Fogli in libertà
Immagini articolo
Il giorno del dolore
e la morte nella pittura
RENATO MARTINONI


Da quando l’uomo ragiona (si fa per dire) con la mente, e sente con il cuore, il suo rapporto con la morte è perlomeno complesso. Ce lo dicono le testimonianze, spesso strazianti, degli antichi. Lo si vede ancora più chiaramente nel terzo millennio, in una società che finge che la morte non esiste. Dire che la morte è un mistero è oramai una banalità che solo la fede in Dio o la fiducia negli sciamani, che giurano, beati loro, di saper dialogare con l’Aldilà, riesce a scalfire. Pochi di noi si augurano di poter morire e molti fanno di tutto, magari ricorrendo alla scaramanzia, per tenere lontana la Dama della Falce. Che, maledetta!, non cessa un istante di tenerci d’occhio.
Una volta all’anno, però, il calendario annuncia il giorno dei Defunti. Come per miracolo, l’uomo si ridesta da un atavico torpore per ricordarsi di chi un tempo c’era e ora non c’è più. Allora si va con il pensiero ai propri cari. Si cercano le cose che loro ci hanno lasciato. Si accarezzano ricordi infarciti di malinconie. Ci si consola magari pensando al giorno del giudizio. Miliardi di anime sapranno ritrovarsi come il ferro e la calamita. Altri si abbandonano a più grevi pensieri. "Cosa ci sarà, dopo?", si chiedono sentendo il fiato mancare. Qualcuno, tornando al cimitero, è già passato un anno dall’ultima volta, guarda un volto che lo osserva da una foto. Allora i ricordi si mescolano a strani sentimenti. Altri alzano gli occhi su una cappella e trovano versi celebri come quelli di Petrarca: "O ciechi, il tanto affaticar che giova? / Tutti tornate a la gran madre antica, / e ‘l vostro nome a pena si ritrova". A cosa serve scaldarsela tanto, magari con l’illusione di lasciare delle tracce dietro di sé? La "madre antica" è tutta fatta di polvere. I nomi scolpiti nella pietra verranno lavati dalla pioggia. Il ricordo di noi sparirà in un baleno. Amen.
Quanti pittori e scultori hanno voluto rappresentare la morte? I morti di peste, i morti in battaglia, i morti nelle gallerie, i morti in montagna, i morti per amore. Come Cleopatra avvelenata dal serpente. O Paolo e Francesca uccisi con il pugnale. C’è anche chi, la morte, l’ha osservata mentre arriva per rapire qualcuno. Viene alla mente Ferdinand Hodler che ha dipinto in più quadri, e in momenti diversi, la sua donna morente. Sono immagini struggenti che difficilmente si dimenticano. Chi voglia provare un’analoga emozione vada a vedere la mostra delle opere del pittore Franco Francese, allestita da Mario Matasci nel suo Museo di Riazzino. C’è una sala con la moglie dell’artista, ammalata, sofferente, scarnificata, morente, moribonda, morta. Guardare quelle immagini è un bel modo per riflettere. Non solo, come spesso si fa, nel giorno dei Morti.
04.11.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur