Nostra inchiesta su 50 locali dopo le critiche dei viticoltori
Immagini articolo
"I vini nei ristoranti
6 su 10 sono ticinesi"
R.C.


Lo ripetono come una litania: "È una polemica assurda". Così rispondono al Caffè che ha svolto un sondaggio tra 50 ristoranti ticinesi (esclusi i grotti che solitamente hanno prodotti locali), da Chiasso sino a Bodio, per capire cosa c’è di reale nella polemica aperta dal presidente della Federazione dei viticoltori, Giuliano Maddalena. "A fronte di chi promuove i nostri vini - ha detto in sintesi - c’è chi non ha neppure una nostra etichetta nella carta". Diatriba rispedita al mittente da Gastroticino, il presidente Massimo Suter l’ha bollata come "scandalosa". Secondo i calcoli del Caffè sul campione esaminato, il 54% dei vini presenti nelle cantine dei locali sono ticinesi. Ma durante le cene e i pranzi, quelli che poi finiscono realmente nella selezione giornaliera accanto ai menù - a sentire i ristoratori - si restringono in media a 6 bottiglie ticinesi su 10.
"La realtà - spiega Antonio Cavadini dell’Osteria Luis di Seseglio - è che molti produttori ristrutturano le cantine, hanno aperto enoteche dove vendono vini stranieri e all’interno dei locali creano piccoli ristoranti dove organizzano cene e serate a tema. Noi paghiamo le tasse, subiamo i controlli, e ora ci arrivano addosso critiche ingiuste". Il sostegno ai produttori ticinesi viene da un ristorante come l’Atenaeo del vino di Mendrisio che in cantina ha 800 etichette. "Ma in sala i nostri camerieri - spiega Mirko Rainer, sommelier - ai clienti propongono sempre in prima battuta i ticinesi, come è normale visto che se io vado a mangiare in California non mi aspetto che mi presentino un Chianti". Sempre nel Mendrisiotto, al Ristorante svizzero di Capolago la metà delle etichette sono ticinesi. "E questa è la filosofia del nostro gruppo - spiega Renato Bordogna - che è uguale anche all’osteria La Lanterna di Mendrisio, al La Palma di Bissone e negli altri locali della nostra famiglia. Questa polemica mi pare assurda". Ottanta per cento di vini ticinesi anche al ristorante Stella di Mendrisio "perché chi fa ristorazione - spiega Luca Serra - ha il dovere di promuovere il territorio". Solo vini del Mendrisiotto alla Crisalide di Meride e "su venti etichette noi ne abbiamo una sola straniera", dice Claudia Gaffuri del Lattecaldo di Morbio.
A Caslano al ristorante Pergola - spostandoci in un’altra zone del cantone - i gusti dei clienti sono chiari: 10 vini ticinesi e 5 italiani. "Non boicottiamo il Merlot, anzi, lo sosteniamo", dice Salvatore Scarpa del ristorante Giardino di Sorengo. Per Chiara Verga del ristorante Badalucci di Lugano "bisogna scommettere sull’alta qualità".
Passando in Vallemaggia, a Cevio, al ristorante albergo Posta le etichette in vendita sono 600: metà delle quali ticinesi. Un po’ più nord a Prato-Sornico, al ristorante al Ponte, le qualità sono 25, di cui 10 Merlot. A Gordevio, al ristorante Unione, le marche "nostrane" sono 10, quelle italiane solo una. "Il Merlot però dovrebbe costare meno", segnala Barbara Regazzoni. In Valle Verzasca, a Vogorno, propongono un pareggio: tre bottiglie italiane, tre ticinesi.
Al ristorante Montebello, il proprietario Giuseppe Cinotti avverte: "Noi proponiamo soprattutto vini ticinesi e li vendiamo molto bene". Da Mè, Bellinzona, la responsabile sala Maurizio Giaffreda, dice: "Propongo il vino ticinese, ma siccome il gusto dei clienti segue un po’ la moda, adesso è il momento del Chardonnay e anche dei vini toscani, zona Bolgheri". E al Ristorante Principe, Bellinzona, gerente Stefano Bernasconi: "Qui è logico proporre il vino ticinese, ma il Merlot è anche caro, questo va detto. Un Brunello di Montalcino mi costa 20 franchi, un Merlot molto di più. E non tutti i clienti possono spendere 60-70 franchi per una bottiglia".
Al Ristorante Zoccolino di Bellinzona, la titolare è la sommelier Elena Mozzini: "Propongo sempre il ticinese anche se il cliente a volte vuole altro. Forse perché ho un’enoteca molto ben fornita con una scelta ampia. Comunque il vino locale lo propongo anche al bicchiere".
Alla Terrazza di Bellinzona, la gerente Maria Giulia Ficcioli osserva: "Quando propongo il vino ticinese non sempre riscontro entusiasmo. Spesso i clienti mi chiedono vino italiano, toscano soprattutto". Al Bistrò Locarno, il restaurant manager Martin Ravicini spiega: "La maggior parte dei nostri clienti chiedono vino locale, che va molto bene, anche al bicchiere. Vero è che il ticinese è costoso, un Merlot lo pago il doppio di un Nero d’Avola".
E a proposito di prezzi, Sandro Colombo, vice responsabile Lounge del ristorante Blu Locarno replica: "Non è detto che il ticinese costi sempre di più. Alcune bottiglie hanno dei prezzi più che concorrenziali". Da Claudio, a Brione sopra Minusio: "Spesso sono i ticinesi a non volere il Merlot e a preferire un barberaccio, ma è questione di prezzo". Alla Locanda Ticinella di Ascona, la responsabile Lucia Ruggiero osserva: "Noi promuoviamo l’economia locale. Sopratutto i prodotti a chilometro zero. Non mi sognerei mai di consigliare un Montepulciano, il mio ristorante si chiama Ticinella, qualcosa vorrà pur dire".
05.05.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è