In calo i natanti ma nei porti manca ancora spazio
Immagini articolo
I posti barca sui laghi
sono rari e molto cari
ANDREA STERN E ANDREA BERTAGNI


I 280 posti barca che offrirà il nuovo porto regionale del Gambarogno saranno solo una goccia in mezzo al mare. O al lago, in questo caso. Uno specchio d’acqua che non riesce a soddisfare la grande voglia di navigazione che lo circonda. Le imbarcazioni immatricolate in Ticino sono poco meno di 7mila, ma il potenziale sarebbe ben maggiore se ci fossero attracchi a sufficienza. "Abbiamo una novantina di persone in lista d’attesa - spiega Nadir Quarta, capitano del porto regionale di Locarno -. I nostri 374 posti barca sono tutti occupati e purtroppo non abbiamo la possibilità di allargarci perché non c’è spazio". Un problema, quello della carenza di ormeggi, riscontrato un po’ ovunque sul Lago Maggiore. "Le persone in attesa di un posto sono più di cento - dice Barbara Fochetti del porto di Minusio -. Il Municipio prevede uno studio di fattibilità per un ampliamento ma per ora dobbiamo accontentarci dei nostri 185 posti barca, tutti occupati".
Trovare un "posteggio" sul lago è particolarmente difficile per i possessori di barche di medio/grandi dimensioni. "Per quelle piccole ci sono più disdette - osserva  Igor Baccalà, custode del porto di Brissago -, mentre per le imbarcazioni più grandi c’è meno turnover, bisogna aspettare a lungo, a volte anche per anni. Attualmente tutti i nostri 226 posti sono occupati". Tutto pieno anche al porto patriziale di Ascona. "Quest’anno si sono liberati solo cinque dei nostri 287 spazi - dice il responsabile, Gustavo van Roomen - subito rioccupati. C’è molta richiesta per le barche di grandi dimensioni". Anche perché sul Lago di Lugano i natanti più voluminosi non sono ammessi. "Lì il limite di lunghezza è di 8 metri - spiega Giuliano Di Domenico, presidente dell’Associazione cantieri nautici Ticino -, mentre sul Lago Maggiore ci sono tutte le categorie". Regole dovute alla diversa conformazione, che offre sul Verbano spazi decisamente più ampi. "Questa situazione fa sì che i turisti preferiscano il Lago Maggiore - prosegue Di Domenico -, mentre sul Lago di Lugano gli utenti sono soprattutto persone del posto". Lavoro ce n’è comunque per tutti, nonostante il leggero calo del turismo. "Forse arrivano un po’ meno nuovi clienti - dice Di Domenico -, ma quelli che abbiamo restano. Chi ama il lago, molto difficilmente si disinnamora".
Nonostante prezzi non esattamente popolari. Per ormeggiare un’imbarcazione al porto regionale di Locarno, ad esempio, si devono contare 2’500 franchi annui, se è larga meno di 2,3 metri e lunga meno di 6. Ma la fattura può raggiungere anche i 7’650 franchi annui, per le barche con una lunghezza tra i 13 e i 16 metri. Con quei soldi si paga l’affitto di un appartamento.
Un po’ più conveniente è Brissago, dove si parte da 840 franchi più Iva, con sconti per chi sigla un contratto decennale. A Magadino la tariffa minima è invece di 620 franchi, esclusi l’Iva e la tassa sul demanio pubblico.
Il lago "low cost" è comunque il Ceresio. Dove si può trovare uno spazio "già per 200 franchi" - dice Michela Caccia del comune di Mendrisio, cui sottostà il porto di Capolago -. Ma abbiamo già trenta persone domiciliate in lista d’attesa, più altre 30 provenienti dai comuni vicini". Tutto esaurito anche a Caslano. "I nostri attracchi sono tutti occupati e ci sono almeno venti persone che aspettano - spiega Alessandra Bolzan -. Il Consiglio comunale ha approvato un progetto per l’ampliamento del porto ma è fermo per un ricorso". Le tariffe a Caslano, illustra Bolzan, vanno da 420 a 1300 franchi annui. Per quei fortunati che hanno trovato un posto. Si parte invece da 600 franchi all’anno per accaparrarsi uno dei 41 posti barca di Brusino Arsizio. "Sì - confermano dal Comune -, abbiamo anche noi una lista d’attesa. Diamo la precedenza ai domiciliati e poi, se possibile, a chi viene da fuori".
C’è il pienone, infine, anche nei porti e nelle darsene della Città di Lugano. "Abbiamo più di 700 posti - risponde Maurizio Maccanelli - e oltre un centinaio di richieste in sospeso. Potremmo tranquillamente fare un altro porto ma non abbiamo l’autorizzazione cantonale. Per quanto riguarda i prezzi anche Lugano si dimostra non eccessivamente cara. "Si va da un minimo di 400 franchi annui - spiega Maccanelli - a un massimo di 5’000". È inoltre previsto uno sconto del 30% per i natanti a propulsione elettrica o ad altre fonti non inquinanti.

abertagni@caffe.ch
astern@caffe.ch
14.04.2019


LO STUDIO

La qualità
dei media svizzeri
IL DOSSIER


La contestata
legge di polizia
IL DOSSIER


Rimborsopoli
IL DOSSIER


Le polemiche
sul Cardiocentro
IL DOSSIER


La passerella
sul Verbano
IL DOSSIER


Microplastiche
piaga dei laghi
GRANDANGOLO

"La nostra vita?
Un percorso a ostacoli"
L'INCHIESTA

I morti sulle strade
sono calati da 97 a 15
L'IMMAGINE

Una settimana
un'immagine
LE PAROLE

di Franco Zantonelli

Ci sono quelli convinti
che il sushi sia vegetariano
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La guerra di Trump
e il sorpasso cinese
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Scacco a Tripoli
in quattro mosse
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Il muro di Trump
contro gang e miseria
Mariarosa Mancuso
Mariarosa Mancuso
Dramma e commedia
al Festival di Locarno
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Londra celebra Quant
la "madre" della mini
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Siccità, piogge e uragani
nel sordo allarme clima
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia
Ultim'ora
17.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, aprile 2019
14.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, aprile 2019
10.05.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, primo trimestre 2019
19.04.2019
La Segreteria del Gran Consiglio ha provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta costitutiva del 2 maggio prossimo
15.04.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, marzo 2019
12.04.2019
Pubblicato il Rendiconto 2018 del Consiglio di Stato
12.04.2019
Pubblicato il rendiconto 2018 del Consiglio della magistratura
08.04.2019
Online la Città dei mestieri della Svizzera Italiana, con informazioni e aggiornamenti sui lavori in corso verso l'apertura
03.04.2019
Il divieto assoluto di accendere fuochi all'aperto è revocato a partire da mercoledì 3 aprile 2019 alle ore 10:00. Si ricorda che restano in vigore le prescrizioni generali definite dal Regolamento di applicazione dell'Ordinanza contro l'inquinamento atmosferico (ROIAT)

Sfoglia qui il Caffè

E-PAPER aggiornato
dalla domenica pomeriggio

La pubblicità
Per chi vuole
comunicare
con il Caffè
App
"Il Caffè+"
per iPad e iPhone
Scarica »
App
"Il Caffè+"
per Android
Scarica »
Rezzonico
Editore
Tessiner Zeitung
Vai al sito »



I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Europeisti
in marcia
con Tusk
e Weber

Rabbia
in Venezuela
per il carburante
che non c’è