Fuori dal coro
Immagini articolo
Il Ticino raccontato
per sedici lunghi anni
GIÒ REZZONICO


Il Ticino offre a un giornalista molti spunti per articoli interessanti. Mi è successo spesso di anticipare problematiche, che pochi mesi dopo sono diventate di grande attualità anche oltre Gottardo". Ad affermarlo è Alexander Grass, corrispondente dal nostro cantone per 16 anni della radio della Svizzera tedesca e da qualche settimana in pensione. Dopo gli studi in economia politica all’università di Zurigo aveva lavorato per "Wochenzeitung"e per Keystone prima di approdare nel 1989 alla radio della Svizzera tedesca. Qui ha lavorato dapprima alla redazione esteri, di cui è stato responsabile ed inviato: "Non dimenticherò mai l’emozione di aver potuto raccontare in diretta da Berlino la caduta del muro", racconta. In seguito a un periodo difficile si reinventa, passa dal macro al microcosmo e diventa corrispondente del Ticino. "Si è trattato di un radicale cambiamento culturale: se prima lavoravo in team, come corrispondente dal sud delle Alpi ho dovuto imparare a gestirmi in modo autonomo. Lavorando alla politica estera non c’era che l’imbarazzo della scelta sia per le tematiche, sia per le fonti. Come corrispondente da una piccola realtà sei invece tu che ogni giorno devi andarti a cercare argomenti e fonti necessarie per trattarli".
Sedici anni sono tanti. "Devo premettere che provo un profondo sentimento di gratitudine per questo Paese, che mi ha accolto generosamente e dove ho vissuto un periodo professionale molto intenso. Ho avuto la fortuna di poter assistere a un momento storico con la realizzazione di Alptransit, che ha aperto una nuova pagina di storia. Penso alle due fasi di questo progetto. La prima, con l’inaugurazione un anno e mezzo fa della galleria di base del San Gottardo, ha avvicinato il sud al nord delle Alpi, offrendo enormi opportunità al Ticino. La seconda, che si concluderà tra poco più di un anno, con l’inaugurazione del tunnel di base del Ceneri, trasformerà di fatto il Ticino in una città-regione, dove Lugano disterà meno di 20 minuti di treno da Bellinzona e poco più di 20 minuti da Locarno. Una realizzazione che comporterà un cambiamento di mentalità abbattendo la barriera tra Sopra e Sottoceneri".
Ma non tutto è positivo. "Mi preoccupano l’eccessiva cementificazione e le estenuanti colonne in strada: entrambi frutto di una politica pianificatoria poco lungimirante. D’altra parte la politica ticinese piuttosto che trovare soluzioni ai problemi mi sembra più propensa a creare paure nei cittadini. A mio parere la politica dovrebbe essere un’arte. Così come un architetto è chiamato a costruire una casa bella, funzionale, sicura e stabile, i politici dovrebbero legiferare con spirito costruttivo risolvendo i problemi nel rispetto delle leggi nazionali e degli accordi internazionali".
13.05.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14