L'idea affascina gli utenti ma lascia perplessi gli esperti
Immagini articolo
Mezzi pubblici gratuiti,
il Ticino ci pensa ma...
ANDREA STERN


Viaggiare gratis su bus, tram e treni? "Un’idea accattivante e probabilmente anche giusta", secondo Fabio Canevascini, presidente dell’Associazione ticinese degli utenti dei trasporti pubblici (Astuti). Eppure tutte e cinque le città tedesche in cui la misura potrebbe essere sperimentata già entro la fine dell’anno - Essen, Bonn, Mannheim, Herrenberg e Reutlingen - hanno espresso contrarietà. "Ipotesi irrealistica", sostengono infatti gli enti locali, che stanno ora trattando con il governo tedesco, dal canto suo seriamente intenzionato a dimostrare all’Unione europea il suo impegno contro l’inquinamento. Se mai il progetto dovesse andare in porto, la Germania avrebbe creato il più grande sistema di trasporti pubblici gratuiti al mondo. E la Svizera?
"A me sembra più che altro una provocazione - dice Remigio Ratti, professore universitario ed esperto di trasporti -. Da una parte è benvenuta perché fa parlare di trasporti pubblici, ma dall’altra è fondamentalmente sbagliata. Perché mette l’accento sulla gratuità, che non può essere una soluzione". È vero che in Svizzera la vendita di biglietti e abbonamenti permette di coprire solo il 49% dei costi del trasporto pubblico. La parte restante è a carico dello Stato. "Ma introdurre la gratuità - prosegue Ratti - significa togliere risorse e quindi peggiorare l’offerta, già oggi insufficiente in varie zone. Bisogna invece investire maggiormente nei trasporti pubblici. A cosa mi serve un bus gratuito se poi resta bloccato nel traffico perché mancano le corsie preferenziali?".
Canevascini, invece, ritiene che sarebbe possibile investire anche senza gli introiti di biglietti e abbonamenti. "Il problema è politico - sostiene -. Abbiamo un governo federale che a preventivo annuncia perdite e poi fa saltare fuori cinque miliardi di franchi. È chiaro che se si ragiona con una mentalità da deficit si penserà sempre e solo a tagliare e non si avrà mai il coraggio di osare".
Già, in altre occasioni è stato dimostrato che volere è potere. "Pensiamo ad esempio - afferma Canevascini - a quando eravamo ragazzi e parlavamo delle zone limitate a 30 all’ora. A quei tempi nessuno ci credeva, eppure oggi ne abbiamo ovunque. È giusto quindi anche sognare i trasporti pubblici gratuiti. Se poi si trovasse la volontà politica, allora si troverebbe anche la soluzione".
Nessun Paese al mondo ha però mai pensato di introdurre la gratuità dei trasporti pubblici su scala nazionale. Anche in Ticino la proposta è stata più volte respinta da Governo e Gran Consiglio. "Si potrebbe magari provare - propone Ratti - in città come Zurigo o Basilea, dove più della metà delle economie domestiche non ha un veicolo privato e la rete di mezzi pubblici è particolarmente capillare. Ma in Ticino siamo ancora indietro, manca l’offerta. Prioritario è quindi migliorare e il servizio".
Come anche le tariffe. "Ma in questo senso si sta già andando nella giusta direzione - replica Ratti -. Le Ffs ad esempio offrono dei prezzi che variano nella giornata e permettono di viaggiare a minor costo nelle fasce orarie meno affollate. L’opinione pubblica non è ancora molto ben disposta verso questo sistema, che invece, con l’evolversi della tecnologia, rappresenta il futuro".
Infine, sempre secondo Ratti, per incentivare l’uso dei trasporti pubblici è utile invogliare i cittadini a provarli. "Io per esempio quando sono arrivato a Lugano, dodici anni fa, avevo una pessima idea dei mezzi pubblici, non pensavo di usarli - spiega -. Oggi invece ho un abbonamento Arcobaleno e li uso di frequente".

astern@caffe.ch
08.04.2018


IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Lampi di guerra
e fulmini su Trump
L'INCHIESTA

Viviamo circondati
da 8mila videocamere
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Dalle buche di Roma
a quelle di Bellinzona
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ecco come l'Occidente
scoprì la globalizzazione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Alienati per il lavoro?
La cucina è l'antidoto
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali del Bellinzonese e Locarnese-Vallemaggia
27.04.2018
Avvio della consultazione del Progetto di risanamento fonico delle strade cantonali e comunali della Riviera e Valli
25.04.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 7 maggio prossimo
18.04.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico "Mobilità ciclabile" della Sezione della mobilità [www.ti.ch/bici]
17.04.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, marzo 2018
10.04.2018
Pubblicato il rendiconto 2017 del Consiglio della magistratura
05.04.2018
Tiro obbligatorio 2018
22.03.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, marzo 2018
21.03.2018
L'Ufficio dei beni culturali (UBC) ospite della trasmissione RSI "Finestra popolare" per una serie di incontri dedicati al patrimonio culturale del Cantone Ticino.
21.03.2018
Aperte le iscrizioni all'evento "Un’altra opportunità è d’obbligo - La nuova procedura di annuncio dei posti vacanti" promosso dal Servizio aziende URC della Divisione dell’economia del DFE.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Siria:
ispettori Opac
entrano
a Douma

Nicaragua:
almeno 10 morti
per le proteste
sulle pensioni