Fuori dal coro
Immagini articolo
La difficile verità
dei media digitali
GIÒ REZZONICO


Dopo una settimana di dichiarazioni e titoli sui giornali che ricordavano gli anni della guerra fredda, nella notte tra venerdì e sabato gli Stati Uniti, appoggiati da Gran Bretagna e Francia, hanno attaccato la Siria. La spedizione punitiva di Trump è motivata dal supposto utilizzo da parte dell’esercito siriano, con la compiacenza dei suoi alleati russi, di armi chimiche. Obiettivo dei bombardamenti sembra fossero proprio i depositi dove venivano realizzate e custodite queste armi micidiali. Molti di noi si chiedono se il "presunto attacco chimico" di cui hanno parlato i media sia una realtà. Come non pensare a quanto è accaduto nel 2003, quando l’opinione pubblica mondiale fu ingannata con immagini false per giustificare l’intervento in Iraq contro Saddam? È più che lecito porsi questa domanda. Eppure nei giorni scorsi abbiamo letto e sentito testimonianze di persone che hanno constatato con i loro occhi gli effetti dell’uso di armi chimiche in Siria. Abbiamo visto anche le immagini. Allora ci si chiede: quelle fotografie saranno vere? Quelle testimonianze sono state costruite dai servizi segreti per depistare la verità? E poi: l’attacco è stato perpetrato veramente dai siriani, oppure da altri per mettere in cattiva luce la Siria ed i suoi alleati? Sappiamo che Trump è sotto assedio per l’inchiesta sul Russiagate. Quale stratagemma potrebbe essere migliore, per dimostrare che il Russiagate è una montatura, di quello di mostrarsi intransigente verso Mosca? Fantapolitica? Forse. Non sappiamo se queste supposizioni possano avere un fondamento oppure no.
Ma siamo però purtroppo autorizzati a porci queste domande, perché ormai sappiamo che le notizie da cui siamo bombardati sono spesso false e costruite per ingannarci, come spiega bene Marcello Foa nel suo libro fresco di stampa "Gli stregoni della notizia. Atto secondo" (Guerini e associati editore). E queste informazioni sono di due tipi. Il primo riguarda la narrazione di fatti effettivamente accaduti, come i morti ammazzati dalle armi chimiche, proposta da giornalisti spesso in buona fede. Descrivono ciò che vedono dopo essere magari stati tratti in inganno. Il secondo concerne notizie assolutamente inventate e diffuse in cattiva fede da esperti della comunicazione per influenzare le nostre opinioni. Come fa il cittadino a difendersi di fronte a tante menzogne? La domanda è davvero inquietante, ma porsela è fondamentale. Anche la maggior parte dei giornalisti di fronte a queste realtà è impotente e può solo tentare di scavare per scoprire la verità, ma, lo sappiamo, spesso non c’è il tempo o mancano i mezzi. La manipolazione dell’informazione è un problema che è sempre esistito, ma la comunicazione digitale la rende più facile.
15.04.2018


IL CONCORSO

IL PIÙ BEL VILLAGGIO
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

"Cambiamo la legge,
è facile avere armi"
L'INCHIESTA

Richiedenti l'asilo
a lezione d'"amore"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il mondo del lavoro
contro i "puzzoni"
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I nuovi consumatori
influenzano i marchi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, maggio 2018
08.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, primo trimestre 2018
06.06.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 18 giugno 2018.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Russiagate:

i democratici
all'attacco

Pakistan:

elezioni
di sangue