Fuori dal coro
Immagini articolo
Quei valori del '68
nelle idee di Kennedy
GIÒ REZZONICO


Sono passati cinquant’anni dai movimenti studenteschi del Sessantotto. Per chi li ha vissuti, come chi scrive, hanno rappresentato un momento importante della vita. Quest’anno se ne parlerà molto. Vorrei raccontare, retrospettivamente e introspettivamente, come li ho vissuti.
Ero attratto dai discorsi di Bob Kennedy, che dopo l’assassinio del fratello John era pure lui in corsa per diventare presidente degli Stati Uniti. E lo sarebbe con ogni probabilità diventato se non l’avessero ucciso. Oggi i Kennedy sono ammirati anche dalla sinistra. A quei tempi come kennediano venivi deriso. Non è stato facile l’impatto con un mondo che era diverso da quello a cui appartenevo.
Mi sono così opposto ai miei compagni che protestavano. Non era semplice, ma ci siamo sempre rispettati; eravamo in buona fede.  Proprio per questa ragione più tardi mi sono chiesto se su molte rivendicazioni non avessero ragione loro: penso alle pari opportunità e alla democratizzazione negli studi; alla parità dei sessi; al rifiuto dell’autoritarismo; alle conquiste sociali. Principi che, sebbene portati avanti in altri modi, ritrovavo anche nei discorsi di Bob Kennedy, come Valter Veltroni, ex leader della sinistra italiana, ha poi sottolineato decenni più tardi.
Non potevo però tollerare i modi di quei miei compagni che avevano eretto barricate, anche se in Ticino erano solo ideologiche. È vero che anche sull’altro fronte, gli adulti, erano in pochi coloro che accettavano le contestazioni e cercavano il dialogo. I più si irrigidivano mostrando il lato peggiore del potere: l’ipocrisia. Condannavano i miei compagni per i metodi di lotta usati, ma i loro non erano migliori. Fermi sulle loro posizioni, non si mettevano in discussione.
Ero a disagio sia verso i compagni di scuola contestatori sia verso gli adulti. Avrei voluto trovare una via per condividere le rivendicazioni che mi sembravano giuste. Ma ti si chiedeva di stare da una parte o dall’altra. E dalle due parti erano arrabbiati: gli uni perché si sentivano vittime di un sistema, gli altri perché non avevano nessuna intenzione di mettere in gioco i loro privilegi.
Mi sentivo un privilegiato perché non avevo voglia di studiare ma ciò malgrado avevo la possibilità di farlo. Provenivo da una famiglia piccolo-borghese dove per nostra fortuna non abbiamo mai avuto problemi finanziari e nella quale ciò che avevamo era ritenuto un diritto acquisito, senza troppo preoccuparsi di chi faceva fatica.
Negli anni ho imparato che si può essere corretti, impegnati e preoccupati per le condizioni dei più anche accettando le proprie origini, senza sentirsi in colpa ma battendosi per costruire un mondo più giusto.
11.02.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Gli ospedali diventano
cliniche specializzate
L'INCHIESTA

Il successo di Airbnb
infastidisce gli hotel
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Niente video porno
tra i caffè americani
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I giganti del mercato
condizionano gli Stati
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La silente resistenza
del Califfato islamico
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
09.12.2018
Nuovo orario 2019 per i mezzi di trasporto pubblico in Ticino [www.ti.ch/trasporti]
07.12.2018
Concorsi scolastici 2019/2020 - è aperto il concorso per la nomina e l'incarico di docenti e operatori
06.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2018
05.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2018
05.12.2018
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2018
29.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2018
28.11.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 10 dicembre 2018.
26.11.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

La Cina
rilancia
la "Corsa
alla Luna"

Strage
di Corinaldo:
la discoteca
era sovraffollata