Fuori dal coro
Immagini articolo
Per l'Osservatorio
autonomia a rischio
GIÒ REZZONICO


Una delle maggiori difficoltà dell’uomo di oggi nei confronti della società in cui vive consiste nel capire i cambiamenti in atto e quindi quale direzione sta prendendo la nostra vita sociale. E questo soprattutto perché i mutamenti avvengono sempre più rapidamente e i problemi da risolvere diventano più complessi. Ebbene, il nostro cantone ha la fortuna di poter disporre di un istituto, l’Osservatorio della vita politica regionale, con sede all’Università di Losanna, che fornisce regolarmente studi molto interessanti sui cambiamenti che avvengono nella nostra piccola società. Il costo a carico del Ticino per questa collaborazione è di 300mila franchi all’anno, di cui 100mila finanziati dalla Confederazione. Si tratta di una cifra davvero modesta per il contributo che si riceve in cambio. Eppure questo servizio è in pericolo. Apparentemente per alleggerire il budget delle spese cantonali, ma le ragioni vere sembrano invece più profonde e hanno a che fare con la nostra "cultura" politica. Ma prima di esaminare il perché di questa minaccia è forse opportuno spiegare più chiaramente di che cosa si occupa l’Osservatorio. Dal 2011, ossia da quando è stato trasferito a Losanna, dopo essere nato in seno all’Ufficio ticinese di statistica, l’istituto analizza il voto dei ticinesi per il rinnovo del Consiglio di Stato e del Gran consiglio e in occasione di votazioni popolari importanti, come ad esempio per "Prima i nostri" e per il canone Ssr; ha pubblicato studi sulle opinioni e il gradimento dei cittadini verso le aggregazioni comunali. Inoltre, sono numerose le ricerche sui partiti politici, sulle campagne e sul personale politico, come quella in corso di svolgimento, che confronta Lugano, Zurigo, Losanna e Lucerna, finanziata dal Fondo nazionale per la ricerca scientifica.
I politici nostrani dovrebbero dimostrarsi molto interessati a disporre di analisi di questo genere ed in effetti Oscar Mazzoleni, direttore dell’Osservatorio, riconosce che molti lo sono. Altri invece paiono infastiditi dalle analisi proposte dall’istituto, forse perché non credono nell’esame scientifico dei risultati elettorali, o più probabilmente perché non si confrontano volentieri con la realtà e preferiscono illudersi che la società sia ancora come loro se la immaginano o vorrebbero che fosse. Infastidisce inoltre l’autonomia intellettuale e di ricerca di cui gode l’istituto inserito in un ambito accademico. E probabilmente, per esperienza personale di chi scrive, questa autonomia non irrita solo i politici, ma anche alcuni alti funzionari che non vedono di buon occhio l’intromissione di studiosi esterni nella loro sfera di attività.
C’è davvero da sperare che in marzo, quando dovrà essere confermata o meno la collaborazione con l’Università di Losanna per l’Osservatorio, prevalga l’interesse comune e non l’ostilità al progetto di alcuni politici e funzionari.
10.09.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe