function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Il punto
Immagini articolo
L'illusione di difendere
la sovranità con il voto
CHANTAL TAUXE


Non mi stancherò mai di indignarmi per il debole tasso di partecipazione alle votazioni, un misero 42% domenica scorsa. Dovremmo, forse, sperimentare la vita sotto dittatura per apprezzare davvero il diritto di voto? Mi innervosisco, ma mi chiedo anche perché abbiamo votato. Ci siamo espressi su quattro temi, ma non è certo che ora cambi qualcosa.
Nel caso dell'imposta di successione e delle borse di studio, è normale che nulla si muova: le riforme sono state respinte. Va comunque notato come il problema del finanziamento dell'Avs, a cui una maggiore tassazione delle eredità a livello federale prometteva di contribuire, resta intatto. Stessa cosa per la causa, manifestamente poco popolare, dell'uguaglianza delle possibilità nell'accesso agli studi, che restano pur sempre vettore di ascesa sociale, quindi di dinamismo per la collettività.
Per quanto riguarda la diagnosi pre-impianto, si è chiaramente detto di sì, ma sappiamo già che la legge d'applicazione sarà contestata. Il "sì" alla legge radiotelevisiva è stato invece strappato per un pelo. Ma, anche in questo caso, non si risolve nulla. Il dibattito sul finanziamento del servizio pubblico audiovisivo non si è certo calmato. Nessuno ha capito il voto dei ticinesi, i maggiori beneficiari del canone radio-tv. Quando si tratterà di difendere la chiave di riparto, il cantone - che incassa quattro volte più di quanto non contribuisce - rischia di pagare caro la sua sfrontatezza.
Noto, con una punta di sarcasmo, che questo 14 giugno non abbiamo potuto esprimerci sui due problemi che maggiormente incidono sulle nostre vite. La forza del Franco svizzero rischia di soffocare la nostra economia, ma non abbiamo nulla da ridire. La banca nazionale ha deciso in autonomia. Non abbiamo neppure la possibilità di lanciare un referendum su questo tema. Il dramma dei migranti nel Mediterraneo, poi, non è vicino ad una soluzione. Appena due anni fa, abbiamo accettato con una maggioranza del 78% le modifiche alla legge sull'asilo. Seguendo gli europei, si è deciso di togliere la possibilità ai richiedenti l'asilo di formulare le loro domande nelle ambasciate. Una misura pensata per evitare l'afflusso di migranti. Porca vacca! Non funziona minimamente. Il Mediterraneo è scosso da un autentico tsunami umano. L'Italia non ne può più di veder sbarcare sulle sue spiagge migliaia di migranti in cerca di un avvenire migliore. Ha perso la speranza nella solidarietà europea. Se Matteo Renzi dovesse mettere in atto la minaccia di concedere visti Schengen ai migranti, indovinate quale sarà uno dei Paesi a dover affrontare il maggior numero di arrivi in massa "indesiderati"? Scrivo "di massa" e mi ricordo che abbiamo votato proprio contro l'immigrazione di massa, lo scorso anno.
Perché tanta ironia? Mi chiedo se non ci stiamo infilando un dito nell'occhio, credendo che la sovranità svizzera è difesa grazie alla nostra democrazia diretta.
21.06.2015


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
27.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2020
23.07.2020
Attivato il sito dell’Ufficio del controlling e degli studi universitari
13.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, giugno 2020
06.07.2020
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2019
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, maggio 2020
17.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2020
12.06.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel primo trimestre 2020
10.06.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 22 giugno 2020
04.06.2020
Swiss Mobility: opportunità di stage professionale in Svizzera per neodiplomati 2020
20.05.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, aprile 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Fra Trump e Biden
sfida rivolta al passato
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I morti viventi dell'Isis
scompaiono e riappaiono
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Nella tana degli affetti
per sentirci meno soli
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: 64 anni fa
la strage
nella miniera
di Marcinelle

Covid-19:
quarantena
"spagnola"
in Svizzera

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00