Fuori dal coro
Immagini articolo
La difficile verità
dei media digitali
GIÒ REZZONICO


Dopo una settimana di dichiarazioni e titoli sui giornali che ricordavano gli anni della guerra fredda, nella notte tra venerdì e sabato gli Stati Uniti, appoggiati da Gran Bretagna e Francia, hanno attaccato la Siria. La spedizione punitiva di Trump è motivata dal supposto utilizzo da parte dell’esercito siriano, con la compiacenza dei suoi alleati russi, di armi chimiche. Obiettivo dei bombardamenti sembra fossero proprio i depositi dove venivano realizzate e custodite queste armi micidiali. Molti di noi si chiedono se il "presunto attacco chimico" di cui hanno parlato i media sia una realtà. Come non pensare a quanto è accaduto nel 2003, quando l’opinione pubblica mondiale fu ingannata con immagini false per giustificare l’intervento in Iraq contro Saddam? È più che lecito porsi questa domanda. Eppure nei giorni scorsi abbiamo letto e sentito testimonianze di persone che hanno constatato con i loro occhi gli effetti dell’uso di armi chimiche in Siria. Abbiamo visto anche le immagini. Allora ci si chiede: quelle fotografie saranno vere? Quelle testimonianze sono state costruite dai servizi segreti per depistare la verità? E poi: l’attacco è stato perpetrato veramente dai siriani, oppure da altri per mettere in cattiva luce la Siria ed i suoi alleati? Sappiamo che Trump è sotto assedio per l’inchiesta sul Russiagate. Quale stratagemma potrebbe essere migliore, per dimostrare che il Russiagate è una montatura, di quello di mostrarsi intransigente verso Mosca? Fantapolitica? Forse. Non sappiamo se queste supposizioni possano avere un fondamento oppure no.
Ma siamo però purtroppo autorizzati a porci queste domande, perché ormai sappiamo che le notizie da cui siamo bombardati sono spesso false e costruite per ingannarci, come spiega bene Marcello Foa nel suo libro fresco di stampa "Gli stregoni della notizia. Atto secondo" (Guerini e associati editore). E queste informazioni sono di due tipi. Il primo riguarda la narrazione di fatti effettivamente accaduti, come i morti ammazzati dalle armi chimiche, proposta da giornalisti spesso in buona fede. Descrivono ciò che vedono dopo essere magari stati tratti in inganno. Il secondo concerne notizie assolutamente inventate e diffuse in cattiva fede da esperti della comunicazione per influenzare le nostre opinioni. Come fa il cittadino a difendersi di fronte a tante menzogne? La domanda è davvero inquietante, ma porsela è fondamentale. Anche la maggior parte dei giornalisti di fronte a queste realtà è impotente e può solo tentare di scavare per scoprire la verità, ma, lo sappiamo, spesso non c’è il tempo o mancano i mezzi. La manipolazione dell’informazione è un problema che è sempre esistito, ma la comunicazione digitale la rende più facile.
15.04.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento