function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};
L'Ordine degli avvocati evidenzia le disparità tra i media
Immagini articolo
I forcaioli su Facebook
non rischiano nulla
ANDREA STERN


Sbattere il mostro sulla prima pagina del giornale non si può. Ma sulla bacheca di Facebook sì. Una situazione paradossale, nuovamente emersa a seguito della condanna per coazione sessuale di un ex funzionario del Dss. Una situazione paradossale soprattutto se si pensa che il social network, con i suoi 200mila utenti attivi in Ticino, è di gran lunga il media più diffuso nel cantone. "Sicuramente il legislatore federale dovrebbe fare una riflessione su questo tema - sostiene Gianluca Padlina, vicepresidente dell’Ordine degli avvocati del cantone Ticino (Oati).-. Poiché Facebook viene utilizzato come un media, pur non essendo un media". E quindi non dovendo sottostare alle medesime regole. "Ma allo stato attuale delle cose la situazione è questa - prosegue Padlina -. Se i media pubblicassero il nome del condannato violerebbero il Codice di procedura penale. Se invece a divulgare il nome è un qualunque cittadino, non rischia nulla". Tantomeno Facebook. "Vedo difficile chiamare in causa la piattaforma - afferma -. Già al momento dell’iscrizione gli utenti vengono resi attenti che la responsabilità di quanto scrivono è solo loro".
Nonostante ciò Facebook diventa spesso simile alle porte dei bagni in autostrada. Dove si può leggere di tutto. "Ma il social network interviene solo se vengono pubblicati contenuti violenti, illegali o di valenza penale - rimarca Padlina -. Se viene scritto il vero no". E nel caso in questione, divulgare il nome del condannato significa scrivere il vero. Diverso sarebbe scrivere "il condannato è un pedofilo". Perché è falso. Ma qui non è il caso. I post si sono limitati a rendere pubblica l’identità dell’imputato.
"Mi sembra tuttavia che queste persone abbiano fatto un po’ di confusione -sostiene Padlina -. Hanno creduto o voluto credere che il divieto di pubblicazione del nome sia stato deciso per proteggere il colpevole. Sull’onda di un certo istinto forcaiolo, hanno quindi voluto metterlo alla gogna. Senza rendersi conto che così rischiano di favorire altri colpevoli. Altri autori di simili reati". Poiché altre vittime potrebbero essere scoraggiate dal denunciare chi le ha molestate per paura di essere identificate. "Ricordo un processo con una vittima minorenne - afferma Padlina -. Aveva paura che i suoi amici venissero a sapere cose le era successo. Tutto avrebbe voluto, fuorché pubblicità sui media". Avrebbe aggiunto ulteriore sofferenza a quella della violenza, della denuncia, dell’inchiesta e del processo. Per affrontare questo percorso ci vuole un grande coraggio, cui occorre rispondere con il dovuto sostegno e la dovuta riservatezza. "Chi pubblica il nome di un condannato fa solo del male alle sue vittime - conclude Padlina - e a tutte le altre che ancora non hanno trovato la forza di parlare".

a.s.
10.02.2019


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
15.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2020
13.05.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 25 maggio 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2020
12.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, aprile 2020
08.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Dati settimanali provvisori sui decessi, Ticino e Svizzera, stato al 5.5.2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2020
06.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2020
30.04.2020
Pubblicato il Rendiconto 2019 del Consiglio di Stato
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Ripartenza a singhiozzo
e borse poco indicative
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il braccio del Sultano
"allunga" il suo potere
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Notte
di violenze
nelle città
statunitensi

La lenta
ripartenza
della cultura
europea

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00