Un mercato sanitario enorme che spinge a consumare
Immagini articolo
Offerta e tanti 'partner'
fanno crescere i premi
PATRIZIA GUENZI


Più c’è offerta, più c’è domanda e più si spende. Anche nella sanità funziona così. E, rispetto alla media svizzera, in Ticino c’è un’alta densità di farmacie, una rete ospedaliera decentralizzata e con un numero di letti superiore (5.52 per mille abitanti, 4.51 in Svizzera), un più alto tasso di densità di medici (31 per 10mila abitanti, 26 in Svizzera), una popolazione più anziana e meno sana e, infine, una mentalità, quella latina, che spingerebbe a "consumare" più sanità. Una realtà fotografata da Santésuisse, organizzazione mantello delle casse malati. Tra le cause del costante aumento dei premi in Ticino, c’è che ogni voce di spesa è superiore alla media svizzera (vedi grafico a lato). "Molta offerta ma anche troppi ‘partner’ indipendenti, nel senso di soggetti giuridici - osserva Carlo De Pietro, docente al Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale alla Supsi -. Un sistema istituzionale eccessivamente frammentato. Per cui il Cantone fatica ad avere un interlocutore unico con cui concordare un certo tipo di offerta, organizzazione, qualità, controlli". E lo stesso per i medici, i centri di fisioterapia, radiologia, le farmacie. Stefan Felder, economista sanitario e professore all’Università di Basilea, aggiunge un altro elemento: "L’assicurazione di base ha un ventaglio troppo ampio di prestazioni rimborsate".  
In vent’anni la spesa per la sanità in Svizzera è più che raddoppiata: 40 miliardi di franchi nel 1999, oggi si sfiorano gli 83 miliardi. Una cifra da capogiro. Il Ticino è tra i cantoni che per il 2020 ha registrato l’aumento maggiore dei premi (in media il 2,5%). Penalizzato da una popolazione in là con gli anni e più malata, dove, nel 2018, i costi pro capite sono cresciuti del 2.2% rispetto al 2017. "Ma anche un cantone - sottolinea Luca Crivelli, direttore del Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale alla Supsi - che sino ad oggi non ha granché promosso dei modelli di reti integrate di cura, soprattutto per i pazienti cronici. Favoriscono la qualità  e abbassano le spese. Inoltre, servirebbe una miglior connessione tra i vari settori di cura".
Intanto, soprattutto in Ticino, i pazienti si muovono in un enorme shopping center della salute, che li spinge a consumare sempre di più. Che fare? Alzare le franchigie, eliminare alcune prestazioni dall’assicurazione di base? "I pazienti già pagano abbastanza di tasca loro - replica De Pietro -. Non è imponendo a tutti franchigie più elevate che si risolve il problema". Piuttosto, riprende il professore, "non si devono snobbare alcuni argomenti, alcune soluzioni, anche se a prima vista non sembrano così incisive. Tutto aiuta. E le proposte del ministro della Sanità sono condivisibili". Ovvero, ripristinare la possibilità per i cantoni di avere più informazioni dall’Ufficio federale della sanità (in passato era possibile); in settimana l’ha chiesto anche il consigliere nazionale Giovanni Merlini a nome della Deputazione ticinese alle Camere. Inoltre, la riduzione delle riserve di un assicuratore se reputate eccessive. Infine, i premi devono essere conformi ai costi.  
Sia chiaro, una soluzione miracolosa non esiste. Altrimenti non saremmo a questo punto. Tra i vari suggerimenti, per De Pietro è urgente anche metter mano alla pianificazione, alzare l’asticella della qualità di tutti gli attori in campo, chiedendo  più ragionevolezza. "Il Cantone deve utilizzare tutte le leve che ha a disposizione - dice De Pietro -. Ad esempio usare al meglio lo strumento del contratto di prestazione, lavorando su condizioni di qualità; migliorare la condivisione dei sistemi informatici tra i vari partner". Una misura incisiva, secondo Comparis, è quella di "rimborsare i medici che curano pazienti cronici o anziani con un forfait" (vedi a lato). Ipotesi sottoscritta da Stefan Felder: "Giusto, visto che più prescrivono più guadagnano". Ma soprattutto, insiste Luca Crivelli, "bisogna ridurre la frammentazione dell’offerta. Non per niente in questa tornata i cantoni che hanno registrato un minor aumento dei premi sono proprio quelli che hanno investito nelle reti integrate di cura".
Infine si potrebbe pure risparmiare su quel 30% di prestazioni sanitarie giudicate inappropriate. Frutto, come detto, del fatto che la sanità è il settore economico di più largo consumo di beni e di servizi, in cui regna la complessità, l’incertezza, un’informazione imperfetta. E in cui la qualità è poco misurabile. Fattori, questi, che rendono praticamente incontrollabile il sistema e difficilmente criticabile l’azione di tutti gli attori coinvolti.
pguenzi@caffe.ch
29.09.2019


ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
19.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2020
14.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, gennaio 2020
11.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2020
10.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2019
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2020
06.02.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, gennaio 2020
05.02.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 17 febbraio 2020
16.01.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2019
10.01.2020
Arge Alp: pubblicato un bando di concorso per un posto vacante presso il segretariato generale
08.01.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 20 gennaio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Se il virus ci trascinerà
in una recessione
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il terrorismo resterà
ancora un pericolo
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Dalla tavola sovranista
a quella pro - global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Si scenderà a patti
con il sistema-Terra
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Budget
europeo,
l’Europa
spaccata

Afghanistan,
forse
una tregua

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00