Fogli in libertà
Immagini articolo
Ora il Mediterraneo
entra in casa anziani
RENATO MARTINONI


Non pochi anziani scelgono di andare a vivere nel sud. Qualcuno lo fa perché cerca un clima diverso. Vuoi mettere una temperatura mite anche d’inverno, e piante e frutti e paesaggi che nei Paesi del nord si vedono solo in fotografia? E poi si va al ristorante a mangiare una pizza, e la si innaffia di buon vino, e alla fine il conto è uguale a quello di un toast e di un’acqua consumati a Zurigo. Per non parlare degli affitti, assai più abbordabili. Ci sono poi Paesi che vanno incontro ai nuovi arrivati abolendo le tasse. Insomma, la vita diventa meno cara e quindi, con i soldi della pensione, si vive meglio. Naturalmente c’è qualche costo da mettere in agenda. I figli, i nipoti e gli amici, insomma le persone care, e i luoghi in cui si è vissuto per molto tempo, si allontanano di colpo dalla quotidianità. Se serve un medico specialista magari tutto si complica. Ma, posati sui piatti della bilancia i pro e i contro, quello che si guadagna sembra maggiore di quello che si perde. E allora, dài, un bel saluto a tutti che comincia una nuova vita!
Per chi ha soldi le cose possono essere un po’ diverse. Parecchi, lo sappiamo, scelgono a loro volta di andarsene. Ma senza rinunciare allo stile di vita a cui sono abituati. Nel cantone Ticino ci sono delle "Seniorenresidenzen" pronte ad accogliere con tutto il necessario gli anziani del nord che vogliono il sole, la pace, il rispetto della privacy, i servizi sanitari (medici, infermiere, badanti) che oramai l’età richiede, la sicurezza di chi, restando in Svizzera, ha la fortuna di poter combinare i vantaggi della patria con l’aria di mare che già si respira lungo le Prealpi.
Ma c’è anche il contrario di tutto questo. Nella prossima primavera, in una casa per anziani di San Gallo, verrà inaugurato, e non è il primo, un padiglione "mediterraneo". Il personale parlerà l’italiano e sulla tavola comparirà la dieta "mediterranea". Il reparto sarà tutto riservato agli emigrati italiani (e spagnoli, e portoghesi) che hanno scelto di non tornare in patria dopo il pensionamento. Vi abiteranno, è vero, quelli che forse non sono riusciti a integrarsi appieno, imparando la lingua del luogo. Merita tuttavia di essere segnalato questo progetto che consente agli anziani che, per una vita, hanno lavorato nella Svizzera tedesca di ritrovare, nella vecchiaia, un po’ di calore delle loro origini. È un modo di ringraziarli per quello che hanno offerto. E certo anche di mettere un pezzo di Mediterraneo in un edificio immerso magari nella neve. A guadagnarci, c’è da scommetterci, saranno un po’ tutti: gli ospiti italofoni e quelli germanofoni che, di tanto in tanto, potranno fare quattro passi nel sud. Senza neanche dover prendere l’aereo.
12.11.2017


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
12.12.2018
Ampliato il ventaglio dei colori per le mappe della qualità dell'aria [www.ti.ch/oasi]
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Strasburgo:
polizia uccide
Chérif Chekatt,
l'Isis rivendica

Brexit:
la paura
degli immigrati
in Gran Bretagna