Cala la disoccupazione ma cresce l'incertezza
Immagini articolo
Più lavoro per i giovani
ma sempre piu precario


Tra i giovani cala ancora la disoccupazione, ma crescono l’incertezza e il rischio di povertà. In Svizzera il tasso di under 25 senza lavoro ai sensi dell’Ilo (International labour organization) è del 6,9%, appena superiore rispetto alla Germania (6,1%). Ma di gran lunga inferiore a quello di Grecia (42,3%), Spagna (35%), Italia (31,7%). Eppure è diffusa la percezione di un mondo del lavoro in cui è sempre più difficile farsi spazio. Perché? "A causa della diffusione del lavoro precario", sottolinea Renato Ricciardi, segretario cantonale del sindacato Ocst. È un dato di fatto, negli ultimi dieci anni in Ticino è raddoppiato il numero di lavoratori assunti come interinali, a ore o per dei periodi di pratica professionale. Ed è aumentato il rischio di povertà, in particolare tra i 18 e i 24 anni. "Ben vengano gli stage - afferma Ricciardi -. Rispondono a un’esigenza delle aziende, ma anche dei giovani, che oggi sempre più preferiscono verificare diverse esperienze professionali prima di cercare il classico posto fisso". Ma c’è un ma. "Il problema è che sovente questi stage espongono i giovani al rischio di abusi - sostiene Ricciardi -.  Veniamo troppo spesso a conoscenza di remunerazioni indecenti. Quindi ben vengano gli stage, ma a condizioni precise".
Su questo aspetto concordano anche i datori di lavoro. "Chiaramente gli stage non devono servire per avere manodopera a basso costo - osserva Stefano Modenini, direttore dell’Associazione industrie ticinesi (Aiti) -. Ma la loro diffusione è una tendenza a livello globale. E possono essere sfruttati dai giovani per trovare spazio in un mercato del lavoro come quello ticinese in cui non è facile entrare. Un neodiplomato non può pretendere 5mila franchi come primo salario".
Ma non può nemmeno lavorare gratuitamente, aggiunge l’economista Christian Marazzi. "Questi stage a volte sembrano una sorta di pedaggio che si vuol far pagare ai giovani, anche quelli molto formati, per conquistare un lavoro - afferma -. O in quella che noi chiamiamo ‘economia della promessa’. Si dice al giovane che deve farsi un curriculum, farsi le ossa. Ma c’è il grande rischio della reiterazione, del protrarsi a oltranza di una situazione che fragilizza il giovane. Non sono esperienze che rafforzano il senso di fiducia in se stessi né spingono la società a far spazio ai giovani".
Eppure, secondo Modenini, di spazio per i giovani ce n’è in abbondanza. "Solo nell’industria abbiamo ogni anno tra 50 e 60 posti di apprendistato che non riusciamo ad occupare - dice -. In Ticino mancano idraulici, macellai, ingegneri. In linea di principio il giovane deve fare la professione che più gli interessa, ma deve essere aiutato a capire per cosa è più portato".
Per cercare di non finire in quel 38% di apprendisti ticinesi che non trovano lavoro una volta conclusa la formazione. "Occorre lavorare sull’orientamento professionale - afferma Ricciardi -, affinché i giovani possano esprimere la loro voglia di fare". Mentre alla flessibilità ci si dovrà abituare. "Non possiamo combatterla - sostiene Modenini -. Purtroppo la flessibilità ha anche dei risvolti negativi, ma se non ci si adatta ai nuovi modi di lavorare, si rischia di perdere il treno".
astern@caffe.ch
06.05.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur