Fogli in libertà
Immagini articolo
La violenza non si batte
solo con una scollatura
RENATO MARTINONI


Quello che abbiamo alle spalle è stato un anno di ripetute denunce contro il femminicidio. Potrà sembrare esagerato questo continuo tam tam mediatico che inneggia alla ribellione. Ma la memoria degli uomini è corta e selettiva. Tanto in fretta ci dimentichiamo di quello che succede. Troppo spesso poi ricordiamo solo quello che ci piace, e intanto releghiamo in un ripostiglio le cose passate che ci danno fastidio. Anche per questo l’opera di sensibilizzazione - cioè il parlarne nei telegiornali, alla radio, sui quotidiani e (possiamo oramai non citarli?) sui "social" - resta indispensabile. Non solo per augurarci che le cose migliorino. Ma anche e soprattutto per evitare che peggiorino ulteriormente.
Hanno dunque ragioni da vendere quelli che si lamentano. Troppo frequenti e troppo gravi sono le violenze fatte sulle donne. Ma occorre anche evitare di costruire due fronti contrapposti. Quello delle donne, da un lato, e quello dei maschi, dall’altro. Bisognerebbe invece distinguere fra chi rispetta le regole e chi non lo fa. Maschi o femmine che siano. Fra chi si comporta da vero galantuomo e chi da perfetto mascalzone.
Negli Stati Uniti si è approfittato di un evento mondano, la consegna dei Golden Globes, per protestare contro la violenza sulle donne che, si sa, sta lì dietro l’angolo. E allora, dài, hanno detto gli invitati, per una volta lasciamo nelle cabine armadio gli abiti sgargianti e vestiamoci tutti di nero. Così hanno fatto le star passate sul tappeto rosso (non sempre, a dire il vero, con gli occhi bassi e l’aria da educande). E tutti a ripetere degli slogan, a battere le mani e a commuoversi come solo sanno fare in America. Non può essere il denaro o la forza dei muscoli a mettere in ginocchio le donne, a umiliarle, a offenderle. Le conseguenze di ogni forma di violenza, da quelle soft a quelle più brutali, sono spesso devastanti. Tanto da togliere la parola, e il coraggio di parlare, a tante donne che sono state vittime di maschi brutali e sprezzanti.
Non può non sorprendere, però, che alla festa dei Golden Globes ci fossero anche donne, vestite sì di nero, ma che esibivano cosce abbronzate e scollature da capogiro. Viene anzi da chiedersi: qual è il senso di questa esposizione? Pensare che un maschio debba tenere gli occhi a posto, come un seminarista, sarebbe troppo ingenuo. Il gioco della seduzione, si sa, non è una fissa che sta solo nella testa dei maschi. E allora anche le donne facciano la loro parte. Stiamo poi attenti a non creare nuove forme di puritanesimo. E soprattutto, quando condanniamo ogni forma di violenza, non bruciamo il bello della vita. Perché le visioni troppo radicali non hanno niente a che vedere con il rispetto della donna.
14.01.2018


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se la democrazia
è a colpi di canone
L'INCHIESTA

"Troppe espulsioni
sgretolano le famiglie"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Al miliardario velista
il "flash" costa caro
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Risiko criptovalute
simulando Wall Street
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
22.01.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2017
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio