Oltre 50 interruzioni sulle autostrade per lavori in corso
Immagini articolo
Alto rischio incidenti
fra i cantieri stradali
MAURO SPIGNESI


Sul tratto ticinese della A2 bisogna rallentare quattro volte. All’altezza dello svincolo di Mendrisio, nel passaggio tra Ceneri e Bellinzona sud, al centro di controllo del traffico pesante di Giornico (Monteforno) ed infine ad Airolo. Se va bene, quando va bene, si perdono da un quarto d’ora a venti minuti. Nei periodi di traffico intenso anche il doppio. A questi ticinesi, se si deve attraversare la Confederazione bisogna aggiungere altri 11 cantieri, e si arriva a 15. Poi i 32 presenti nella mappa delle strade cantonali. Chi ne intercetta uno deve attendere da due a tre minuti se c’è il semaforo, molto di più se c’è un agente di un’azienda di sicurezza privata alla regia dei flussi delle auto. Inoltre ci sono i cantieri nelle comunali, parecchi in questo periodo in cui si taglia la vegetazione ai lati delle strade. E sono decine. Facendo due calcoli, da nord a sud, da est a ovest del Ticino, mediamente, stando prudenti, si registrano oltre cinquanta interruzioni e rallentamenti del traffico.
Nonostante le misure per eliminare i rischi, sia per gli automobilisti che per gli operai al lavoro, con limiti di velocità e indicatori luminosi sistemati nelle aree interessate agli interventi, lo slalom fra troppi cantieri non aiuta sicuramente la sicurezza stradale. L’ultimo incidente è quello all’altezza del Ceneri dove un’auto elettrica ha centrato la segnaletica del cantiere prendendo fuoco. Nel rogo è morto l’occupante, un tedesco di 48 anni. Ma gli incidenti presso i cantieri sono in crescita. Una crescita preoccupante: a livello nazionale l’anno scorso - dati Ustra - sono stati 1.221, una media di oltre 3 al giorno, erano 1.015 nel 2016, un incremento di 206. A livello cantonale invece gli incidenti sono quasi 4 al mese, 46 in tutto. Nel 2016 erano stati 40, dunque anche sul territorio ticinese c’è stato un aumento.
Ma nell’attuale rete stradale, dove le ore di coda l’anno scorso sono state complessivamente 24.066, con una crescita del 5%, è ancora il traffico intenso il responsabile principale delle code. Anche in Ticino, dove appunto solo in autostrada ci sono quattro cantieri. "Tempo un mese, un mese e mezzo al massimo, i disagi per lo svincolo di Mendrisio termineranno - promette Eugenio Sapia, portavoce dell’Ufficio federale delle strade (Ustra), filiale di Bellinzona -. Per quanto riguarda gli altri cantieri stiamo facendo di tutto per eliminare i disagi".
L’Ustra da tempo ha messo a punto sistemi che consentono al traffico di viaggiare nelle diverse direzione senza procedere a corsie alternate. E il numero delle ore di coda causate da lavori in corso è così calato a livello nazionale a 356 nel 2016 (516 l’anno prima). Secondo l’Ustra il sistema funziona. Soprattutto nei grandi agglomerati urbani, dove il volume di traffico giornaliero è notevole. Ad esempio, si calcola che a Baden nella galleria del Baregg si riversino 133.296 veicoli al giorno.
Ma se è vero che in condizioni normali i cantieri non provocano più le code di un tempo, restano tuttavia diversi problemi segnalati dagli automobilisti. E non soltanto in autostrada. Sulla cantonale del passo del Ceneri, ad esempio, sia in salita che in discesa bisogna superare uno slalom fra la segnaletica a terra e quella delle barriere sulle corsie. Stessa situazione in altri tratti, come in quello all’altezza di Melano. Poi c’è il cantiere allo svincolo di Mendrisio che costringe gli automobilisti a superare rotonde, corsie che si restringono, camion e ruspe in movimento e una segnaletica (anche verso il Fox Town) che non tutti intuiscono, tanto è vero che molti rallentano e formano le code.
Piccoli e grandi disagi che fanno lievitare le ore da passare in colonna quotidianamente. Un dato cantonale non c’è, ma l’automobilista medio svizzero trascorre ogni anno oltre trenta ore della sua vita bloccato nel traffico. Il tratto autostradale che va dal tunnel del San Salvatore fino a Lugano nord è tra i peggiori otto "corridoi" del Paese, quelli che si percorrono a passo di lumaca. A fotografare la situazione in quest’area ci ha pensato "Traffic Scorecard Inrix 2017", cioè l’indice internazionale che analizza e mette a confronto lo stato della congestione viaria nei principali Paesi e nelle più importanti aree metropolitane del mondo. Scorrendo lo studio si scopre che la situazione attorno alle città elvetiche non è poi granché differente da quelle delle grandi metropoli.
Al primo posto c’è Zurigo, dove ogni anno in media ogni automobilista che passa nella circonvallazione perde 51 ore nel traffico. All’ultimo c’è Sierre, con 5 ore di ritardo all’anno. In Ticino, al primo posto Lugano con 37 ore all’anno (dato in crescita), seguito da Mendrisio che deve fare i conti con il cantiere dello svincolo e dove le ore d’attesa sono 27 (sempre all’anno), mentre scendono a 24 a Bellinzona e si arriva sino a 19 a Locarno. Sul fronte del tasso di congestione al primo posto nella Confederazione c’è Losanna.
L’istantanea di "Traffic Scorecard Inrix 2017" è in pratica confermata da "Tom Tom trafic index", lo studio realizzato attraverso i dati rilevati dalla società che costruisce i famosi navigatori. Qui per congestione del traffico al primo posto c’è Ginevra, seguita da Zurigo e Losanna. Lugano invece si piazza al quarto posto assoluto con il 27% dei flussi giornalieri rallentati e 33 minuti persi in coda per automobilista.

maurospignesi@caffe.ch
20.05.2018


IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER

Economia
in ostaggio
di "Prima i nostri"
GRANDANGOLO

La bestiale estate
del sovranismo
L'INCHIESTA

"La Svizzera annetta
Campione d'Italia"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Nell'era degli ebook
i libri vanno a ruba
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
L'"altalena" della lira
nella crisi della Turchia
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Mosaici di guerra
dalla postazione Judy
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Lampi di guerra
e fulmini su Trump
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Orchi e melodrammi
non scaldano Cennes
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
La razza è un concetto
inventato della politica
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La dieta dei cittadini
interessa i governanti
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Resta solamente
una sottile speranza
LE INTERVISTE

I protagonisti
della cronaca

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
16.08.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, luglio 2018
10.08.2018
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 10 agosto 2018 alle ore 11.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
03.08.2018
Pubblicato il nuovo sito tematico dell'Ufficio di Consulenza tecnica e dei lavori sussidiati [www.ti.ch/consulenza-tecnica]
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, secondo trimestre 2018
18.07.2018
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, giugno 2018
09.07.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 9 luglio 2018 alle ore 13.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
28.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Movimento naturale della popolazione, Ticino, 2017
22.06.2018
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– [www.ti.ch/commesse]
22.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale: andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, giugno 2018
15.06.2018
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2018

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Genova:
le esequie
e le polemiche

Austria:
la ministra
si sposa
e invita Putin