Gli svizzeri italiani sono meno litigiosi del resto del Paese
Immagini articolo
Ecco tutte le ingiurie
che inguaino i ticinesi
MAURO SPIGNESI


L’insulto più leggero che hanno lanciato è psicopatico. Per le offese più gravi, invece, bisogna scorrere una lunga e assortita lista ricavata da 2.974 sentenze pronunciate dai tribunali svizzeri soltanto nel 2015. E che contengono le condanne per reati contro l’onore. Reati, come ha rivelato una inchiesta di Le Matin Dimanche, che a livello nazionale sono letteralmente esplosi dal 2009 al 2015, con una crescita del 63 per cento. Un dato che emerge dalle statistiche della polizia. Nel dettaglio: le denunce per calunnia sono raddoppiate passando da 667 a 1.384, quelle per diffamazione da 980 a 1.624, quelle per ingiuria da 5.775 a 9.434. E se si vuole tracciare un identikit di chi finisce nei guai basta ancora scorrere le statistiche: è un individuo maschio, di nazionalità svizzera, ha dai 20 a 24 anni. Cioè è una persona molto giovane. E questo conduce subito a una prima riflessione, perché l’aumento degli insulti che portano poi davanti all’autorità giudiziaria partono spesso da internet. "Il problema è che non ci si rende conto che offendere una persona sulla Rete non lascia scampo, perché la frase incriminata può essere condivisa, copiata, replicata, c’è una contaminazione che inevitabilmente lascia una traccia", spiega l’avvocato Gianni Cattaneo, docente di diritto informatico e di internet alla Supsi. "Per quanto riguarda i reati contro l’onore, però, se da una parte c’è un aumento segnalato dalla polizia, poi bisognerebbe vedere davvero quante denunce finiscono in un processo, in una condanna oppure in prescrizione".
Prima di arrivare davanti al giudice, in passato, c’era una sorta di camera di compensazione rappresentata dai giudici di pace. Ma oggi le competenze sono diverse. "Noi questo genere di liti non le vediamo più, né ci passano gli incarti", spiega Alfio Indemini, presidente dell’Associazione dei giudici di pace del Canton Ticino. E proprio in Ticino, se si va a estrapolare il dato dei reati contro l’onore si scopre  che le indagini aperte dalla polizia cantonale per diffamazione e calunnia nel 2015 sono state in media due al giorno, cioè 827. Meno, e qui il Ticino va in controtendenza al dato nazionale, rispetto al 2009, quando invece erano complessivamente 1.070.
"C’è da dire che dopo una denuncia, dopo un’offesa magari dettata da un momento difficile, spesso ritorna il buon senso, prevalgono le scuse e tutto si chiude con una stretta di mano", spiega Gianluca Padlina, vice presidente dell’Ordine degli avvocati del Canton Ticino. "Il problema vero - aggiunge il legale - è che non bisogna mai farsi trascinare dal vortice della rabbia, bisogna sempre avere il senso della misura. E, soprattutto, rendersi conto che una offesa può portare dritti dritti davanti al ministero pubblico". E non è mai piacevole. Senza dimenticare la parcella dell’avvocato e il rischio di spese processuali.
Oggi, inoltre, c’è un altro aspetto che ha contribuito ad far crescere il numero complessivo delle denunce. "La gente conosce meglio i propri diritti e i propri doveri e li fa rispettare", ha spiegato a Le Matin Caroline Dayer, psicologa dell’Università di Ginevra ed esperta di prevenzione della violenza e discriminazione. Dayer ha sottolineato che non bisogna banalizzare ingiuria e diffamazione, perché sono reati che fanno soffrire profondamente le persone. "Da noi ho notato che anche le liti di condominio piano piano si sistemano - spiega Carlo Canonica, giudice di pace a Paradiso e mediatore sociale - prima di finire in una denuncia penale".

spignesi@caffe.ch
@maurospignesi
09.04.2017


Articoli Correlati
IL DOSSIER


I fatti e le opinioni
sulle vicende S.Anna
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

Ecco le cinque ricette
per salvare l'aeroporto
L'INCHIESTA

Quei crimini di guerra
"congelati" da Berna
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Salvacondotto Ue
per La Valletta
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Millennial al potere
ma non "correct"
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nella base americana
"Pronti, qui in Corea"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Propaganda e verità
sono sempre in guerra
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Quelle vie d'uscita
per Gerusalemme
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Premiata a Locarno
la parodia del cinema
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La pizza nasce local
ma è diventata global
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
13.12.2017
Aggiornati i dati su consumo e produzione di energia in Ticino consultabili nel portale dell'Osservatorio ambientale della Svizzera Italiana [www.ti.ch/oasi]
13.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
12.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2017
11.12.2017
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre e terzo trimestre 2017
07.12.2017
Pubblicati orari e tariffe dei trasporti pubblici, validi dal 10 dicembre 2017 [www.ti.ch/trasporti]
04.12.2017
Militare: Visite di reclutamento 2018
04.12.2017
Caccia tardo autunnale: evoluzione delle catture al 04.12.2017 [www.ti.ch/caccia]
01.12.2017
Pubblicato il Rapporto al Gran Consiglio sull'aggiornamento delle Linee direttive 2015-2019
30.11.2017
Consegna degli attestati 2017 alle nuove Guardie della natura [www.ti.ch/natura]
29.11.2017
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria dell'11 dicembre prossimo

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio




I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Al-Abadi
dichiara la fine
della guerra
all'Isis in Iraq

I 300 giorni
di carcere
del giornalista
Deniz Yucel