function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};

Laura Garzoli è una ricercatrice che studia i chirotteri
Immagini articolo
La donna che sussurra
ai pipistrelli perché...
GIANFRANCO QUAGLIA


Non è né pazza né santa, anche se ama parlare ai pipistrelli. Laura Garzoli, ricercatrice di Verbania, sul Lago Maggiore, in realtà sussurra a questi mammiferi, come "L’uomo che sussurrava ai cavalli" nel romanzo di Nicolas Evans da cui è stato tratto il film di successo con Robert Redford. Lei i pipistrelli li studia e li coccola, li accarezza, cercando di convincere il mondo che i chirotteri (questo il nome scientifico) oggi più che mai sono necessari per difendere l’ambiente e garantire un’agricoltura sostenibile, sempre più biologica.
La storia comincia dieci anni fa, quando Laura, allora studentessa all’Università di Pavia, partecipa al bando Interreg Italia-Svizzera e vince una borsa di studio: "La mia - racconta - riguardava l’approfondimento delle indagini chirotterologiche nella Riserva naturale di Dormelletto e nella riserva naturale orientata di Bosco Solivo". Da allora è stato un crescendo di ricerche e passione che portano la giovane studiosa a realizzare il progetto "Yes Bat" (Sì pipistrello), che non ha nulla da spartire con Batman, ma è riconosciuto dalla Fondazione Barilla come la migliore proposta mondiale nell’individuazione di soluzioni ai paradossi del cibo e sulla nutrizione.
Il progetto di Laura Garzoli, da lei stessa poi presentato al Festival del giornalismo di Perugia, è già stato testato anche in campo. In particolare nelle risaie del Piemonte: in tre aziende del Novarese sono state installate le "bat-box", piccole casette-rifugio issate sui pali che possono diventare punti di appoggio e partenza dei pipistrelli per le loro incursioni notturne. Perché nella trama di questo film che va in onda di notte i "buoni" sono proprio i pipistrelli, predatori voraci in grado di inghiottire ciascuno sino a duemila insetti in poche ore. Le "bat box" sono dotate anche di contenitori per la raccolta del guano prodotto dagli stessi chirotteri. Dall’analisi degli escrementi è possibile mappare gli insetti dannosi e adottare strategie di prevenzione mirate, anche nei confronti di specie nuove: i cosiddetti "alieni", che arrivano da altri continenti con il cambio del clima, oppure avio-trasportati come clandestini dagli aerei che seguono le rotte intercontinentali. La chiro-sorveglianza attraverso i pipistrelli, tecnica già sperimentata altrove, può risultare efficace nella riduzione dell’uso di diserbanti chimici. Laura Garzoli è fiduciosa: dall’esame del guano si apprenderà se un nuovo nemico è alle porte, si potranno adottare le necessarie misure per difendere il riso con principi attivi dedicati o mirati oppure ricorrere alla lotta integrata. Piace a Laura definire "Batman della risaia" queste chiro-sentinelle mandate in avanscoperta. "Altro che vampiri - dice -, di loro non dobbiamo avere paura. Soltanto gli stereotipi ci hanno inculcato una ritrosia e una repulsione. Non attaccano l’uomo, sono mammiferi amici. Di più: in alcuni Paesi sono utilizzati per difendere anche i libri".
I libri? Sì, nella preziosa biblioteca dell’Università di Coimbra, in Portogallo, come in quella di Oxford, la salvaguardia di presiozi volumi dagli attacchi degli insetti nocivi è infatti affidata ai pipistrelli. Come dire: i pipistrelli al servizio della cultura.
Il progetto di Laura era stato scelto per il suo alto valore scientifico in una rosa di 178 ricercatori provenienti da 24 Paesi. Il cammino è appena iniziato:  la giovane studiosa ora va in cerca di nuove colonie di chirotteri. Una l’ha trovata nei sotterranei di Palazzo Borromeo, sull’Isola Bella, in mezzo al Lago Maggiore.
08.12.2019


Articoli Correlati
Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
14.01.2021
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, dicembre 2020
13.01.2021
I Servizi del Gran Consiglio hanno provveduto a pubblicare l'Ordine del Giorno della seduta plenaria del 25 gennaio prossimo
16.12.2020
Prova annuale delle sirene d’allarme 2021
15.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, dicembre 2020
11.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, novembre 2020
09.12.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel terzo trimestre 2020
02.12.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 14 dicembre 2020
19.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, ottobre 2020
13.11.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, ottobre 2020
11.11.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 23 novembre 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
La sovranità perduta
blocca il dialogo con l'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
I patti dell'intelligence
con i trafficanti di droga
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Un viaggio tra i popoli
sull'idea del nuovo inizio
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Confinamento più efficace
dei negoziati dell'Onu
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Si pensi anche ai costi
causati da altre limitazioni

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Belgio: dorme
nel suo bar
per protesta
contro le chiusure

La CDU
sceglie l’erede
di Angela
Merkel

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00