Tutte le fragilità della "capitale economica" del cantone
Immagini articolo
Lugano, un gigante..
ma con i piedi d'argilla
LIBERO D'AGOSTINO


Molte ambizioni e poca liquidità in cassa. Lugano si scopre un gigante con i piedi d’argilla. Alla vigilia dell’apertura della galleria ferroviaria del Ceneri che ne farà il baricentro del Ticino, la città appare paralizzata nei suoi snodi vitali, ferma con gli ambiziosi piani di riqualificazione urbana e priva, soprattutto, di una realistica strategia di rilancio. Dalla cabina di regia in Piazza Riforma non partono più impulsi capaci di ridare almeno una lustratina alla passata Grandeur: in stallo i progetti per l’aeroporto di Agno, soprattutto dopo lo stop di SkyWork Airline pochi giorni dopo aver annunciato i collegamenti tra Agno e Ginevra, un piano viario sempre più contestato e che ha contribuito non poco a devitalizzare il centro cittadino, attività commerciali in stato precomatoso, con la prestigiosa via Nassa ridotta ormai alla Bahnhofstrasse "de noantri", e il fantasmatico polo sportivo a Cornaredo "un progetto nato storto che rischia di finire peggio", ha avvertito il municipale Michele Foletti, inflessibile controllore delle finanze comunali.
Con l’apertura del Lac sembra sia calato il sipario sulla Lugano degli anni d’oro. Certo, non è facile amministrare e far crescere una città quando i conti sono in rosso, e si è dovuto lavorare di lima e raspa per contenere il deficit del 2017 a soli 120 mila franchi. Un bilancio quasi in pareggio, ma zavorrato da un debito pubblico di 629 milioni, vale a dire 9’843 franchi pro capite, molto al di sopra della soglia di sicurezza raccomandata dal Cantone. Dell’epoca ruggente della piazza finanziaria che sino al 2008 riversava al Comune sino a 55 milioni all’anno di gettito fiscale, si è passati ai 14-15 dello scorso anno ed è scomparsa quella ricca clientela italiana che, dopo aver depositato pacchi di contanti in banca, puliti o sporchi che fossero, si riversava allegramente nei 355 negozi e nei 193 ristoranti e caffè della vecchia Lugano.
Ma non è solo una questione di soldi. Oggi la piazza bancaria con i suoi 5.655 posti di lavoro e 830 milioni di stipendi si sta riassettando, il settore fiduciario è cresciuto e nuove attività come il trading delle materie prime, l’ecommerce o la moda assicurano sostanziose entrate per l’erario. Ciò che manca è una guida politica capace di far sognare di nuovo i luganesi e, soprattutto, con la sensibilità necessaria per recepire i segnali che arrivano dalla gente.
"I politici se ne fottono. La perla del Ceresio è ormai scaduta a livello di un paesello della val Pippa", si è sfogato Franco Ambrosetti. L’ex presidente della Camera di Commercio ha plasticamente sintetizzato le lamentele di cittadini, automobilisti, commercianti e ristoratori per un piano viario "fallimentare", che rende difficoltoso l’accesso al centro e ha dato il colpo di grazia ai negozianti, che non possono certo aspettare la nuova rete tram-treno per vedere rivivere la città. Per di più, pensare di trasferire nei nuovi stabili del polo di Cornaredo, sempre che si trovino i soldi per realizzarlo, gli uffici del Comune e, magari, anche quelli della Procura, significherebbe svuotare il nucleo storico di un migliaio di persone, decretandone il declino. "Un’idea devastante", l’ha definita l’ex consigliere nazionale Adriano Cavadini.
È in questo clima politico smorto e senza slanci che languisce anche l’aeroporto di Agno, dopo l’annuncio dei faraonici progetti e il caso SkyWork. Mentre Piazza Riforma tentenna, forse ancora frastornata dai fantasmagorici studi di qualificati esperti che ipotizzavano 9 linee e 375mila passeggeri nel 2026. Tanto parlare e pochi fatti. La triste verità l’ha buttata fuori dai denti l’ex presidente di Lugano Airport Emilio Bianchi: "La commissione della gestione del Consiglio comunale che ha impiegato più di un anno per decidere sul piano di rilancio del Municipio, nonostante le nostre sollecitazioni, non è mai venuta ad Agno per rendersi conto delle difficoltà strutturali in cui si trova lo scalo".
La Grande Lugano si è infiacchita nell’anima e invecchiata nel corpo, con quasi il 30% degli abitanti ultra sessantenni e una natalità in picchiata: lo scorso anno appena 513 nascite a fronte di 708 decessi.

ldagostino@caffe.ch
02.09.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

Una cultura politica
di vuote banalità
L'INCHIESTA

Non solo Medtech
nel polo di ricerca
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lo stile smarrito
dai perdenti di successo
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Senza il riciclaggio
non si salva il clima
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La guerra degli 007
all'ombra dell'Europa
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
01.04.2019
Tiro obbligatorio 2019
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Sudan,
si dimette
anche il leader
del golpe

Gilet gialli
a prova
di legge
anti-casseur