Fogli in libertà
Immagini articolo
Gli svizzeri tedeschi
e la nonna italiana
RENATO MARTINONI


Un’inchiesta fatta nella Svizzera tedesca rivela un inatteso amore dei nostri compatrioti germanofoni, specie quelli giovani, per tutto ciò che sa di Italia. Alcuni si spacciano per italiani senza neanche esserlo. Altri provano invidia per i cosiddetti "secondos" e per i "terzos", cioè i figli di seconda e di terza generazione. Altri ancora tirano in ballo la bisnonna emigrata dal Belpaese per avere un appiglio e potersi dire un poco italiani. C’è persino chi si fa tingere di nero i capelli per simulare un’aria "mediterranea". Le ragazzine, sembra, apprezzano molto. Essere italiani, per il mondo nordico, vuol dire avere temperamento, amare la "dolce vita", essere simpatici, sapersela godere.
Per questo c’è anche chi si presenta sui "social" spacciandosi per italiano. Anche se in realtà è un bernese-doc e conosce soltanto qualche parola da snocciolare per l’occasione: "ciao", "amore", "pizza", "spaghetti napolitana". Alla domanda (fatta per davvero): "Se un’analisi del Dna dovesse rivelare che nel tuo sangue c’è una piccola goccia d’Italia, tu come reagiresti?", è stato risposto in genere: "Sarei contento (o contenta) di questa felice scoperta". "Andrei in giro a testa alta". Perfino un conservatorissimo uomo politico dell’Udc ha ammesso alla televisione di ammirare le feste familiari che si fanno nelle case d’Italia. Con il codazzo chiassoso di parenti, zii, cugini, genitori, figli e nipoti, che in certe occasioni siedono intorno al tavolo per fare insieme una bella allegria. Intanto in cucina la nonna prepara la pastasciutta e il nonno stappa il fiasco. In un’epoca in cui la famiglia è sempre più allo sfascio, l’Italia pare essere il paese che meglio resiste a questo cattivo andazzo.
Sono passati gli anni del razzismo anti-italiano, delle iniziative contro l’inforestierimento, incentrate sull’immigrazione, delle parole "Tschingg", "Polentafresser", "Spaghettifresser" dette con disprezzo. Mangiare spaghetti, polenta o pasta e fagioli è anzi diventato un trend assai gradito sulle tavole elvetiche. Amano l’ordine, la puntualità e la serietà, gli Svizzeri. Ma condiscono volentieri queste virtù con ingredienti "italiani": la gioia di vivere, la passione, i sentimenti espressi, l’emozionalità. Essere un "Italo" è oramai diventato un pregio. E più ci si allontana dal confine meridionale del nostro paese, più questo fenomeno sembra diffondersi a macchia d’olio. C’è da rallegrarsi di questo modo di guardare all’Italia. Peccato che esso si scontri giornalmente con un quadro, quello offerto dal mondo politico romano, che più triste di così non si può. Fortuna che agli Svizzeri, più che i mali perversi dell’Italia, interessa l’Italia. Quella più vera. Quella che resiste.
15.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento