L'Ordine degli avvocati evidenzia le disparità tra i media
Immagini articolo
I forcaioli su Facebook
non rischiano nulla
ANDREA STERN


Sbattere il mostro sulla prima pagina del giornale non si può. Ma sulla bacheca di Facebook sì. Una situazione paradossale, nuovamente emersa a seguito della condanna per coazione sessuale di un ex funzionario del Dss. Una situazione paradossale soprattutto se si pensa che il social network, con i suoi 200mila utenti attivi in Ticino, è di gran lunga il media più diffuso nel cantone. "Sicuramente il legislatore federale dovrebbe fare una riflessione su questo tema - sostiene Gianluca Padlina, vicepresidente dell’Ordine degli avvocati del cantone Ticino (Oati).-. Poiché Facebook viene utilizzato come un media, pur non essendo un media". E quindi non dovendo sottostare alle medesime regole. "Ma allo stato attuale delle cose la situazione è questa - prosegue Padlina -. Se i media pubblicassero il nome del condannato violerebbero il Codice di procedura penale. Se invece a divulgare il nome è un qualunque cittadino, non rischia nulla". Tantomeno Facebook. "Vedo difficile chiamare in causa la piattaforma - afferma -. Già al momento dell’iscrizione gli utenti vengono resi attenti che la responsabilità di quanto scrivono è solo loro".
Nonostante ciò Facebook diventa spesso simile alle porte dei bagni in autostrada. Dove si può leggere di tutto. "Ma il social network interviene solo se vengono pubblicati contenuti violenti, illegali o di valenza penale - rimarca Padlina -. Se viene scritto il vero no". E nel caso in questione, divulgare il nome del condannato significa scrivere il vero. Diverso sarebbe scrivere "il condannato è un pedofilo". Perché è falso. Ma qui non è il caso. I post si sono limitati a rendere pubblica l’identità dell’imputato.
"Mi sembra tuttavia che queste persone abbiano fatto un po’ di confusione -sostiene Padlina -. Hanno creduto o voluto credere che il divieto di pubblicazione del nome sia stato deciso per proteggere il colpevole. Sull’onda di un certo istinto forcaiolo, hanno quindi voluto metterlo alla gogna. Senza rendersi conto che così rischiano di favorire altri colpevoli. Altri autori di simili reati". Poiché altre vittime potrebbero essere scoraggiate dal denunciare chi le ha molestate per paura di essere identificate. "Ricordo un processo con una vittima minorenne - afferma Padlina -. Aveva paura che i suoi amici venissero a sapere cose le era successo. Tutto avrebbe voluto, fuorché pubblicità sui media". Avrebbe aggiunto ulteriore sofferenza a quella della violenza, della denuncia, dell’inchiesta e del processo. Per affrontare questo percorso ci vuole un grande coraggio, cui occorre rispondere con il dovuto sostegno e la dovuta riservatezza. "Chi pubblica il nome di un condannato fa solo del male alle sue vittime - conclude Padlina - e a tutte le altre che ancora non hanno trovato la forza di parlare".

a.s.
10.02.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14