Significativa peraltro, al riguardo, anche la marcata diffidenza rilevata nel nuovo sondaggio "easyvote" della Federazione svizzera dei parlamenti dei giovani. Sarebbe già un notevole risultato, al punto in cui siamo, non offrire motivi di delusione ad alcuno.
IL FATTO è che ci troviamo in un tempo e in una società segnati dai tanti, infiniti "ingorghi di futuri possibili", per riprendere un’efficace immagine di Habermas, con tutti i possibili smottamenti dei territori dell’equilibrio, della saldezza di nervi, della ponderazione. In breve, del controllo di sé: che dovrebbe essere traguardo inseguito ogni giorno. Del resto, la speranza stessa ce la ritroviamo un po’ evaporata, "nutellata", comunque depauperata di quella parte attiva che ciascuno deve pur assumere nell’attesa di qualcosa. Dopotutto, per alzarsi in volo ogni mattina, come vuole Charles Péguy, la speranza ha bisogno anche delle nostre ali.
15.04.2018


IL CONCORSO

IL PIÙ BEL VILLAGGIO
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue