function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Cosa può nascondersi dietro alcuni gruppi culturali di destra
Immagini articolo
La patria e le tradizioni
nella mappa nazionalista
MAURO SPIGNESI


Si richiamano all'identità dei popoli celti, goti, longobardi, germanici. E rispolverano vecchi simboli della destra. Organizzano manifestazioni in montagna, dove tra un dibattito e una risottata ripropongono giochi che affondano nella mitologia alpina. Ma oltre le venature ludiche e vagamente nostalgiche, rilanciano un'identità che nasce e cresce attorno alla regione Insubrica. Ovvero ad un concetto non solo geografico, richiamato da una galassia di associazioni e gruppi, al di là e al di qua della frontiera. Come ad esempio Terra Insubre, che ha sede in Italia, a Varese, e in molte città lombarde oltre che in Ticino, e che pur slegata dai partiti politici, può tuttavia contare in radici e amicizie leghiste, nelle simpatie di frange indipendentiste.  Punta a creare una comunità nazionale che comincia dal Po e si ferma ai Passi alpini. La sua attività si articola fra convegni, conferenze, studi, pubblicazioni e l'Università estiva. E, attraverso il gruppo di lavoro di Grigioni e Ticino, ha ottenuto dal 2007 al 2009 anche finanziamenti di sponsor istituzionali, come Swissloss.
Terra Insubre, come associazione culturale, ha stretto un accordo di collaborazione, con il movimento politico Domà Nunch, che sostiene la causa nazionalista insubrica. Tutto legittimo, sia chiaro. Certo, è curioso che le iniziative di Terra Insubre siano state raccontate in un servizio della rivista del gruppo norvegese ultra nazionalista Ma?lmannen (vedi articolo in basso). Un'organizzazione che porta avanti alcuni valori simili a quelli di gruppi che proprio in questi anni sono stati progressivamente sdoganati dalla vecchia destra in doppiopetto attraverso alleanze strategiche che rischiano però di rivelarsi pericolosi cavalli di Troia.
È successo in Francia, dove Marine Le Pen nelle ultime sfide elettorali ha ottenuto l'aiuto di altri gruppi nazionalisti per raccattare - come hanno spiegato molti analisti - l'elettorato insoddisfatto delle periferie, strappando la simpatia di gruppi  come Bloc Identitaire. Succede in Italia dove la Lega nord di Matteo Salvini ha  fatto salire a bordo le frange estremiste di Forza Nuova e Casa Pound. In Spagna con Democracia Nacional che tesse dialoghi con la destra più conservatrice. In Inghilterra dove il sentimento antieuropeista spinge il British Nacional Party. E pure nella Grecia della crisi e della crescita stratosferica del debito pubblico che ha messo benzina nel motore ad Alba Dorata.
Un tempo litigiosa e divisa questa galassia nazionalpopulista sta cercando una sua immagine complessiva per ritrovarsi. E lo fa soffiando sulla crisi europea e facendo ribollire rigurgiti nazionalisti. Rispolverando il vecchio concetto di frontiera per fermare l'immigrazione straniera. Spingendo la politica dell'identità ai limiti estremi, sino a farla sconfinare, in alcuni casi, su un terreno xenofobo e razzista.
Il rischio è che questa forte connotazione localistica e isolazionistica, il richiamo costante alla sovranità nazionale, possano contaminare ancor di più il dibattito politico,  con i partiti tradizionali che rincorrono gli slogan identitari a antistranieri  per paura di perdere terreno e voti. Dal settentrione d'Europa all'Italia, da nord a sud, monta l'ondata nazionalpopulista e  il Ticino si trova stretto nella morsa di un processo che sta contagiando la politica continentale, infiltrandosi nel tessuto sociale di molti Paesi, dettando priorità e parole d'ordine improntate al protezionismo e alla chiusura.
I satelliti della galassia nazionalista sono presente anche a Ginevra e Zurigo con gruppi legati alla destra estrema  che pubblicano bollettini su internet. In questa spinta da nord a sud, nascono e si replicano poi sul territorio movimenti più estremisti come  Pegida in Germania, "contro l'Islamizzazione dell'Occidente", che in Ticino ha un sito dove alcuni politici hanno "inavvertitamente" cliccato sul "mi piace" salvo fare una brusca marcia indietro. O altri gruppi, come il Mas, il Movimento d'azione sociale, dichiaratamente di estrema destra.
Ma in Ticino chi ha orientamenti verso la destra più radicale non è costretto necessariamente a restare dentro i confini svizzeri. Può tranquillamente ritrovarsi in quell' arcipelago di gruppi  presenti nel Varesotto e nel Comasco. Come Forza nuova che proprio a Cantù celebra il Festival Boreal, contestato dalla sinistra e, due anni fa, persino dall'allora segretario del Carroccio e attuale governatore della Lombardia Roberto Maroni che sottolineò la propria "lontananza ideologica" dal movimento.
Può persino partecipare ad adunate come quella di un anno fa a Varese, dove in 400 festeggiarono il compleanno di Hitler, celebrando il ventennale di "Varese Skinheads".

mspignesi@caffe.ch
@maurospignesi
05.04.2015


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00