Fogli in libertà
Immagini articolo
Se gli "scoccial media"
illudono gli ascoltatori
RENATO MARTINONI


Sulla Rete 2 della Rai passa una réclame che dice: "La televisione è cambiata, il futuro è arrivato". La si potrebbe trasportare nel nostro Paese, pur con qualche ritocco, per dire: "La Radio è cambiata, il presente è arrivato". Difatti uno dei messaggi più importanti che la Rete 1 della Rsi sta facendo passare, nel volere adeguarsi ai nuovi bisogni, è quello di stare fra la gente. Perché la gente si senta "dentro la radio". Per fare questo sono nate alcune trasmissioni fondate sul dialogo continuo con gli ascoltatori. Così essi ravvivano certi programmi, condotti non da uno ma da due o tre animatori, inondando la nostra prima rete radiofonica di messaggini e di chiamate, usando insomma i social (anzi, diamogli il nome che a volte si meritano: gli "scoccial"), con la facoltà di esprimersi su tutto e su tutti: dalle diete vegane ai dentifrici, dalle razze canine ai rumori misteriosi. Per la Rete 1 della nostra radio è un modo per farsi sentire vicina e quindi per evitare che l’attenzione cali. Per gli ascoltatori è l’illusione di salire sulla pedana di chi "fa la radio".
Riempire il palinsesto è un’arte che non si inventa; e "fare la radio" è un mestiere tutt’altro che semplice. Resta che in certi momenti della giornata si parla troppo: e neanche sempre di cose interessanti. Ma soprattutto mancano dei sani spazi di silenzio (occupati, s’intende, dalla musica). Verrebbe anche da aggiungere che c’è un limite oltre il quale sarebbe bene non andare. Perché c’è da chiedersi: ma, per piacere, e per essere ascoltata, la Rete 1 della Rsi deve trasformarsi in un’amica logorroica che regali pacche sulle spalle? No, perbacco, la nostra radio deve solo fare il suo lavoro. Prendendosi sì la libertà di adeguarsi al presente, insomma di non perdere il treno. Ma senza con questo cadere nelle trappole sottili del nuovo.
Certo, al di là di qualche caduta nel banale e di qualche eccesso di protagonismo, la colpa non è della Rsi ma della tendenza a lasciarsi distrarre e a cambiare canale. Si potrebbe anche pensare a una differenza di percezione. Questo modo di "fare la radio", tanto interattivo, può piacere e anzi piace. Non va tuttavia dimenticato che per i giovani c’è già la Rete 3. Non si vuol dire con questo che la Rete 1 debba essere destinata agli anziani, ci mancherebbe. E poi il problema non è di generazioni: c’è semplicemente chi ama certe cose e chi no. Anche a quest’ultima fetta della società sarebbe comunque giusto pensare.
19.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe