I gusti dei lettori ticinesi attraverso la classifica dei prestiti
Immagini articolo
Svedesi e italiani
padroni in biblioteca
ANDREA STERN


I gialli, in particolare quelli svedesi. I romanzi che parlano d’amore, con la statunitense Danielle Steel quale capofila. La narrativa italiana, da Gianrico Carofiglio ad Andrea Camilleri e in questo periodo Antonio Scurati. Mentre la saggistica è poco richiesta. Come lo sono i libri degli autori ticinesi, fatta eccezione per Andrea Fazioli.
Sono queste le tendenze nelle biblioteche ticinesi. Un mondo che non conosce crisi, nonostante si senta spesso parlare di un presunto disinteresse per la lettura. Negli ultimi dieci anni il numero di utenti attivi è diminuito solo alla biblioteca cantonale di Locarno, mentre è aumentato a Bellinzona, Lugano e Mendrisio. E, come spiega Stefano Vassere, direttore del Servizio bibliotecario cantonale, "il leggero calo dei prestiti di libri cartacei è ampiamente compensato dalla crescita degli e-book".
Sono già oltre 6.500 i libri in formato elettronico disponibili, gratuitamente, presso il Servizio bibliotecario cantonale. Pochi rispetto agli oltre 800mila libri cartacei, ma il loro successo è crescente. Anche perché per prenderli in prestito non è necessario recarsi di persona in biblioteca. "Nell’ambito degli e-book offriamo più che altro narrativa - afferma Vassere -. Gli autori più prestati quest’anno sono Elena Ferrante (quattro titoli nei primi venti), Paolo Cognetti, Joël Dicker, Dan Brown, Donato Carrisi, André Aciman. Tra gli italiani anche Andrea Vitali, Gianrico Carofiglio e Maurizio De Giovanni"
Nell’ambito dei libri tradizionali, alla narrativa vanno aggiunti i libri del settore scolastico e quelli per l’infanzia. Generi per i quali la carta difficilmente potrà essere sostituita. Complessivamente sono 178.669 i libri prestati l’anno scorso dalle quattro biblioteche cantonali ticinesi. Più di uno ogni due abitanti. E a questi vanno aggiunti i prestiti delle biblioteche delle scuole, di quelle specializzate o ancora delle biblioteche comunali. Come quella di Chiasso, che conosce un successo crescente da quando è stata integrata nel centro culturale cittadino. "Abbiamo circa 50mila libri, tra cui alcuni volumi rari - spiega la bibliotecaria Barbara Bandinu -. Quelli più richiesti sono i gialli svedesi e americani. Ma piacciono molto anche diversi autori italiani della Sellerio, in particolare Maurizio De Giovanni e Antonio Manzini".
Poco più a nord, a Mendrisio, la biblioteca è stata recentemente scissa in due. Oltre 70mila libri sono stati spostati nella nuova sede alla Filanda. Altri 30mila, principalmente quelli di didattica, sono rimasti al liceo. I prestiti sono poco più di 20mila all’anno. "Circa il 60% è rappresentato da libri di narrativa  - afferma Rolando Schaerer, responsabile di sede -. In questo periodo va molto ‘M.’ di Antonio Scurati, ma anche i best seller internazionali, la letteratura rosa o i gialli". Oltre alla narrativa, spiega Schaerer, "piacciono molto anche i libri di storia, le guide di viaggio e le biografie".
Anche dall’altra parte del cantone, ad Airolo, i gusti dei lettori sono piuttosto simili. "Vanno soprattutto i gialli e i romanzi - dice Debora Schenal, della biblioteca comunale -. Come autori citerei Guillaume Musso, Lucinda Riley e i vari svedesi". Ad Airolo i libri sono poco meno di 9mila. "Cerchiamo di aggiornarci sempre - prosegue Schenal -, anche perché gli utenti prediligono le novità. I classici sono invece ricercati solo da una ristretta cerchia di persone".
Scendendo a Biasca si trova la Bibliomedia, che da sola presta oltre 170mila libri all’anno. Ma solo in piccola parte direttamente all’utenza. Poiché la Bibliomedia funge da centrale per le biblioteche più piccole sparse nel cantone. "Siamo uno dei tre centri a livello nazionale di una fondazione che ha lo scopo di facilitare l’accesso ai libri anche nelle zone più discoste - dice Romano Calastri -. Se per esempio un comune vuole aprire una biblioteca, noi lo sosteniamo fornendo una consulenza e mettendo a disposizione dei libri. Alle biblioteche già esistenti, invece, forniamo temporaneamente i libri che non hanno sugli scaffali. È la parte principale del nostro lavoro". Vi sono però anche utenti della zona che si recano direttamente alla Bibliomedia. "Da noi possono prendere fino a 20 libri al mese - spiega Calastri -. Abbiamo una buona richiesta di libri per bambini. Mentre per gli adulti sono soprattutto gialli, romanzi rosa o libri d’avventura. Molto meno la saggistica".
Il più grande numero di prestiti diretti è però quello della biblioteca cantonale di Locarno. Più di 60mila all’anno, meglio che nella capitale Bellinzona o nella più popolosa Lugano. "Si vede che gli utenti si trovano bene da noi - commenta Gian Franco Ragno, responsabile del settore narrativa -. Però bisogna anche dire che la nostra è l’unica biblioteca ticinese specializzata in musica, cinema e filosofia. Questo attira lettori non solo dal Locarnese, ma da tutto il cantone".
E anche a Locarno, il genere più amato resta la narrativa. E soprattutto in versione cartacea. "Qui l’e-book non ha preso piede - afferma Ragno -, al contrario di quanto avvenuto in Svizzera tedesca". Ma è proprio il formato elettronico che potrà consentire alle biblioteche di espandersi ulteriormente. L’offerta è in continua crescita. Non solo di libri. Gratuitamente è ora possibile consultare gli archivi dei quotidiani ticinesi, anche quelli nel frattempo scomparsi. Comodamente da casa. Cosa chiedere di più?

astern@caffe.ch
28.10.2018


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

L'ascensore sociale
si è ormai inceppato
L'INCHIESTA

"Il via vai di procuratori
rallenta le inchieste"
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

I talenti non hanno
orientamenti sessuali
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La crescita dipende
dai rapporti con Trump
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Le famiglie in fuga
dalle paure di Kabul
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Tecniche viet-cong
nei tunnel del Califfato
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
L'Ue messa a dura prova
dall'avanzata sovranista
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Cibo e ambiente
allungano la vita
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
21.03.2019
La Sezione forestale comunica che il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto (RLCFo/RaLLI) è in vigore a partire da giovedì 21 marzo 2019 alle ore 12.00 a causa del pericolo d'incendio di boschi. La misura è attiva su tutto il territorio cantonale.
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, marzo 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, gennaio 2019
15.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, gennaio 2019
13.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, febbraio 2019
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Risultati provvisori della statistica delle transazioni immobiliari, quarto trimestre e anno 2018
11.03.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, gennaio 2019
07.03.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da giovedì 7 marzo 2019 alle ore 10.00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)
27.02.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'Ordine del Giorno della seduta dell'11 marzo 2019.
27.02.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, gennaio 2019

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Brexit:
Farage lancia
la marcia
pro-Leave

Tirana:
violente proteste
davanti
al Parlamento