Fuori dal coro
Immagini articolo
Dopo il no al Parco
ecco nuove polemiche
GIÒ REZZONICO


Quale futuro per le Centovalli e l’Onsernone dopo il no al Parco nazionale del Locarnese? Molto difficilmente assisteremo alla presentazione di nuovi importanti progetti per lo sviluppo di queste valli. Il Parco ne aveva sostenuti oltre 150, in gran parte realizzati. I progetti pianificati per i primi 10 anni si sono invece sciolti come neve al sole, così come gli indotti. Certamente i comuni, i patriziati, l’Ente di sviluppo regionale riprenderanno la progettualità, ma difficilmente potranno avere l’efficacia che avrebbero avuto sotto il cappello del Parco. Le nuove iniziative non saranno infatti più ispirate a un concetto globale di interesse turistico, a un lavoro di coordinamento e, non da ultimo, verranno a mancare oltre 5 milioni di finanziamenti annuali, che sarebbero stati in buona parte destinati a rivitalizzare alcune zone discoste che costituiscono una delle maggiori attrazioni del Locarnese. In Valle di Blenio, dopo la bocciatura del Parc Adula, c’è ora chi si chiede chi penserà allo sviluppo della regione. E questo sta già accadendo nelle Centovalli e in Onsernone. Con quale entusiasmo chi è stato smentito dalle urne si lancerà in nuove iniziative, dopo che la sua buona fede è stata più volte messa in dubbio prima e dopo la votazione? E con quali soldi, visto che senza Parco i finanziamenti destinati a sostenere questo progetto sono svaniti? Nell’interrogazione del 18 giugno 2018 firmata Cleto Ferrari - Pamini - Pinoia si afferma: "È doveroso versare comunque a entrambe le regioni gli importi finanziari cantonali previsti nel caso di creazione del parco a Piano finanziario". Ma questo è poco probabile che avvenga perché quei finanziamenti era condizionati a un progetto globale.
E gli oppositori del Parco che fanno? Non toccherebbe eticamente a loro avanzare adesso delle proposte? Ho sempre pensato che l’opposizione al Parco fosse dettata non da una visione politica, ma dalla preoccupazione di mantenere uno stile di vita senza interferenze dall’esterno. Oggi però, vedendo che anche dopo la vittoria alle urne le polemiche proseguono, mi sorgono dei dubbi. Come spiegare affermazioni quali: "Le persone che piangono il parco sono le stesse che vanno sostituite al più presto se vogliamo dare slancio e futuro alle nostre regioni"… "Il modo di governare adottato da certe persone è superato"… "Sembra legittimo sbarazzarsi dei politici al potere … che hanno nascosto ipocritamente un puerile ed egoistico bisogno di potere dietro a ideali di libertà e bene comune". Allora mi chiedo: ma non è che alcuni oppositori, attraverso il no al Parco, volessero creare un nuovo movimento anti-sistema facendo leva sui timori della popolazione? Un sistema molto in voga di questi tempi. E non solo dalle nostre parti.
07.10.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Non si fa abbastanza
contro le molestie
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il pensionato tradito
dall'attempata escort
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
21.12.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Metanolo
assassino
in India

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 13