Meno bimbi in arrivo e altre vie per diventare genitori
Immagini articolo
Le adozioni dall'estero
sono in caduta libera
PATRIZIA GUENZI


Se la pop star Madonna è appena rientrata dal Malawi con due gemellini freschi di adozione, la stessa voglia di farsi carico di figli altrui gli svizzeri l’hanno persa. Negli anni il numero delle adozioni internazionali è precipitato. Nel 1979 i bimbi erano 2160, nel 2015 solo 329. Un trend all’ingiù che ha contagiato altri Paesi europei: in Germania, ad esempio, negli ultimi venticinque anni le adozioni internazionali si sono più che dimezzate. Le ragioni sostanzialmente sono tre: le tecniche di fecondazione assistita diventate super efficienti per cui sempre più donne riescono a coronare il sogno di una gravidanza, seppur tardiva. Il numero delle nascite indesiderate è calato e anche una mamma single oggi è accettata dalla società e dall’economia. Infine, la legge sulle adozioni è diventata più restrittiva rispetto a una quindicina di anni fa. I Paesi stranieri devono dar prova di avere fatto di tutto prima di rendere adottabile un bambino.
A frenare la voglia di genitorialità, anche il profilo dei bimbi stranieri: più grandi, spesso con problemi di salute e a volte "accompagnati" da fratelli o sorelle. Infine, la procedura per chi inizia un percorso di adozione diventa sempre più lunga, costosa ed estenuante. L’attesa media è tra i quattro e i cinque anni. Troppi.
Con queste premesse è facile immaginare che molte coppie decidano di lasciar perdere. Portarsi a casa un bambino piccolo, e sano, è il desiderio di tutti. Così, chi è ancora in tempo si affida alle tecniche di fecondazione assistita, circa tremila sono i bebè che nascono in questo modo. E per soddisfare il loro desiderio di maternità, molte donne sono disposte anche ad andare all’estero per poter ricorrere a metodi ancora proibiti in Svizzera, come la donazione di ovuli o l’utilizzo di madri surrogate.  
Insomma, lontani i tempi in cui gruppi di bimbi coreani o indiani volavano sino in Svizzera per trovare una nuova famiglia. Erano gli anni Settanta-Ottanta. Oggi, tutto ciò è storia remota. Da qui l’aumento delle richieste di adozione nazionale. Ogni anno sono una trentina i bimbi nati in Svizzera e giudicati adottabili. Sono per lo più bambini nati da donne non sposate originarie dei Balcani. Siccome la gravidanza fuori dal matrimonio è considerata &softReturn;una vergogna, le madri spesso accettano di separarsi dal loro bebè e di darlo darlo quindi in adozione.
Sebbene non ci sia un’età limite per chi adotta, i futuri genitori dovrebbero comunque ancora essere nel periodo di fertilità biologica. Infatti, le coppie over quaranta hanno molte meno chance di poter ottenere un bimbo. I requisiti richiesti per un’adozione nazionale sono altrettanto severi. Solo i costi cambiano, nettamente più contenuti si aggirano attorno ai duemila franchi. Mentre per un’adozione internazionale la cifra oscilla tra i 10mila e i 50mila franchi. Oltre a tutte le spese amministrative, procedure e documenti vari, il viaggio nel Paese d’origine del bambino (volo, visto, soggiorno) in cui dovranno trascorrere tra 3 e 10 settimane (a seconda del caso o del Paese) prima di poter rientrare assieme al bambino. Infine, a carico dei futuri genitori anche il volo, le analisi mediche del bambino e il visto svizzero.

pguenzi@caffe.ch
19.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Se l'assistenza
è a lungo termine
L'INCHIESTA

Un "aiuto domiciliare"
diventato carissimo
L'IMMAGINE

Una settimana
un’immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Lei un invalida?
Ma è sui social!
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
I "Paradise Papers",
un furto di ricchezza
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il secessionismo
scuote l'Europa
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il colore "pervinca"
emblema di artificio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.11.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, ottobre 2017
15.11.2017
Istituto della formazione continua - Pubblicato il nuovo programma gennaio-giugno 2018 dei corsi base per formatori di apprendisti
15.11.2017
Comunicazione di prassi cantonale concernente le deduzioni di spese professionali particolari degli espatriati domiciliati nel Canton Ticino
08.11.2017
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 8 novembre 2017 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
07.11.2017
I dati del censimento annuale dei rifiuti sono ora consultabili in modo interattivo anche sul portale dell'Osservatorio Ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
30.10.2017
Pubblicato nuovo formulario per la compilazione elettronica della dichiarazione dei redditi 2017 dei Patriziati, con la funzione di somma automatica
24.10.2017
Aggiornato il sito tematico del Parco del Piano di Magadino [www.ti.ch/ppdm]
19.10.2017
Pubblicati i dati del traffico sulla rete stradale in Ticino nel 2016 [www.ti.ch/conteggi]
19.10.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, settembre 2017
18.10.2017
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da mercoledì 18 ottobre 2017 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Parigi:
Hariri annuncia
il ritorno
a Beirut

Zimbabwe:
corteo
contro
Mugabe