Il progetto del rettore Erez va oltre il solo Medtech
Immagini articolo
Centro di competenze,
l'Usi svela le sue carte
ANDREA STERN


Medtech ma non solo. Il centro di competenze "Life sciences" immaginato da Boas Erez, rettore dell’Università della Svizzera italiana, si estende a numerosi altri possibili ambiti. Dall’intelligenza artificiale alla micromeccanica, dalle nanotecnologie ai Big data, dal Biotech alla farmaceutica. Tutto sotto uno stesso tetto, in collaborazione con gli enti pubblici, con le società private e con i medici attivi in Ticino.
Non c’è che dire, Erez intende fare sul serio. Subentrato in corso d’opera nel progetto Lugano Medtech, nato da un’intuizione del Cardiocentro ma poi abbandonato dallo stesso Cardiocentro, il rettore dell’Usi ha demandato una mappatura delle competenze legate alle "Life sciences" sparse sul territorio cantonale. Sulla base di quanto emergerà da questo sondaggio, verranno stabilite le necessità del futuro centro di competenze. Che non sarà quindi più legato alla sola ricerca medica ma si estenderà ad ulteriori ambiti.
Il progetto è ancora in fase di cantiere, o meglio di elaborazione, ma i suoi capisaldi sono già stati illustrati dal rettore dell’Usi lo scorso 15 marzo a Lugano, in occasione della Giornata della ricerca della Svizzera italiana. Si prevede un’organizzazione tramite un coordinamento centrale che dovrà fungere da supporto ai partner. Pubblici e, come detto, anche privati. Dalla Medacta di Castel San Pietro alla Synthes di Mezzovico, dalla Humabs di Bellinzona alla Sintetica di Mendrisio, sono numerosi gli attori che potrebbero rivestire un ruolo da protagonista nel futuro centro di competenze "Life sciences".
Restano però da chiarire diversi aspetti. Innanzitutto i costi e la loro ripartizione. Per il progetto, maggiormente orientato ai privati rispetto a quello originariamente previsto dal Cardiocentro e dalla Città di Lugano, dovrebbero essere ridiscussi eventuali contributi pubblici. Andrebbe inoltre trovata una nuova ubicazione. Erez sostiene che lo stabile Mizar di Molino Nuovo potrebbe ancora entrare in considerazione. Ma si tratta pur sempre di un acquisto da 48 milioni di franchi, spese di ristrutturazione comprese. E l’Usi, alle prese con importanti investimenti, non è attualmente in grado di sostenere ulteriori spese. Non è quindi detto che non possa essere trovata un’alternativa più economica e magari anche più confacente alle necessità di quelli che saranno gli effettivi inquilini.
Di certo c’è il concetto ideato da Erez, più esteso rispetto a quello pensato dal Cardiocentro. Il centro di competenza dovrà contare su degli esperti nello sviluppo che lavoreranno a stretto contatto con le aziende presenti sul territorio nonché con gli istituti di ricerca e con le strutture mediche. Si dovrà basare sul sistema dei vasi comunicanti, con l’obiettivo finale di rispondere al meglio alle necessità del paziente. Perché in fondo la ricerca serve proprio a questo. A migliorare la vita delle persone.
24.03.2019


Articoli Correlati
LO STUDIO

Il settimanale "il Caffè",
giornale di qualità
IL DOSSIER


Il Cardiocentro
I servizi del Caffè
e i documenti ufficiali
IL GIALLO


L'infermiere
accusato di uccidere
i pazienti anziani
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Quel Modi indiano
piace a Usa e Cina
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
I migranti in Libia
come arma di ricatto
Guido Olimpio
Guido Olimpio
La fuga dei miliardari
imbarazza gli Emirati
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Le serie streaming
escluse da Cannes
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Onda verde e giovane
delle nuove generazioni
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
GRANDANGOLO

Storia dell’infermiere
affascinato dalla morte
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
L'INCHIESTA

Il caldo e le gelate
devastano i  campi
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

La scivolata di Fognini
tennista quaquaraquà
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
15.07.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2019
12.07.2019
Consultabili online le temperature dei fiumi misurate in continuo presso le stazioni idrologiche cantonali e federali [www.ti.ch/oasi]
28.06.2019
Servizio militare: giornate informative 2019
27.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2018
26.06.2019
L'ufficio dei beni culturali segnala la pubblicazione di un nuovo sito tematico dedicato al Monetario cantonale [www.ti.ch/monetario]
25.06.2019
Aggiornato il catasto del potenziale solare degli edifici con i dati di tettosolare.ch consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
19.06.2019
Nuova veste grafica, contenuti e funzionalità per il sito della Divisione della formazione professionale
17.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2019
13.06.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, giugno 2019
12.06.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 24 giugno 2019.

I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Le incredibili
gare
dei bufali
in Thailandia

Silk Way
Rally 2019,
dalla Cina
con furore

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00