function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Come affrontare il calo delle vocazioni e l'invecchiamento
Immagini articolo
Preti sempre più vecchi
la Chiesa corre ai ripari
CLEMENTE MAZZETTA


Sempre meno preti in Ticino. E tanti don vecchio. Anziani e stanchi. Stando alla statistica dell’Annuario della Diocesi di Lugano risultano 220 sacerdoti, fra diocesani e extradiocesani (a cui  vanno aggiunti anche 43 religiosi dei vari ordini). Ma il 25% dei preti (uno su quattro) ha più di 70 anni. Una cinquantina sono "pensionati". Il 18% ha  superato i 75 anni. Una situazione riscontrata in molti Paesi. Tant’è che recentemente  i vescovi riuniti in Vaticano hanno chiesto al Papa di valutare per le zone del pianeta dove c’è scarsità di preti il sacerdozio per i diaconi con famiglia.
Tornando al Ticino, di preti diocesani "sul campo", in attività, se ne contano solo 141. In media uno ogni 2500 abitanti.  "Non lamentiamoci - dice don Pierangelo Regazzi, vicario foraneo di Bellinzona - in America latina c’è un prete per ogni 5/10 mila abitanti". Regazzi, 74 anni, doveva ritirarsi quest’anno. È uno dei tanti casi rimasti in servizio per mancanza di sostituzione. "Dovevo andare in pensione, ma il Vescovo mi ha chiesto di rimanere ancora. Ho detto di sì, anche perché non sono solo. Quel che posso faccio, quel che non posso lo fanno gli altri".
Pochi preti in Ticino - perlopiù con più di 50 anni -, che si devono occupare di 250 parrocchie su un territorio ampio e disagiato. Parrocchie, dove sempre più spesso - come cantava Adriano Celentano - "non c’è neanche un prete per chiacchierare". Dove non sempre è possibile garantire la messa domenicale. Negli anni ’50, nel Ticino ancora rurale, all’inizio del boom economico, di preti ce n’erano il doppio. Ma allora le sei diocesi svizzere contavano quasi tremila sacerdoti, scesi oggi a 1’400. E quel che è peggio, l’età media dei preti diocesani in Svizzera ha ormai superato i 65 anni. Ci sono ovviamente differenze tra diocesi e diocesi. Stando ad uno studio di qualche anno fa le diocesi di Basilea e di San Gallo avevano rispettivamente un’età media di 66,7 e 65,8 anni. Più giovane la diocesi di Lugano, con una media d’età oggi di 58,4 anni, anche se il 46% ha più di 60 anni e il 18%  meno di 40 anni.
"L’invecchiamento del clero è un dato di fatto dovuto alla secolarizzazione, alla scarsità delle vocazioni, al calo delle nascita, insomma al fatto che il mondo è cambiato - osserva il vicario foraneo del Locarnese don Carmelo Andreatta -. Ma è una realtà che va affrontata con lungimiranza, perché può essere un’opportunità". Facendo di necessità virtù, cambiando lo stile della pastorale: "Se ci sono meno preti, è chiaro che quelli che restano devono saper collaborare fra di loro. Ed è chiaro che anche i laici sono chiamati ad essere più presenti e attivi. Per questo si è introdotto la pastorale di rete". Una modalità organizzativa proposta dalla diocesi di Lugano per rimediare all’invecchiamento e alla scarsità del clero. Prevede una collaborazione più intensa fra le varie parrocchie, fra preti e laici. "Una modalità che nel vicariato di Bellinzona non abbiamo ancora messo in atto. Ne discuteremo. L’importante è che i preti e le parrocchie collaborino, senza campanilismi - precisa don Regazzi -. Dobbiamo resistere in attesa che cambi la Chiesa, che responsabilizzi i laici, le donne. E perché no, arrivando anche al sacerdozio femminile".
cmazzetta@caffe.ch
03.11.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00