Prende forma l'accordo tra Ente e "ospedale del cuore"
Immagini articolo
Ecco come sarà
il Cardiocentro 1.0
PATRIZIA GUENZI


Una direzione a due. Ma anche a tre. E pure a rotazione. Collegiale comunque. Le previsioni della vigilia si sono realizzate in un Rapporto - "Nota di concetto per il trasferimento", così si chiama per l’esattezza - che getta le basi per l’integrazione del Cardiocentro nell’Ente ospedaliero cantonale (Eoc). Allo scioglimento della Fondazione privata che dal 1995 gestisce la struttura sanitaria annessa all’ospedale Civico di Lugano, dal 2021, se le cose andranno così come progettato in quest’ultimo mese, il Cardiocentro diverrà un Istituto tale e quale a quelli attualmente esistenti nell’Ente. Dallo scorso 8 maggio due delegazioni dell’Eoc e del Cardio si sono trovate faccia a faccia per stilare sia la "Nota di concetto" sia la nuova "governance" dell’ "Istituto Cardiocentro Ticino". Diciassette pagine firmate dagli undici rappresentanti delle due parti e dal "mediatore", il rettore dell’Università della Svizzera italiana (Usi) Boas Erez. Il Rapporto è datato 6 giugno ed è discusso separatamente in questi giorni dal Consiglio di amministrazione dell’Eoc e dal Consiglio di fondazione della Fondazione Cardiocentro. Non tutti gli aspetti motivo di polemica in quest’ultimo anno sono stati inseriti nelle valutazioni finali del "Tavolo di lavoro". Di conseguenza lo spettro della votazione sull’Iniziativa voluta dal Cardio lo scorso autunno (di fatto contro l’integrazione nell’Eoc) non è ancora del tutto scongiurato. Resta in sospeso soprattutto il capitolo relativo alla ricerca medico-scientifica, ovvero a quell’ambito di attività su cui da sempre poggiano ombre e scetticismo da parte dell’Ente. Ma anche del Governo. Non per nulla quest’ultimo oltre un anno fa, chiamato a mediare, chiese al Cardio di far conoscere con trasparenza e precisione l’organizzazione della fondazione (Fcre) che gestisce l’attività di ricerca.
Una direzione a tre. Ma anche a due. E a rotazione. Il Rapporto scritto dalle due delegazioni sintetizza con un organigramma quale dovrebbe o potrebbe essere il livello di integrazione e organizzazione del "Nuovo Istituto Cardiocentro Ticino" nell’Ente. Una "governance" unica con l’Eoc, così come accade per l’Istituto oncologico o il Neurocentro. Alla testa il Consiglio di amministrazione dell’Ente a cui risponde la direzione generale Eoc. Da qui in giù... la direzione del neo Istituto. Direzione composta da un direttore amministrativo e da un direttore sanitario. Sul nome del primo non c’è ancora certezza.  Forse sarà Massimo Manserra, (attualmente vicedirettore del Cardio) che ha partecipato al Tavolo; Dante Moccetti, attuale direttore, stando a quanto dichiarato pubblicamente dal Cardiocentro alcune settimane fa, parrebbe volersi ritirare.
Direttore sanitario dovrebbe essere l’attuale, Tiziano Cassina. A rotazione il direttore amministrativo e il direttore sanitario verranno designati (per un periodo forse di 4 anni) direttore (o "rappresentante") dell’Istituto. Saranno loro a interfacciarsi, a rotazione appunto, con il direttore generale dell’Ente, Giorgio Pellanda. Come preannunciato nelle scorse settimane gli attuali tre primari del Cardiocentro avranno un ruolo dirigenziale. Direttore accademico dell’Istituto sarà Giovanni Pedrazzini, direttore scientifico sarà Stefanos Demertzis. Al loro livello, quindi immediatamente sotto il direttore amministrativo e quello sanitario, il responsabile infermieristico. Queste cinque figure rappresenteranno di fatto la direzione del neo Istituto. Fra loro e il direttore generale Giorgio Pellanda non ci sarà, come accade ad esempio per il Neurocentro, il direttore del Civico.
Sarà un Istituto che inizialmente manterrà le attuali specializzazioni cliniche, quindi cardiologia, cardiochirurgia, cardioanestesia unitamente alle cure intensive. L’idea originale, quella di un anno e mezzo fa, ovvero di allargarsi alle specializzazioni "vasi e polmoni", per ora è stata messa da parte. Troppo tardi per arrivare alla "scadenza" della Fondazione, dicembre 2020.
Si è ripartiti dunque dopo un anno e mezzo di inutili polemiche, dal rapporto tecnico medico redatto più o meno dalle stesse due delegazioni alla fine del 2017. Polemiche scriteriate e insensate che di fatto nascondevano solo questioni di poltrone e di gestione finanziaria delle risorse che, si discuta quanto si vuole, non potrà che essere nelle mani della direzione generale dell’Ente, dato che quest’ultimo agisce con la garanzia dello Stato.
Nascerà così, salvo sorprese, l’Istituto Cardiocentro Ticino 1.0.

pguenzi@caffe.ch
16.06.2019


LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00