Fuori dal coro
Immagini articolo
Il Merlot da ricordare
di due ferrovieri
GIÒ REZZONICO


A  chi, come me, ama il vino vorrei segnalare l’importante successo dell’enologia ticinese al "Grand Prix du Vin Suisse". Nella categoria Merlot il primo posto è andato a "Piccola Vigna barrique" 2013, che ha vinto anche il "Vinissimo Vino Rosso", il premio alla bottiglia che più di tutte ha conquistato i giurati. Il palmares ticinese si è completato con il terzo posto, sempre nella categoria Merlot, di "Castelrotto" 2015 prodotto da Carlo Tamborini e con i diplomi andati a "Pian Marnino Merlot" 2015 dell’omonima azienda e a "Ronco dei Profeti" 2015 della Tenuta Luigina. Nella categoria Assemblaggi sono arrivati in finale "Vindala" 2014 della Cantina Settemaggio e "M&G" 2015 della Cantina Magiro, mentre per i vini dolci è stato selezionato "Millefiori" 2015 dell’Azienda Agriloro.
Il "Grand Prix du Vin Suisse" è il secondo grande test annuale elvetico per i vini ticinesi. Mentre il "Mondial du Merlot & Assemblages", l’altro importante concorso, offre alle nostre cantine l’occasione di misurarsi a livello internazionale, il "Grand Prix du Vin Suisse" permette di confrontarsi su piano nazionale. Al "Mondial" il Ticino si era aggiudicato 4 premi speciali su 8, il grande oro, 17 medaglie d’oro e 38 d’argento. Il concorso svizzero non ha fatto che confermare il successo della nostra enologia, che da ormai una trentina di anni viaggia con il vento in poppa e non teme confronti.
I trionfatori ticinesi del 2017 sono comunque incontestabilmente due simpatici produttori del Mendrisiotto: Piermarco Soldini e Pierwalter Trapletti. Al "Mondial" il loro "Piccola Vigna barrique" del 2012 era stato giudicato miglior vino del concorso, migliore svizzero e grande oro. Al "Grand Prix" nazionale la stessa etichetta, ma dell’annata seguente, ha vinto nella categoria Merlot ed è stata il vino rosso in assoluto più apprezzato dalla giuria su centinaia di concorrenti. Davvero un grande successo! Soprattutto se si pensa che si tratta di un cosiddetto "vin de garage" come i francesi definiscono i vini prodotti negli scantinati di casa. I titolari della cantina sono due ferrovieri che vinificano per hobby. Piermarco Soldini, che ora è in pensione, aveva semplicemente seguito un corso di una settimana all’Azienda agraria di Mezzana. La cantina non dispone di nessuna sofisticazione tecnica: solo di un apparecchio per stabilizzare la temperatura. Una conferma che i grandi vini si fanno nel vigneto. I due cognati, amici e colleghi, non si sono certo montati la testa dopo tutti questi successi. "Abbiamo partecipato a questi concorsi - affermano - solo perché volevamo una verifica sul nostro lavoro". E che verifica! aggiungiamo noi. "Ora - proseguono - continueremo come finora a coltivare la nostra passione. Ma questo per noi deve rimanere un hobby, un piacere, non diventare un lavoro". Continueranno pertanto a produrre non più di 4-5000 bottiglie di cui al massimo un migliaio, e solo nelle annate migliori, di "Piccola Vigna barrique".
12.11.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin