Troppi materiali "estranei" nei contenitori per il vetro
Immagini articolo
Specchi e bicchieri
frenano il riciclaggio
ANDREA STERN


Bicchieri, piatti, specchi, lampadine, vasetti di marmellata ancora mezzi pieni, persino piastrelle e lattine. Non dovrebbero essere nei contenitori per la raccolta del vetro ma sono lì. "Forse è un effetto collaterale dell’introduzione della tassa sul sacco - sostiene Luciano Fontana, manager della Puricelli Sa di Riva San Vitale -. Nella nostra attività notiamo infatti che la qualità del vetro peggiora nei Comuni dove la tassa sul sacco è appena diventata realtà. Immagino sia a causa di quei maleducati che prima gettavano tutto nel sacco nero e oggi si disfano dei rifiuti in altro modo".
Per le ditte come la Puricelli che si occupano di raccogliere il vetro usato e fornirlo a Vetroswiss, tutti questi corpi estranei rappresentano un carico di lavoro aggiuntivo. Prima che il materiale possa finire nel trituratore per essere ridotto in frantumi per il processo di fusione, occorre infatti sottoporlo a una minuziosa cernita. "Sarebbe bello se nei contenitori del vetro si trovasse solo vetro - afferma Fontana -. L’ideale poi sarebbe se fosse correttamente separato tra bianco e colorato, almeno dove è data la possibilità di farlo. Purtroppo non è così e questo rende il processo di valorizzazione molto più laborioso".
Il processo di separazione resta tuttavia necessario se si vuole riutilizzare il vetro usato. E non da ultimo se si vogliono ottenere i rimborsi da Vetroswiss. Rimborsi che ammontano al cento per cento per i frammenti di vetro separati per colore, riutilizzabili per la produzione di bottiglie nuove. Al 60 per cento per i frammenti di colore misto, che saranno trasformati in bottiglie verdi o in ghiaia in vetroschiuma. Al 20 per cento per i frammenti che potranno essere trasformati unicamente in sostituti della sabbia.
"Questi rimborsi vengono versati ai Comuni - spiega Fontana -, che poi ci corrispondono una piccola tassa per la gestione del vetro di recupero". Non si fanno grandi guadagni, anzi. La stessa Swiss Recycling riconosce che di norma i comuni e i consorzi non guadagnano con il vetro usato. Ma il sistema funziona bene. Molto bene, verrebbe da dire, visto che la Svizzera figura ai vertici nella classifica europa del riciclaggio. Circa il 94 per cento del vetro trova nuova vita. A beneficiarne è in particolare l’ambiente. Grazie al vetro usato, infatti, le vetrerie risparmiano circa un quarto di energia nel processo di produzione.
Non bisogna quindi abbassare la guardia. Proprio per questo di recente tra gli slogan elettorali e le azioni dei supermercati, sono comparsi ai bordi delle strade dei manifesi raffiguranti bicchieri, piatti o vasetti. Sono i manifesti con i quali Vetroswiss vuole ricordare ai cittadini le regole basilari della separazione del vetro. "L’informazione c’è, anche da parte dei comuni - riprende Fontana - ma è giusto che si continui a farla. La gente deve essere consapevole che è importante riciclare ma è ancora più importante farlo nel modo giusto".
astern@caffe.ch
10.11.2019


Articoli Correlati
ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
12.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell'economia ticinese, dicembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2019
11.12.2019
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2019
27.11.2019
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 9 dicembre 2019
27.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2019
22.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2019
18.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, ottobre 2019
15.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, ottobre 2019
13.11.2019
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, ottobre 2019
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
Tassi negativi e liquidità
affondano le pensioni
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Il sanguinoso attacco
alla "Terra dell'alba"
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'attentato a Londra
rilancia l'allarme jihad
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Emmental e pollo
tra i "falsi svizzeri"
Luca Mercalli
Luca Mercalli
"Senza una svolta
ci sarà un'estinzione"
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi


IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie





I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Australia
impotente
davanti
agli incendi

Iraq:
sanzioni Usa
contro
la repressione

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00