Buone prospettive per l'industria d'esportazione
Immagini articolo
L'economia riprende
grazie al franco...debole
CLEMENTE MAZZETTA


Meglio di Basilea, di Zurigo, di Berna. Meglio dei Grigioni. Sull’economia ticinese ritorna a splendere il sole. Per il 2018, le previsioni economiche dell’Istituto Economico Bak di Basilea  attribuiscono al cantone italofono una crescita del prodotto interno lordo del 2,4%. Più del doppio dell’anno che se ne sta andando. Ma soprattutto più della media Svizzera, stimata al 2,3%. Una ripresa trainata dal settore industriale (più 2,9% per Ticino, Vallese, Grigioni) che si riflette anche nel terziario: più 2% rispetto ad una crescita del 2017 valutata attorno all’1,1%.
Dati ottimistici che rispecchiano la realtà, secondo Marco Passalia, vicedirettore della Camera di commercio del canton Ticino: "Queste previsioni non ci sorprendono. Prendendo in esame il commercio con l’estero prevediamo un 2018 all’insegna della crescita. Il linea con il trend del 2017, che per quanto riguarda le esportazioni sta raggiungendo risultati record".
Tra i fattori di questa ripresa hanno influito positivamente le variazioni del tasso di cambio, l’indebolimento del franco ormai vicino a quota 1.20 con l’euro, abbandonata nel 2015. Ma non solo.
"Crescono le esportazioni verso la Cina, gli Usa, la Germania - aggiunge Passalia -; secondo  un sondaggio di Switzerland Global Enterprise, il 60% delle piccole e medie imprese prevede un incremento delle vendite all’estero".
In particolare verso la Germania per l’80%, seguite dalla Francia per il 62%, dall’Italia per il 54% dagli Stati Uniti per il 54% e dall’Austria per il 53%.
L’economia svizzera va verso una crescita più sostenuta trascinata dai cantoni di Basilea, con un più 3,8% del prodotto interno lordo, e da quello di Neuchâtel  con un più  3,4% (vedi il grafico sopra). Il tutto per una media svizzera del 2,3%. Una percentuale quasi a livello degli Usa (più 2,5%). Comunque davanti a quella dei Paesi dell’Unione europea che si aspettano una crescita dell’1,9% per il 2018.
"La fase calante della congiuntura, dovuta  alla crisi finanziaria, a questo punto sembra essere quasi del tutto riassorbita. Si apre un altro ciclo che vede l’economia risalire all’interno di una ripresa complessiva del mercato europeo e statunitense. In questo contesto, quella  svizzera, che guadagna un franco su due all’estero con le esportazioni, si avvantaggia decisamente", spiega l’economista Angelo Geninazzi. Non solo i dati del Bak di Basilea, ma anche le valutazioni delle esportazioni elaborate da Credit Suisse, che misurano la domanda estera di prodotti elvetici, indicano una crescita consistente delle esportazioni.  
"La domanda a questo punto è di quanto questa ripresa si ripercuoterà sul mercato del lavoro, sull’occupazione? Più succederà, più l’economia riprenderà vigore, più aumenteranno i posti di lavoro, più crescerà il consumo interno. Il tutto nel contesto di un circuito virtuoso", aggiunge Geninazzi, che sottolinea l’effetto razionalizzatore del franco forte avuto sull’economia. "Negli ultimi anni le aziende svizzere penalizzate dal tasso di cambio, hanno dovuto risparmiare, tagliare i rami improduttivi innovare, per far fronte alla concorrenza internazionale. Avendo fatto questo, oggi con la variazione favorevole del cambio, sono più in forma, più competitive sul mercato mondiale".
Anche in Ticino, il  miglior quadro congiunturale internazionale stimola   l’economia cantonale nei settori rivolti ai mercati esteri, quello dell’industria d’esportazione, dal farmaceutico al meccanico.   Ma ha pure un effetto anche sul settore  turistico  alberghiero, che sta dando segnali di ripresa dopo anni di crisi, soprattutto i Ticino.
E visto che il polso delle aziende ticinesi rivolte all’esportazione è buono - entro fine anno sarà reso noto un sondaggio della Camera di commercio -  per Passalia sono da attendersi risvolti positivi occupazionali: "Quando per le ditte rivolte all’estero aumenta la produttività, quando crescono le possibilità di business, in parallelo aumentano anche le richieste di manodopera soprattutto qualificata per certe produzioni. Lo osservo quotidianamente con le imprese che visito".
Pure per la Segreteria di Stato dell’economia  (Seco), la ripresa della crescita economica, dovrebbe migliorare la situazione sul mercato del lavoro. Ci si aspetta, dopo vari trimestri piuttosto contenuti, che i posti di lavoro aumentino. È prevista una crescita dell’occupazione dello 0,3 % per il  2017 e un’accelerazione dello 0,8 % per il 2018. Contemporaneamente il tasso di disoccupazione dovrebbe continuare a scendere, attestandosi nel 2017 sul 3,2 % e nel 2018 sul 3,0 % (media annua).   c.m.
05.11.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe