A Lyss l'opera dentro uno spartitraffico è ormai virale
Immagini articolo
Rotatorie palcoscenici,
una vetrina per artisti
PATRIZIA GUENZI


Da poco più di spartano spartitraffico ad un vero e proprio palcoscenico per opere d’arte. Così, nel giro di pochi anni, si sono trasformate le rotatorie in Svizzera. Chiamate anche impropriamente "rotonde", e che in passato, soprattutto in Ticino, hanno soppiantato tutta una serie di semafori salvo poi dire - è capitato recentemente sul Piano di Magadino, per cui siamo pure andati a votare per eliminare le rotatorie -, salvo poi dire che, magari, chi lo sa?, col verde e il rosso il traffico scorrerebbe più regolarmente. Ma questo, ora, centra poco. Dicevamo di come si sono trasformate. Da lieve promontorio attorno a cui girare, al massimo con sopra due piantucole, qualche pietra o anche niente, a curiose installazioni. Spesso opera di artisti. Veri e propri elementi decorativi della strada, molto appariscenti e spesso molto costose. L’ultima, è spuntata lo scorso maggio a Lyss, nel canton Berna, immediatamente diventata virale su social e che ha fatto il giro del mondo per il suo design semplice e intelligente. Rappresenta un giradischi.
In Ticino le rotatorie superano il centinaio, mentre a livello nazionale non si sa quante siano. Sono di competenza dei comuni e Berna non ha mai fatto un censimento. Ma sono sicuramente tante. E fanno discutere. Soprattutto quelle più "belle", colpevoli, secondo molti, di rallentare il traffico dato che gli automobilisti si soffermano a guardare l’insolito oggetto che sta lì in mezzo. Impossibile, infatti, non rallentare e ammirare la riproduzione in scala del Weisshorn, una cima a oltre 4.500 metri sopra il mare, con attorno i rifugi alpini, che si trova all’entrata del villaggio di Randa (Vs). O il gigantesco dinosauro vicino a Porrentruy (Ju), che simbolizza le orme e i fossili risalenti al Giurassico trovati nella regione. E che dire del curioso carrello della spesa gigante, con dentro tanti pacchi regalo, a Bienne (Be), o del maggiolino Wv capovolto al centro di una rotatoria-fontana a Buchs, (Zh). Ma in Svizzera, nella ricca Svizzera, le rotatorie si fanno anche sottoterra. Nel 1999, a Frauenfeld, è stata infatti inaugurata la prima, dentro una sorta di grande sottopasso. Ne esistono poi moltissime altre che di fatto sono una vetrina per i giardinieri. Composizioni molto belle e particolari che cambiano di stagione in stagione e che testimoniano l’arte e il sapere del vivaista di turno. Ci sono poi quelle vuote, enormi gusci senza contenuto, come la super-rotonda di piazza Castello a Locarno. Una triste arena che si anima soltanto nei giorni del Locarno Festival. "Se la prima funzione di una rotatoria è quella di agevolare il traffico, la seconda è che deve però anche risultare esteticamente gradevole", sottolinea l’urbanista Pierre-Alain Rumley.
Sulla prima rotatoria costruita nel mondo, le versioni sono discordanti. C’è chi dice a New York, nel 1905, altri Regno Unito, Piccadilly Circus, nel 1819. Comunque sia, da lì si diffusero poi rapidamente in tutta Europa. Il loro uso generalizzato cominciò a prendere piede negli anni Sessanta grazie alla convinzione che queste isole spartitraffico circolari potessero risolvere i frequenti ingorghi di traffico e i relativi problemi di sicurezza stradale. Convinzione oggi ormai scemata.  
Tornando alla Svizzera, Friederike Schmid è uno dei principali contatti dei Comuni quando si tratta di realizzare una nuova rotatorie. Suoi, infatti, alcuni dei progetti artistici più famosi. Anche se la prima a vincere un premio è stata "Incontro", votata nel 2015 come la più bella della Svizzera, opera dell’artista greco Costas Varotsos. Si trova a Bützberg, nel canton Berna.
pguenzi@caffe.ch
01.09.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
06.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 18 novembre 2019
04.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Idrologia, Ticino, terzo trimestre 2019
30.10.2019
Pubblicati i dati del censimento rifiuti 2018 [www.ti.ch/gestione-rifiuti, www.ti.ch/oasi]
23.10.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 4 novembre 2019
15.10.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, settembre 2019
20.09.2019
L'Ufficio di vigilanza sulle commesse pubbliche ha pubblicato la lista delle commesse del Cantone aggiudicate a invito o per incarico diretto con importi superiori a fr. 5000.– per l'anno 2018 [www.ti.ch/commesse]
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Bipartitismo in stallo
da Madrid a Londra
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
Killer, boss e agguati
al clan dei marsigliesi
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Praga:
la tecnologia
delle dittature
in mostra

Iran in piazza
contro il caro
carburante.
Un morto a Sirjan

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00