Come utiliizzano i farmaci 1,9 milioni di pazienti
Immagini articolo
Il consumo di pillole
continua a crescere
PATRIZIA GUENZI


La pillola va su. Anzi, le pillole, tante, tantissime, vanno su. Aumenta il consumo di farmaci in Svizzera. Per un totale di spesa, nel 2016, di oltre 7 miliardi di franchi, il 6% in più dell’anno prima. Le donne consumano più "pasticche" rispetto agli uomini, ma questi generano più costi. Il gruppo di età più esoso è tra i 18 e i 64 anni, seguito dagli over 65. Le compresse più costose riguardano geriatria, genetica e oncologia. I farmaci più acquistati: antidolorifici, psicolettici, antinfiammatori e antireumatici. Tra gli agenti attivi più venduti: paracetamolo e ibuprofene. Tra i cantoni che più consumano e più generano costi figura anche il Ticino.
È questa la fotografia, miliardaria, contenuta nel Rapporto sui medicamenti 2017 di Helsana, forte di 1,9 milioni di assicurati, oltre 70mila in Ticino. Tutti i dettagli si trovano in un ampio studio - unico nel suo genere, oltre duecento pagine di dati, analisi, valutazioni e confronti dal 2013 al 2016 - realizzato in collaborazione con l’ospedale universitario e l’Istituto di medicina farmaceutica dell’Università, entrambi di Basilea. I risultati sono rappresentativi poiché combinati con le medie annuali pubblicate dall’Ufficio federale di statistica.  
Certo, i medicinali hanno sicuramente favorito il benessere della società, aumentato la speranza di vita delle persone, diminuito i sintomi di svariate patologie, evitato ospedalizzazioni e offerto una vita normale dal punto di vista sociale, psichico e fisico a tanti pazienti. Ma anche generato altissimi costi per la sanità. Negli anni è cresciuto sia il numero di persone che acquistano medicinali, ma anche il volume di farmaci che un paziente compera. Un’impennata si è registrata soprattutto per i rimedi destinati alla terza età. È infatti negli istituti di cura per anziani che c’è il maggior consumo di pasticche ed è importante il controllo delle prescrizioni.
All’esplosione dei costi hanno contribuito l’arrivo dei cosiddetti nuovi medicinali, carissimi: gli immunosoppressori, i più onerosi nel 2016 con prezzi attorno agli 865 milioni di franchi, e gli antivirali e antitumorali. Alla lista vanno aggiunti i farmaci oftalmologici. L’analisi di Helsana, si è pure soffermata su quali sono i più importanti canali di acquisto. In testa, dal punto di vista degli importi, le farmacie: circa 4 miliardi di franchi per approssimativamente 60 milioni di acquisti. Due miliardi il costo nell’ambito ospedaliero ambulatoriale per l’acquisto di 11.5 milioni di "confezioni".
Il Ticino è tra i cantoni che più consumano pillole e che più spendono. È pure la realtà dove l’aumento di spesa è stato più marcato rispetto al 2015. Compere e valori maggiori rispetto alla media nazionale pure nei cantoni di Basilea Città, Basilea Campagna, Ginevra, Neuchâtel e Vaud. Le più virtuose, le regioni della Svizzera centrale e orientale, con meno acquisti e minori costi per assicurato. Gli antitumorali e i farmaci immunosoppressori hanno generato più spesa nei cantoni Zurigo, Berna, Argovia, Ginevra e Ticino. Un "investimento" che oscilla tra il 20,7% del canton Ticino e il 25,5% del canton Argovia. Tra le varie ragioni dove ci sono queste differenze, c’è una spiegazione legata alla demografia. In alcuni, Ticino compreso, la popolazione anziana è più numerosa. Inoltre, la donna è più a rischio dell’uomo per alcune malattie, come quelle reumatiche, le patologie depressive e il cancro. In tutti i cantoni, la spesa per i farmaci attivi sul sistema nervoso è al secondo posto, in Ticino al terzo, dopo gli antibiotici. In tutti i cantoni c’è stata una crescita nel consumo di immunosoppressori, in testa Zurigo, Berna, Argovia e Ginevra. Ecco, tutto ciò dal 2013 ha fatto crescere di 964 milioni di franchi i costi dei medicinali a carico dell’assicurazione obbligatoria.

pguenzi@caffe.ch
26.11.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel