function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
Dal cuoco al commerciate, è un coro di "no" alla politica
Immagini articolo
"Quel salario minimo
è davvero deludente"
ANDREA BERTAGNI


Non ci siamo. Il compromesso trovato martedì in commissione della Gestione del Gran Consigio sul salario minimo, che propone almeno 3’400 franchi entro il 31 dicembre 2021, 3’500 franchi entro il 31 dicembre 2023 e 3’600 franchi entro il 31 dicembre 2024, non riscuote successo tra la popolazione. Nemmeno se sarà obbligatorio per 77 rami economici e toccherà gli stipendi di 10mila lavoratori. "Un cuoco dovrebbe prendere come minimo 4’500 franchi al mese - dice Michel Corti, che di professione sta proprio dietro ai fornelli - altrimenti non ci siamo proprio, anche perché lavorare in cucina è pesante". Come lui la pensa Maurilio Gomez. "L’asticella dovrebbe essere posta più in alto, ad almeno 4’000 franchi - afferma - in caso contrario non si riescono a pagare tutte le spese che in Svizzera sono molto costose, come la cassa malati e gli affitti".
Elena Galli riconosce lo sforzo della politica. Anche se lo giudica insufficiente. "È un passo in avanti, ma se non si ritoccano gli stipendi è davvero difficile: ecco perché, secondo me, la forchetta dovrebbe essere tra i 20 e i 25 franchi all’ora". Che tradotto vuol dire una basta paga mensile tra i 3’600 e i 4’400 franchi.
L’insoddisfazione raccolta sulla strada è insomma palese. Se si vuole davvero andare incontro alla popolazione bisognerebbe abbandonare tutte le sfumature dei 3’000 e abbracciare con decisione i 4’000. Marco Tulli è lapidario. "Lasciare la situazione così com’è significa obbligare le persone a ricorrere comunque agli aiuti statali, l’unica possibilità è fissare un minimo a 6’000 franchi". Davide Zuccati è della stessa opinione. "Con quella paga solo una persona sola può arrivare a fine mese, se ha famiglia sorgono già grossi problemi". Consuelo Grassi oggi è indipendente. Ma quando non lo era percepiva 3’800 franchi lordi e a malapena riusciva a coprire tutte le spese. "Ecco perché, se lo Stato vuole introdurre un minimo obbligatorio - precisa - non dovrebbe andare sotto i 3’500 franchi". Più drastico è invece Samuele Colombo. "Le paghe proposte non sono abbastanza e non rappresentano neppure un primo passo - annota - l’unica strada percorribile è il reddito di cittadinanza. Se non si vuole andare in quella direzione, allora bisognerebbe avere il coraggio di stabilire 4’200 franchi mensili".
Se la Gestione ha impiegato cinque anni per arrivare a un compromesso, che dovrà passare ancora dal Parlamento e, forse, da un referendum, la popolazione ticinese è molto più veloce a esprimere il proprio malcontento. Anche perché 5 anni fa ha approvato il principio del salario minimo in votazione popolare. E sta ancora aspettando. "Le somme proposte non mi sembrano affatto positive - spiega Stefano Innocenti - se vogliamo permettere a tutti di vivere dignitosamente occorre perlomeno fissare un minimo di 3’800 franchi". Netto è anche il giudizio di Rocco Esposito. "Con quegli stipendi non si può creare una famiglia - sottolinea - e vivere diventerebbe quasi impossibile. Se fosse per me darei 4’200 franchi lordi, altrimenti diventa veramente difficile far quadrare i conti con i costi degli affitti e tutto il resto". Anche Gautam Mandal ritiene che le discussioni dovrebbe cominciare solo a partire dai 4’000 franchi. "Non capisco come non si riescano a trovare soluzioni che tengano conto del costo della vita", precisa.
Eppure… eppure la soddisfazione della politica per aver raggiunto un’intesa è tanta. Anche se c’è già chi, come il sindacato Unia, sta pensando di raccogliere le firme e portare la popolazione alle urne. "Credo che la politica abbia voluto lanciare un messaggio - dichiara Filippo Nanni - ma bisogna anche sensibilizzare i datori di lavoro, altrimenti non si va lontano. Ecco perché penso che 5’600 franchi potrebbe essere un buon reddito". Quegli stessi lavoratori che secondo Governo e Associazione industrie ticinesi (Aiti) potrebbero beneficiare di più delle "buste paghe di Stato". Percependo oggi gli stipendi più bassi in assoluto. "Forse saranno contenti i frontalieri, non lo so - commenta Ivano Cascone - di sicuro non ha senso cambiare se il salario minimo non raggiunge almeno i 4’400 franchi al mese".
abertagni@caffe.ch
01.12.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

In Francia
si riprende
ad andare
a messa

Spagna:
10 giorni di lutto
e piano di riapertura
dal primo luglio

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00