Accolto con scettiicismo il bonus bebè da 3'500 franchi
Immagini articolo
"È un piccolo aiuto
ma serve ben altro"
PATRIZIA GUENZI


Troppo poco. Un piccolo aiuto ma occorre ben altro. Una presa in giro per le famiglie che davvero faticano ad arrivare a fine mese, visto che a beneficiarne saranno anche coppie con redditi sino ai 140mila franchi. Il bonus bebè - o meglio l’assegno parentale, come è istituzionalmente stato definito, di 3’500 franchi contenuto nel pacchetto fiscale presentato dal governo - piace poco. Accolto con scetticismo il sostegno "una tantum" per ogni neonato. Dagli esperti, come pure dalle mamme e i papà. La misura è giudicata insufficiente dai potenziali beneficiari, giovani famiglie, con o senza figli, che chiedono altro. Chiedono di più allo Stato. "Non è questo che ci serve - dice Vito Robbiani, 45 anni, cineasta, due figli di 4 e 1 anno -. Se lo intendiamo come un incentivo a fare più figli non ci siamo proprio. Servono più strutture per accoglierli questi figli, asili nido e scuole dell’infanzia aperti dalle 8 alle 18, ad esempio. Per permettere alle madri di tornare al lavoro senza fare i salti mortali tra nonne, tate e baby sitter. E su questo fronte in Ticino siamo molto carenti".
Dovrebbero essere circa duemila i beneficiari dell’assegno per un totale di spesa di 6,9 milioni di franchi. Tanti soldi che potrebbero essere meglio impiegati. "Accanto a misure di questo genere serve una politica sociale mirata per sostenere realmente le famiglie", osserva Brenno Martignoni, 55 anni, avvocato, ex sindaco di Bellinzona, papà speciale con i suoi nove figli, l’ultima ha un anno. Senza arrivare al severo giudizio del professor Giuliano Bonoli (vedi intervista nella pagina accanto), che giudica questa misura "una cattiva idea, un modo sbagliato di spendere i soldi", l’opinione generale non ha esultato, né pensato di trovarsi di fronte all’idea del secolo. "Se davvero si vogliono favorire i genitori e incentivare la natalità, anche se spero che nessuno si metta a fare figli per incassare 3’500 franchi, serve uno sguardo più lungo - riprende Robbiani -. Non necessariamente sostegni economici, ma più servizi, che alla fine comunque fanno risparmiare un bel po’ di soldi".  
Insomma, troppo poco il bonus bebè pensato dal governo. Ma, soprattutto, non servirà mai ad incrementare il tasso di fecondità delle donne ticinesi. "Non credo proprio che una misura del genere possa, da sola, orientare una scelta così importante per la vita di una persona", dice Alberto Carta, 34 anni, impiegato, sposato con un’architetto. La coppia non ha ancora figli. "È un piccolo aiuto - riprende -, 3’500 franchi sono comunque un ‘regalo’ apprezzabile, ma occorre ben altro. Con questo non voglio dire che non siano niente, soprattutto per chi si trova in una situazione di bisogno". C’è infatti chi, come Antonio Nene, 40 anni, una moglie e un figlio di due anni, li avrebbe incassati ben volentieri. "Beh sì, avrebbero fatto comodo - ammette l’ex ristoratore, ora impiegato part time -. Soprattutto se non hai un lavoro al cento per cento, se sei precario come me in questo momento. Ma è evidente che non penserei mai di fare un figlio per ricevere il bonus bebè. Sono altre le ragioni".
Ragioni che si scontrano però con la sfida più grande per la maggior parte delle famiglie costrette ad avere due redditi: conciliare professione e compiti legati alla cura dei figli. E l’arrivo del primo bimbo spesso è il momento chiave per capire in che modo riorganizzare la vita della coppia e le rispettive carriere. Una soluzione che necessita di negoziazioni e strategie che vanno costantemente adattate con il passare del tempo. E un versamento una tantum non fa la differenza. "Se vogliamo davvero più bambini - conclude Martignoni - occorre un cambiamento di mentalità: i nostri figli non sono i cittadini di domani, sono già a tutti gli effetti cittadini di oggi".

pguenzi@caffe.ch
24.09.2017


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
28.03.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 9 aprile prossimo
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.
16.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, febbraio 2018
12.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere Ticino, gennaio 2018 e quarto trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni