Fuori dal coro
Cultura come il panino,
ritorna un mito tossico
ANDREA GIRINGHELLI


Un politico ticinese ha proposto di ridurre gli aiuti pubblici alla cultura. Non è una novità. Ci fu pure quel ministro che giustificò il taglio dei finanziamenti siccome la Divina Commedia non risolve i problemi della soglia di povertà: con la cultura non si fanno i panini e quindi non serve! Quello delle sovvenzioni alla cultura è l’argomento di "Kulturinfarkt", volume del 2012. Celebra il neoliberismo culturale e consiglia di azzerare i contributi pubblici: l’eccesso di offerta non favorisce la qualità e quindi occorrono tagli massicci alle istituzioni culturali per restituire al mercato una salutare funzione regolatrice. Parecchi politici abbracciarono la tesi e proposero la privatizzazione dei musei: non danno profitti - argomentavano - e conviene cedere al miglior offerente; era contemplata la svendita di biblioteche e archivi e pure non si escludeva la privatizzazione della memoria collettiva.
Un funzionario convertito al nuovo credo si sforzò di convincermi - con esito letale per la sua reputazione - che "la povertà stimola l’ingegno" (sic): la soppressione delle sovvenzioni statali avrebbe favorito il rigurgito imperioso della grande cultura. Sono convinto che l’ignoranza non sia una virtù e non aggiungo altro: ma la tossicità del darwinismo culturale è in circolo e occorrerà provvedere.
Intanto, per i disinformati, rammento che le risorse per iniziative culturali in Ticino, al netto di sponsorizzazioni di privati, fondazioni e comuni, provengono da Swisslos (14/15 milioni all’anno) e dal ricorrente sussidio federale per la salvaguardia e la promozione della cultura e della lingua italiana (2,5 milioni). Al Cantone spetta il finanziamento ordinario degli istituti del Cantone.
Se dovessimo aderire alle tesi neoliberiste che confidano nelle virtù taumaturgiche del mercato, dovremmo recitare il de profundis per tante iniziative di qualità e la nostra editoria, che già fatica, si troverebbe a dover chiudere le porte in faccia a tanti autori. In fondo non si tratta di ridurre o abolire, ma di riflettere sui principi di gestione e distribuzione dei sussidi che talvolta non funzionano a dovere per un distorto concetto del ruolo dello Stato in materia di cultura. Gli autori di "Kulturinfarkt" condannano certa politica culturale che non stimola innovazioni ma produce solo conformismo dal sapore burocratico, e su questo punto concordo: da qui dovremmo ripartire per correggere le storture.
09.02.2020


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
16.12.2019
L’Ufficio dell’ispettorato del lavoro ha pubblicato le date dei corsi di formazione inerenti la Legge federale sul lavoro e relative Ordinanze, previsti durante l’anno 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Prove
di Olimpiadi
con la paura
del coronavirus

Messico: donne
in marcia
contro
i femminicidi

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00