Cala la disoccupazione ma cresce l'incertezza
Immagini articolo
Più lavoro per i giovani
ma sempre piu precario


Tra i giovani cala ancora la disoccupazione, ma crescono l’incertezza e il rischio di povertà. In Svizzera il tasso di under 25 senza lavoro ai sensi dell’Ilo (International labour organization) è del 6,9%, appena superiore rispetto alla Germania (6,1%). Ma di gran lunga inferiore a quello di Grecia (42,3%), Spagna (35%), Italia (31,7%). Eppure è diffusa la percezione di un mondo del lavoro in cui è sempre più difficile farsi spazio. Perché? "A causa della diffusione del lavoro precario", sottolinea Renato Ricciardi, segretario cantonale del sindacato Ocst. È un dato di fatto, negli ultimi dieci anni in Ticino è raddoppiato il numero di lavoratori assunti come interinali, a ore o per dei periodi di pratica professionale. Ed è aumentato il rischio di povertà, in particolare tra i 18 e i 24 anni. "Ben vengano gli stage - afferma Ricciardi -. Rispondono a un’esigenza delle aziende, ma anche dei giovani, che oggi sempre più preferiscono verificare diverse esperienze professionali prima di cercare il classico posto fisso". Ma c’è un ma. "Il problema è che sovente questi stage espongono i giovani al rischio di abusi - sostiene Ricciardi -.  Veniamo troppo spesso a conoscenza di remunerazioni indecenti. Quindi ben vengano gli stage, ma a condizioni precise".
Su questo aspetto concordano anche i datori di lavoro. "Chiaramente gli stage non devono servire per avere manodopera a basso costo - osserva Stefano Modenini, direttore dell’Associazione industrie ticinesi (Aiti) -. Ma la loro diffusione è una tendenza a livello globale. E possono essere sfruttati dai giovani per trovare spazio in un mercato del lavoro come quello ticinese in cui non è facile entrare. Un neodiplomato non può pretendere 5mila franchi come primo salario".
Ma non può nemmeno lavorare gratuitamente, aggiunge l’economista Christian Marazzi. "Questi stage a volte sembrano una sorta di pedaggio che si vuol far pagare ai giovani, anche quelli molto formati, per conquistare un lavoro - afferma -. O in quella che noi chiamiamo ‘economia della promessa’. Si dice al giovane che deve farsi un curriculum, farsi le ossa. Ma c’è il grande rischio della reiterazione, del protrarsi a oltranza di una situazione che fragilizza il giovane. Non sono esperienze che rafforzano il senso di fiducia in se stessi né spingono la società a far spazio ai giovani".
Eppure, secondo Modenini, di spazio per i giovani ce n’è in abbondanza. "Solo nell’industria abbiamo ogni anno tra 50 e 60 posti di apprendistato che non riusciamo ad occupare - dice -. In Ticino mancano idraulici, macellai, ingegneri. In linea di principio il giovane deve fare la professione che più gli interessa, ma deve essere aiutato a capire per cosa è più portato".
Per cercare di non finire in quel 38% di apprendisti ticinesi che non trovano lavoro una volta conclusa la formazione. "Occorre lavorare sull’orientamento professionale - afferma Ricciardi -, affinché i giovani possano esprimere la loro voglia di fare". Mentre alla flessibilità ci si dovrà abituare. "Non possiamo combatterla - sostiene Modenini -. Purtroppo la flessibilità ha anche dei risvolti negativi, ma se non ci si adatta ai nuovi modi di lavorare, si rischia di perdere il treno".
astern@caffe.ch
06.05.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
GRANDANGOLO

Il Cardio non paga
e il Mizar si arena
L'INCHIESTA

La scuola volta pagina
con lezioni di sesso
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Kerouac e i bus
direzione a Malpensa
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Lehman Brothers
e la fine del sogno Usa
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Con il "topo morto"
la lotta tra Cia e Kgb
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Perché il sovranismo
costruisce nuovi muri
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
È urgente arrivare
ad un'economia "pulita"
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, settembre 2018
14.09.2018
Proscioglimento dagli obblighi militari 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Statistica delle abitazioni vuote, Ticino, 1° giugno 2018
13.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, agosto 2018
06.09.2018
Documentazione regionale ticinese (DRT) - È il linea il nuovo dossier sul tema “La scuola che verrà”
06.09.2018
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2018
05.09.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 17 settembre prossimo
31.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2017
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018
28.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio e secondo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Attacco
alla parata,
Iran:
risponderemo

Russia:
manifestanti
chiedono dimissioni
di Putin