Fogli in libertà
Immagini articolo
Ora il Mediterraneo
entra in casa anziani
RENATO MARTINONI


Non pochi anziani scelgono di andare a vivere nel sud. Qualcuno lo fa perché cerca un clima diverso. Vuoi mettere una temperatura mite anche d’inverno, e piante e frutti e paesaggi che nei Paesi del nord si vedono solo in fotografia? E poi si va al ristorante a mangiare una pizza, e la si innaffia di buon vino, e alla fine il conto è uguale a quello di un toast e di un’acqua consumati a Zurigo. Per non parlare degli affitti, assai più abbordabili. Ci sono poi Paesi che vanno incontro ai nuovi arrivati abolendo le tasse. Insomma, la vita diventa meno cara e quindi, con i soldi della pensione, si vive meglio. Naturalmente c’è qualche costo da mettere in agenda. I figli, i nipoti e gli amici, insomma le persone care, e i luoghi in cui si è vissuto per molto tempo, si allontanano di colpo dalla quotidianità. Se serve un medico specialista magari tutto si complica. Ma, posati sui piatti della bilancia i pro e i contro, quello che si guadagna sembra maggiore di quello che si perde. E allora, dài, un bel saluto a tutti che comincia una nuova vita!
Per chi ha soldi le cose possono essere un po’ diverse. Parecchi, lo sappiamo, scelgono a loro volta di andarsene. Ma senza rinunciare allo stile di vita a cui sono abituati. Nel cantone Ticino ci sono delle "Seniorenresidenzen" pronte ad accogliere con tutto il necessario gli anziani del nord che vogliono il sole, la pace, il rispetto della privacy, i servizi sanitari (medici, infermiere, badanti) che oramai l’età richiede, la sicurezza di chi, restando in Svizzera, ha la fortuna di poter combinare i vantaggi della patria con l’aria di mare che già si respira lungo le Prealpi.
Ma c’è anche il contrario di tutto questo. Nella prossima primavera, in una casa per anziani di San Gallo, verrà inaugurato, e non è il primo, un padiglione "mediterraneo". Il personale parlerà l’italiano e sulla tavola comparirà la dieta "mediterranea". Il reparto sarà tutto riservato agli emigrati italiani (e spagnoli, e portoghesi) che hanno scelto di non tornare in patria dopo il pensionamento. Vi abiteranno, è vero, quelli che forse non sono riusciti a integrarsi appieno, imparando la lingua del luogo. Merita tuttavia di essere segnalato questo progetto che consente agli anziani che, per una vita, hanno lavorato nella Svizzera tedesca di ritrovare, nella vecchiaia, un po’ di calore delle loro origini. È un modo di ringraziarli per quello che hanno offerto. E certo anche di mettere un pezzo di Mediterraneo in un edificio immerso magari nella neve. A guadagnarci, c’è da scommetterci, saranno un po’ tutti: gli ospiti italofoni e quelli germanofoni che, di tanto in tanto, potranno fare quattro passi nel sud. Senza neanche dover prendere l’aereo.
12.11.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe