Fogli in libertà
Immagini articolo
Uno sparatore solitario
e le lobbies delle armi
RENATO MARTINONI


Quella di Las Vegas è stata una strage, l’ennesima, commessa contro persone innocenti che avevano l’unica "colpa" di stare insieme per godersi un concerto di musica. Basta oramai questo, in una società profondamente malata, per sentirsi in dovere di punire gli altri, cioè gli avversari, gli apostoli del diavolo, solo perché stanno passando un’ora di svago e quindi appartengono al mondo scandaloso e odiato degli "infedeli".
Non è terrorismo, si è affrettato a precisare il Presidente degli Usa. Non è una bella consolazione? È solo stato un lupo solitario, un pensionato, di professione contabile e immobiliarista, gentile e riservato dicono i conoscenti, che per motivi suoi (sarà stato frustrato? avrà perso troppi soldi nei casinò? avrà litigato con la morosa?) ha deciso di farsi giustizia da solo. Senza però urlare: "Dio è il più grande". Messa pertanto da parte con grande sollievo la questione del terrorismo islamico, il Presidente si è affrettato a esaltare il coraggio dei poliziotti. Grazie alla loro prontezza, ha detto, grazie alla loro dedizione, si è evitata una strage di dimensioni ancora più grandi. Il numero dei morti e dei feriti poteva essere maggiore. Cosa possiamo pretendere di più?
In realtà a Trump interessava in primo luogo che non si tirasse in ballo un’altra questione. Quella delle armi, che negli Stati Uniti si possono comperare come le noccioline e si tengono in casa come fossero dei giocattoli. L’autore della strage, un "pazzo", così lo ha definito il Presidente americano, scaricando su un solo capro espiatorio tutto il barile delle responsabilità, ne possedeva un arsenale. Più di quaranta, fra pistole e fucili. E un bel numero ne aveva anche portate, chissà come, nella stanza dell’albergo da cui ha sparato all’impazzata contro tante persone innocenti. Ma, ecco il problema, era solo uno "squilibrato" e ora che l’hanno "suicidato", le brave forze dell’ordine, la questione è risolta. Si è trattato di un caso isolato che nulla ha a che vedere con una quantità scriteriata di armi in circolazione, e neanche con gli interessi delle lobbies che lottano su tutti i campi, a cominciare da quello politico, per continuare a produrre armi e a metterle in vendita come fossero caramelle. La colpa, pertanto, è di nessuno. La tenda, davanti al palcoscenico, si chiude con degli eroi (i poliziotti), evviva, dei sospettati prosciolti (i fabbricanti di armi), evviva, un matto (l’autore della strage), che il diavolo se lo tenga ben stretto fra le sue grinfie, e tante famiglie il cui dolore verrà al più presto dimenticato (almeno dai media e dalla gente che ha ben altre cose a cui pensare). Siamo in guerra e a contare è la lingua dei soldati. Non quella degli uomini.
08.10.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni