Altri retroscena sul caso Argo1 e sul ruolo di Beltraminelli
Immagini articolo
La "Soffiata di Stato"
passata dal ministro


L’anticlone garantisce ancora bel tempo. È la mattina di lunedì 16 ottobre, ma a dispetto delle dinamiche meteorologiche, sulla Bellinzona politica si sta per abbattere un temporale. L’ennesimo nonostante il cielo azzurro. La calma è da settimane solo apparente, perché lo scandalo Argo1 sta facendo traballare ormai da tempo partiti, politici e soprattutto la macchina amministrativa dello Stato.
È la mattina di lunedì 16 ottobre. Argo1, una vera maledizione politica, si sta arricchendo di un nuovo capitolo.
Sugli indirizzi di posta elettronica dei consiglieri di Stato arriva una email. Ma arriva solo ai ministri Vitta, Gobbi, Zali e Bertoli, che è pure presidente del governo. Nulla all’indirizzo di Paolo Beltraminelli, il ppd a capo del Dipartimento della socialità e della sanità. Nulla al suo indirizzo, per il semplice fatto che quell’email è partita proprio dai suoi uffici di direzione. Detto altrimenti, il mittente di fatto è lui, la sua direzione. Non c’è il suo nome, ma per i quattro colleghi di governo è come se ci fosse.
Sulla email qualche scarna parola, formule verbali di cortesia e un allegato. Due paginette fitte fitte. Scritte in un burocratese tipico della macchina amministrativa italiana. Dall’e-mail si capisce che quell’allegato arriva dallo Ias, ovvero l’Istituto della assicurazioni sociali, il terzo ambito di competenza del Dipartimento di Beltraminelli, dopo la sanità e la socialità. Assicurazioni sociali, vale a dire tutto ciò che riguarda pensioni, assicurazioni malattie, infortuni, invalidità...
Torniamo all’allegato. Arriva, è vero, dallo Ias ma è un documento redatto dall’Inps di Como, cioè l’istituto di previdenza sociale, una sorta di omologo del ticinese Ias. E leggendolo, sin dalle prime righe si intuisce che le informazioni contenute sono in risposta a precise domande giunte a Como dallo Ias di Bellinzona.
In testa alle due pagine dell’allegato c’è il nome e il cognome di quello che ormai per tutti è il super teste dello scandalo Argo1. Mario Morini, un cinquantacinquenne ex agente di Argo1 che, prima ai sindacati, poi alla magistratura e infine alla trasmissione della Rsi Falò (era qualche settimana fa) ha raccontato le modalità di lavoro di Argo1. Salari in nero, orari impossibili, organico sottodimensionato rispetto alle necessità. Questo ha detto.
Questo ha detto e su di lui, una volta comparso sugli schermi tv, si è abbattuta la maledizione di Argo. Ha parlato senza peli sulla lingua anche con il Caffè, tre giorni dopo quell’apparizione pubblica. Quasi una pagina di giornale per precisare e aggiungere altri particolari alla sua denuncia. Poi il suo legale, Mario Branda, gli ha consigliato il silenzio. Ma nonostante la stabilità dell’anticiclone, su Morini in questi giorni si è abbattuta più di una tempesta.
È accaduto che qualcuno infastidito (infastidito è dir poco, infuriato sarebbe più opportuno), infuriato per le sue pubbliche rivelazioni abbia fatto circolare alcune informazioni su di lui. E chi - forse - se non qualcuno che con lui aveva lavorato?! Chi se non qualcuno che sapeva della sua piccola rendita di invalidità percepita in Italia, a Como appunto, da dove proviene. Ma da tempo abita in Ticino.
Una piccola rendita, duecento ottanta euro al mese, ma che non avrebbe dovuto percepire, così parrebbe, se avesse dichiarato all’Inps i suoi redditi in Svizzera. Quelli con Argo1 per esempio.
Ecco, è questo piccolo scheletro nell’armadio di Morini a causare la maledizione che in questi giorni si è abbattuta anche su lui.
Qualcuno si ricorda delle sue carte previdenziali, delle sue cose assicurative... - chi se non qualcuno che lo conosce bene e che presumibilmente con lui ha lavorato?... - e fa arrivare al "Palazzo amministrativo e politico" di Bellinzona l’informazione. Un’informazione certamente balbettata, ma quanto basta per mettere in moto la macchina. Politica - amministrazione statale. E viceversa. Amministrazione statale - politica. Le cose vengono fatte per bene. Lo Ias prende contatto con i colleghi dell’Inps di Como. E - stando a quelle righe fitte fitte dell’allegato ricevuto la mattina del 16 dai ministri colleghi di Beltraminelli - stando a quelle righe, da Bellinzona all’indirizzo dell’Inps sono state inviate precise ma precise domande. Circostanziate, direbbe un burocrate. Strategiche, scriverebbe un giallista. Perché chi le ha redatte già conosceva quale sarebbe stata la sostanza delle risposte dall’Italia.
E così è stato. Una rendita di pochi euro ma indebita. Indebita perché lo Ias, a piede delle due paginette giunte dall’Italia, ha inserito una tabellina indicando quanto ufficialmente Mario Morini ha percepito in Svizzera negli anni. Dal 2013 al 2016.
La maledizione di Argo1 si è abbattuta su Morini la mattina del 16 ottobre sotto un cielo azzurro. Ma era solo calma apparente, appunto! Quell’email partita dalla direzione del Dipartimento di Beltraminelli - da tempo azzoppato dallo scandalo perché la gestione dei centri e quell’incarico milionario dipende dai suoi funzionari - scatenerà l’ennesima tempesta. Non passa infatti un giorno che lo scheletro nell’armadio di Morini finisce sulla prima pagina del Corriere del Ticino. Ma la magistratura dice che no, l’affidabilità del teste Morini non cambia nell’inchiesta penale sulla vicenda. Quello scheletro nell’armadio nulla ha infatti a che vedere con lo scandalo.
Ma a che vedere con lo scandalo hanno invece le ragioni della soffiata; l’autore della soffiata, il percorso della soffiata; chi ha detto allo Ias di contattare l’Inps. E soprattutto la direzione del Dipartimento che, un soleggiato mattino di metà ottobre, ha inviato quelle due pagine fitte fitte al governo. A tutti e quattro i colleghi di Beltraminelli. E forse tutti e quattro si saranno chiesti: ma che sta a significare quest’informazione? "Che ci azzecca?". Perché mai lo Ias si è mosso e, soprattutto, ispirato da chi? Indirettamente dagli ex vertici di Argo1, usciti ammaccati dalle rivelazioni del super teste Morini, che sapevano dell’invalidità di Morini?! Perché la direzione del Dipartimento, quindi Beltraminelli, ha ritenuto opportuno far parte di quella Catena di Sant’Antonio nata da una soffiata? Perché ha ritenuto opportuno dar seguito a quell’informazione?
Le domande si moltiplicano, sebbene qui accanto il ministro abbia dato le sue risposte. Ma come si fa se a dover rispondere sono sempre più spesso le persone oggetto delle domande?
È la maledizione di Argo1.
r.c.
29.10.2017


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

L'esame delle urine
non entra in classe
L'INCHIESTA

Via la plastica
da negozi e market
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il radar milionario
ha sbancato il Baffo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Una crisi energetica
dalla guerra del petrolio
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'Ok Corral innesca
la faida dei marsigliesi
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.10.2018
Pubblicati i dati di funzionamento degli impianti di depurazione in Ticino [www.ti.ch/oasi]
04.10.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Luganese [www.ti.ch/rumore]
03.10.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 15 ottobre prossimo
26.09.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 26 settembre 2018 alle ore 10.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Afghanistan:
attentato
a raduno
elettorale

Manifestazioni
a Parigi, in Europa,
nel mondo
per salvare il pianeta