L'Associazione Mani per l'infanzia spiega il calo di arrivi
Immagini articolo
"L'iter per le adozioni
si complica sempre più"
PATRIZIA GUENZI


Etiopia, Burkina Faso, Haïti e Repubblica Dominicana. Sono i Paesi con cui collabora l’Associazione Mani per l’infanzia, attiva nell’adozione internazionale e nell’aiuto umanitario. Malgrado un bacino più ampio rispetto agli inizi dell’attività, le difficoltà in nove anni sono cresciute. "Abbiamo iniziato con l’Etiopia, e i primi tempi era davvero facile portare a termine un’adozione - spiega la presidente Orietta Lucchini -. Oggi invece i tempi si sono allungati e di molto. Capita di restare in attesa mesi e mesi, salvo poi venire a sapere che tutto si è interrotto, che la procedura è stata bloccata".
E allora bisogna ricominciare tutto da capo. O nello stesso Paese o in un altro. E soprattutto spiegare la situazione alla coppia che sta aspettando da tempo, il che non sempre è facile. "Per fortuna abbiamo ampliato la rosa di Paesi di riferimento disponibili - sottolinea Lucchini -. Nel Burkina Faso, ad esempio, abbiamo in corso cinque procedure e quattro ad Haïti. Ma è sempre più complicato. Inoltre, la legislazione di molti Paesi è cambiata e tendono ad assorbire al loro interno gli orfani. Che non sempre finiscono bene. In Etiopia, ad esempio, molti bambini vanno a servizio nelle case dei ricchi. Immaginabile la vita che andranno a fare. Eppure per le autorità anche questa è un’adozione".
19.03.2017


IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Povere chiese...
con meno denaro
L'INCHIESTA

Un bebè su quattro
ha genitori stranieri
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Il Piano B italiano
senza canone Rai
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
11.01.2018
Prova delle Sirene 2018
10.01.2018
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta del 22 gennaio 2018.
28.12.2017
Pubblicati online gli oggetti che sottostanno all’Ordinanza sulla protezione contro gli incidenti rilevanti (OPIR) con le loro aree di coordinamento [www.ti.ch/oasi]
28.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, novembre 2017
22.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2017
21.12.2017
Riqualifica del fondovalle di Airolo: credito di 50 milioni di franchi quale contributo cantonale [www.ti.ch/cantieri]
19.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
19.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 19.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
15.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, terzo trimestre 2017

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Vienna:
"Non lasciate
governare
i nazisti"

Repubblica Ceca:
per le presidenziali
sarà
ballottaggio