Le reazioni dopo la promozione del poliziotto condannato
Immagini articolo
'Banalizzare il razzismo
può essere pericoloso'
ANDREA BERTAGNI/MAURO SPIGNESI/ANDREA STERN


Non c’è solo il poliziotto che su Facebook inneggia al nazismo e ciononostante, due anni dopo, viene promosso al grado di sergente maggiore. C’è anche il ragazzino che su un campo di calcio del Luganese insulta il compagno di origini africane e viene giustificato dalla mamma. Ci sono i tifosi, adulti, che dagli spalti offendono un giocatore di colore del Semine. O c’è, ancora, la municipale che, sempre su Facebook, esprime apprezzamento per messaggi del tipo "Il gas sistema molte cose". No, il razzismo non è scomparso.
"Piuttosto assistiamo a una pericolosa banalizzazione - sostiene Marzio Conti, presidente dell’associazione SportForPeace e docente di storia ed etica dello sport alla Scuola professionale per sportivi d’élite di Tenero -. È vero che da un lato le istituzioni si impegnano per contrastare le derive razziste, ma dall’altro si sentono affermazioni che fino a 20 anni fa erano impensabili. Non penso che sia colpa dei social media, ma vedere persone che esultano per gli annegamenti di migranti, ad esempio, dovrebbe farci riflettere".
Esempio lampante di questa banalizzazione, prosegue Conti, è la promozione dell’agente condannato per discriminazione razziale. "Non conosco la persona, quindi non posso giudicarla - afferma -. Magari è davvero un ottimo agente. Ma il problema è il messaggio che le autorità danno alla popolazione. Il rischio è che si dica che in fondo i suoi messaggi di sostegno al nazismo non erano poi così gravi. Che si può scrivere qualsiasi cosa su Facebook ed essere comunque premiati".
Sulla stessa linea di pensiero è Usman Baig, economista, responsabile ticinese dell’associazione Living education, che promuove i diritti dell’uomo e il rispetto della donna. "Il caso del poliziotto è emblematico - dice Baig -, perché se le istituzioni non lanciano un segnale deciso, di discontinuità, i sentimenti razzisti che emergono periodicamente rischiano di essere banalizzati. E a quel punto il problema diventerà strutturale e non più episodico". Per Baig, che è uno dei coordinatori cantonali dei Verdi, "il rispetto e il valore delle differenze vanno coltivati nelle scuole e su questo politici e associazioni possono, e devono, fare molto".
Anche lo sport, aggiunge Conti, può fare molto. "Le attività di squadra hanno soprattutto una funzione positiva - sottolinea -. In ogni compagine giovanile ci sono giocatori di origine straniera. Lo sport contribuisce a facilitare la loro integrazione. E nei rari casi in cui si assiste a insulti razzisti, questi vengono puniti con sanzioni pesanti".
E le comunità straniere cosa ne pensano? "Io da un anno non giro più di notte - dice al Caffé Awet Nugus, rappresentante della comunità eritrea in Ticino -. Ho subito un’aggressione all’esterno di una discoteca e ora ho paura". Secondo Nugus, l’intolleranza nei confronti degli stranieri è in crescita. "Quando sono arrivato in Ticino,  dieci anni fa, la situazione era tranquilla - afferma -. Mi sentivo accolto bene. Oggi invece mi capita spesso di essere trattato male. Soprattutto da parte dei giovani, gli anziani sono più gentili".
Sono quindi le nuove generazioni a essere più razziste? "Non saprei - afferma Elio Bollag, rappresentante della comunità ebraica di Lugano -. Ma dal mio punto di vista non c’è una rinascita di odio nei confronti degli stranieri. Non vedo segnali di razzismo o antisemitismo in Ticino". Secondo Bollag resta tuttavia la necessità che le autorità continuino a vigilare. E a dare il buon esempio. "La promozione dell’agente non rappresenta sicuramente un bel messaggio verso il resto della Svizzera - sostiene -. Chi serve l’ordine pubblico deve essere al di sopra delle parti. L’agente in questione ha espiato la pena, ma dovrebbe almeno dimostrare di aver cambiato opinione".
In questo senso una proposta a fini chiarificatori giunge dall’arciprete di Chiasso, don Gianfranco Feliciani. "Dovrebbe forse rilasciare una dichiarazione pubblica - sostiene il parroco -. Poiché uno sbaglio può commetterlo chiunque. Ma poi, prima di una promozione, uno deve convincere la collettività che ha capito il suo sbaglio e si è ricreduto". Allargando il discorso, don Feliciani sottolinea che "a volte sul tema dell’immigrazione abbiamo la tendenza a chiuderci a riccio, dimenticando che siamo tutti sulla stessa barca. A livello economico, finanziario e anche migratorio. Nessuno può dirsi neutrale sul fronte dell’indifferenza".

an.b./m.sp./a.s.
19.08.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

La privacy è morta
evviva la privacy
L'INCHIESTA

Gli affiti il business
delle Ferrovie federali
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

E il dentista incassa
i soldi dei contribuenti
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Il gioco a scacchi
tra Trump e Kim
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
La Libia aspetta
lo scontro finale
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Dalla Russia a Roma
le avventure degli 007
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Il dopo Chavez
che avvelena Caracas
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
La rivoluzione parte
dal carrello della spesa
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
19.02.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da martedì 19 febbraio 2019 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
06.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 18 febbraio prossimo
01.02.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da venerdì 1° febbraio 2019 alle ore 9:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
30.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, quarto trimestre e anno 2018
29.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole medie superiori per il periodo 2019-2023
28.01.2019
I giovani e le aziende interessate a partecipare al programma di scambio Swiss Mobility sono invitati a porre candidatura entro il 15.3.2019
18.01.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Svizzera e Ticino, dicembre 2018
15.01.2019
Concorso per funzioni di direzione e vicedirezione delle scuole professionali secondarie e superiori per il periodo 2019-2023
09.01.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 21 gennaio prossimo
31.12.2018
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da lunedì 31 dicembre 2018 alle ore 09.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ultimo
assalto
all'Isis
in Siria

Francia:
gilet gialli,
atto
numero 14