Fuori dal coro
Immagini articolo
La difficile verità
dei media digitali
GIÒ REZZONICO


Dopo una settimana di dichiarazioni e titoli sui giornali che ricordavano gli anni della guerra fredda, nella notte tra venerdì e sabato gli Stati Uniti, appoggiati da Gran Bretagna e Francia, hanno attaccato la Siria. La spedizione punitiva di Trump è motivata dal supposto utilizzo da parte dell’esercito siriano, con la compiacenza dei suoi alleati russi, di armi chimiche. Obiettivo dei bombardamenti sembra fossero proprio i depositi dove venivano realizzate e custodite queste armi micidiali. Molti di noi si chiedono se il "presunto attacco chimico" di cui hanno parlato i media sia una realtà. Come non pensare a quanto è accaduto nel 2003, quando l’opinione pubblica mondiale fu ingannata con immagini false per giustificare l’intervento in Iraq contro Saddam? È più che lecito porsi questa domanda. Eppure nei giorni scorsi abbiamo letto e sentito testimonianze di persone che hanno constatato con i loro occhi gli effetti dell’uso di armi chimiche in Siria. Abbiamo visto anche le immagini. Allora ci si chiede: quelle fotografie saranno vere? Quelle testimonianze sono state costruite dai servizi segreti per depistare la verità? E poi: l’attacco è stato perpetrato veramente dai siriani, oppure da altri per mettere in cattiva luce la Siria ed i suoi alleati? Sappiamo che Trump è sotto assedio per l’inchiesta sul Russiagate. Quale stratagemma potrebbe essere migliore, per dimostrare che il Russiagate è una montatura, di quello di mostrarsi intransigente verso Mosca? Fantapolitica? Forse. Non sappiamo se queste supposizioni possano avere un fondamento oppure no.
Ma siamo però purtroppo autorizzati a porci queste domande, perché ormai sappiamo che le notizie da cui siamo bombardati sono spesso false e costruite per ingannarci, come spiega bene Marcello Foa nel suo libro fresco di stampa "Gli stregoni della notizia. Atto secondo" (Guerini e associati editore). E queste informazioni sono di due tipi. Il primo riguarda la narrazione di fatti effettivamente accaduti, come i morti ammazzati dalle armi chimiche, proposta da giornalisti spesso in buona fede. Descrivono ciò che vedono dopo essere magari stati tratti in inganno. Il secondo concerne notizie assolutamente inventate e diffuse in cattiva fede da esperti della comunicazione per influenzare le nostre opinioni. Come fa il cittadino a difendersi di fronte a tante menzogne? La domanda è davvero inquietante, ma porsela è fondamentale. Anche la maggior parte dei giornalisti di fronte a queste realtà è impotente e può solo tentare di scavare per scoprire la verità, ma, lo sappiamo, spesso non c’è il tempo o mancano i mezzi. La manipolazione dell’informazione è un problema che è sempre esistito, ma la comunicazione digitale la rende più facile.
15.04.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni