Fuori dal coro
Immagini articolo
La situazione turistica
non è così catastrofica
GIÒ REZZONICO


In convalescenza dopo un intervento all’anca sono costretto a lunghe passeggiate per riattivare la muscolatura. Avendo la fortuna di abitare a pochi passi dal lungolago di Locarno ogni giorno lo percorro sia in direzione di Ascona, sia di Tenero. È sempre piuttosto affollato, ma i ticinesi sono davvero pochi. La maggior parte di chi incrocio parla tedesco. Tanto che l’altro giorno un anziano locarnese mi ha fermato e ha esclamato: finalmente incontro un locarnese! Ma come? Eppure negli stessi giorni leggo sui quotidiani  una polemica sul turismo, che secondo taluni va non solo male ma malissimo. Altri dispensano ricette per il malato terminale. Interessante l’assenza dei politici nel dibattito, nonostante l’economia ticinese dipenda per almeno il 10% da questo settore. Ma il tema non è evidentemente pagante dal profilo elettorale.
Di fronte alla discussione, che mi sembra molto emozionale e dettata da rivalità personali, sono andato a cercare alcune cifre sul turismo locarnese, dato che il mio vissuto si riferisce a questa regione; non penso che la situazione sia molto diversa nelle altre parti del cantone. Nel corso degli ultimi 10 anni il Locarnese ha perso il 15% dei pernottamenti. In linea con i numeri di due regioni "concorrenti", Grigioni (-18%) e Vallese (-10%). Ma tutti i dati sono basati unicamente sui pernottamenti alberghieri. Sappiamo però che il turismo non si limita a questo. Nel Locarnese è importante anche l’apporto dei campeggi, in linea con il calo generale ma di nuovo in crescita dal 2015. Questo settore porta comunque attorno al mezzo milione di pernottamenti. Siamo poi confrontati con il nuovo fenomeno di Airbnb. Un aggiornamento della legge sul turismo dovrebbe garantire che anche queste moderne alternative agli alberghi paghino la tassa di soggiorno. Gli esperti stimano il loro attuale potenziale attorno ai 100-150mila pernottamenti annuali. E poi ci sono le case di vacanza. Dalle 13.821 del 2007 alle attuali 15.314. Gli studi indicano che in media i proprietari le utilizzano per 60 giorni l’anno con una media di circa 2 milioni di pernottamenti e un incremento (dato l’aumento del numero di residenze secondarie) nel corso degli ultimi 11 anni di circa 200.000 notti trascorse in vacanza. A tutto questo vanno ancora aggiunte le visite giornaliere di turisti che dalla Svizzera centrale, dopo l’apertura del tunnel del Gottardo, raggiungono il Locarnese il mattino per tornare a casa la sera: turisti che creano indotto frequentando ristoranti e negozi. Se si tiene conto del quadro complessivo si vede che gli oltre 300mila pernottamenti persi in albergo nel corso degli ultimi 25 anni sono in parte compensati dall’aumento di altre entrate turistiche. La situazione, cifre alla mano, non risulta pertanto catastrofica come qualcuno la vuole far sembrare.
10.03.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La rivolta dei medici
contro il loro vertice
L'INCHIESTA

"Col telelavoro avremo
impiegati più motivati"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

L'Emmental migliora
con il rock e Mozart
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il sogno globalista
sulla "via della seta"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La labile ideologia
dei nuovi terroristi
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
a Londra marcia
per un nuovo
referendum

Gilet gialli,
un sabato
tranquillo