Fuori dal coro
Immagini articolo
La scommessa vinta
da due donne
GIÒ REZZONICO


Vorrei narrare oggi la storia di due donne, Flora Ruchat Roncati e Anna Ruchat, che hanno vinto la scommessa con la vita nonostante il loro racconto inizi con una tragedia. Il 25 ottobre del 1960 un aereo militare Hunter si schianta sulla pista dell’aeroporto di Meiringen e il pilota muore. Era il suo ultimo volo, perché André, marito di Flora, aveva deciso di abbandonare l’aviazione per amore della moglie e della figlia. Sulla vicenda e sulla figura del padre Anna ha scritto più tardi "Volo in ombra" (edizione Quarup).
Flora rimane sola con Anna, che ha un anno, mentre ancora studia architettura al Politecnico di Zurigo. Ha il sostegno di molti amici – gli architetti Rino Tami (suo maestro), Lio Galfetti, Ivo Trümpy, Mario Campi, Tita Carloni, il poeta Franco Beltrametti, il politico Pietro Martinelli – ma sa che deve farcela da sola. "Ci ha salvate – racconta Anna – la forza di mia madre che credeva nei nostri mezzi. Aveva fiducia in se stessa ed io in lei: mi ha insegnato a contare su di me".
Ed è attraverso i valori trasmessi da Flora ad Anna che vorremmo scoprire questa bella figura di donna. "Mia madre – prosegue Anna – non ha mai voluto adagiarsi nel ruolo della vittima, sebbene fosse molto arrabbiata con l’esercito, che riteneva responsabile della scomparsa di mio padre. Era però convinta che fossimo fortunate nella sfortuna, perché disponevamo delle risorse materiali necessarie per costruire una vita". E il primo strumento era quello del lavoro. Flora finisce gli studi di architettura nel 1961 e inizia una professione tipicamente maschile con a carico una bimba da crescere. "Il lavoro – continua Anna – è stato sempre al centro nella vita di mia madre. Ecco un altro valore che mi ha trasmesso. Nei confronti dei colleghi uomini aveva un atteggiamento paritario, non seduttivo. Era convinta che anche per una donna fosse possibile affermarsi in una professione ritenuta prettamente maschile". Nel 1985 è stata la prima figura femminile ad occupare la cattedra di progettazione e disegno al Politecnico di Zurigo. Non è un merito, sosteneva, ma una vergogna che non ce ne fossero state altre prima di lei.
"D’altra parte però – racconta la figlia – a mia madre non piaceva il femminismo rivendicativo. Era convinta che anche le donne dovessero conquistarsi il lavoro dimostrando le loro capacità. La sua forza consisteva nel saper essere se stessa e non nell’essere donna. Una determinazione che ha saputo trasmettere anche attraverso l’insegnamento, infondendo ai suoi allievi la passione per il lavoro".
"Ma per lei non c’era solo il lavoro. Nei primi anni Settanta mia madre ha conosciuto il suo compagno di una vita, il sindacalista e poeta Leo Zanier, e nel 1974 è nata mia sorella Elisa. Questa è stata per lei la vera "vittoria" sul destino".
10.04.2016


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Non si fa abbastanza
contro le molestie
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il pensionato tradito
dall'attempata escort
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Metanolo
assassino
in India

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 13