function iscriviti() {window.open("http://ads.caffe.ch/ppl/","_blank","width=620,"menubar=no","resizable=no","scrollbars=no")};




Voci rassegnate dalla "zona rossa virus"  di Vo' in Veneto
Immagini articolo
"La prima vittima qui
ora andiamo avanti"
VALENTINA SANI DA VO' EUGANEO


La nostra maggiore preoccupazione è quanto durerà questa quarantena, e i danni economici che comporterà - dice al telefono Alessio Turetta, consigliere comunale di Vo’ -. Chi ha un’attività qui ne sta risentendo, è inevitabile. Bar e ristoranti sono chiusi da una settimana, lo stesso vale per i negozi, fatti salvi quelli per l’acquisto di beni di prima necessità".  
Vo’ è un paesino di circa 3mila anime a una settantina di chilometri da Venezia, ai piedi dei boscosi Colli Euganei. Un paese di campagna: aziende agricole, cantine vinicole, ristoranti e trattorie. Il suo nome è sui giornali di tutto il mondo da una decina di giorni, quando è stata annunciata la prima vittima di coronavirus in Italia: Adriano Trevisan, 78 anni, originario di Vo’. E infatti il paesino è uno dei due epicentri della crisi italiana di coronavirus, e uno degli undici comuni fra Veneto e Lombardia sottoposti, da lunedì, a quarantena. Qui c’è, secondo le autorità italiane, "un cluster di infezione"; a oggi i cittadini di Vo’ positivi al coronavirus sarebbero oltre 30.
L’accesso al paese è impedito da una serie di posti di blocco. Nessuno può entrare né uscire senza autorizzazione. La cosa durerà almeno una settimana ancora. Una bella sfida per gli abitanti di Vo’. Perché la vita deve andare avanti: i rifiuti vanno raccolti, il supermercato rifornito. "Lavoriamo senza sosta  qui in Comune - continua Turetta -; oggi la situazione è più chiara, abbiamo risolto molti problemi". Come per i suoi concittadini, anche per il sindaco di Vo’, il farmacista Giuliano Martini, l’emergenza è stata un fulmine a ciel sereno. "Mai avrei immaginato che il virus avrebbe potuto attecchire qui", ha dichiarato ai media italiani.  
A Vo’ ci si divide tra rassegnazione e fastidio per le misure di contenimento. Il Caffè ha sentito vari abitanti, e prevale comunque lo stoicismo (oltre a una certa irritazione verso i media). Nei dintorni, invece, inizia a crescere la preoccupazione. "L’ordinanza comunale non prevedeva che chiudessimo anche qui - spiega al Caffè Loretta Bressan, titolare di una trattoria a Cinto Euganeo, 14 km da Vo’ -. Ma se arriveranno restrizioni anche per noi le rispetteremo. D’altra parte sa, lavorando a contatto con la gente, sono un po’ preoccupata per questo virus".
A Vicenza, elegante città patrimonio dell’Unesco a una trentina di chilometri da Vo’, c’è parecchia inquietudine. Qui le misure di contenimento si limitano alla chiusura di scuole, cinema, teatri e discoteche, e alla sospensione degli eventi pubblici (comprese le cerimonie religiose). Ma nei supermercati gli scaffali a inizio settimana hanno iniziato a svuotarsi. All’uscita si vedono persone, soprattutto anziane, spingere carrelli traboccanti di cartoni di latte, acqua minerale, pacchi di pasta, olio e detersivo. "Abbiamo molto più lavoro del solito" conferma la cassiera di un supermercato del centro. Al contrario di Sara, che lavora in una caffetteria e ha notato "un fortissimo calo, nonostante il Carnevale. La gente preferisce stare all’aperto". Una pensionata si sfoga: "Dovevo andare al funerale di un’amica, ma si sono limitati a benedire la salma e cremarla. Né messa né funerale, una vergogna".
Iniziano a circolare anche teorie del complotto. Per Paola, pensionata che attraversa la centrale piazza dei Signori, il coronavirus "è un’arma. Altrimenti perché starebbe colpendo l’Italia, la Corea del Sud e l’Iran, e non altri Paesi?" dice continuando a camminare, la sciarpa sollevata a coprire naso e bocca.
Con un cartello appeso alla porta, una farmacia del centro chiede ai clienti di entrare solo tre alla volta. "Il rischio di germi è maggiore negli assembramenti - spiega il dottor Antonio Romanato, 65 anni - ci sembra una misura di buon senso, e la gente la sta accettando di buon grado. Vedo molta preoccupazione nelle persone, abbiamo esaurito mascherine e disinfettanti. Sicuramente il virus è molto contagioso, e capisco che l’escalation nel numero dei casi possa spaventare, però è poco più di un’influenza. Infatti i decessi sono stati tutti tra anziani e persone già debilitate fisicamente".
01.03.2020


Leggi in anteprima
le notizie del Caffè

ULTIM'ORA
Dall'
Amministrazione
Dalla
Polizia cantonale
Ultim'ora
17.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Monitoraggio congiunturale, andamento e prospettive di evoluzione dell’economia ticinese, settembre 2020
14.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Meteorologia, Ticino e Svizzera, agosto 2020
09.09.2020
I Servizi del Gran Consiglio hanno proceduto alla pubblicazione dell'ordine del giorno della seduta parlamentare del 21 settembre 2020
09.09.2020
Notiziario statistico Ustat: Le transazioni immobiliari in Ticino nel secondo trimestre 2020
27.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Popolazione residente permanente, Ticino, 2019
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale commercio al dettaglio, Ticino, luglio 2020
21.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale alberghi e ristoranti, Ticino, luglio 2020
19.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale banche, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale attività manifatturiere, Ticino, luglio 2020
17.08.2020
Notiziario statistico Ustat: Indagine congiunturale costruzioni, Ticino, luglio 2020
LE FIRME DEL CAFFÈ
Loretta Napoleoni
Loretta Napoleoni
In crisi i confini irlandesi
con l'addio di Londra all'Ue
Lorenzo Cremonesi
Lorenzo Cremonesi
Nello scenario siriano
mani russe e iraniane
Guido Olimpio
Guido Olimpio
L'arcipelago delle isole
contese tra Usa e Cina
Filippo Ceccarelli
Filippo Ceccarelli
Il governo MaZinga
nella crisi dell'Italia
Luigi Bonanate
Luigi Bonanate
Primavera di tensioni
per quattro leader
Elisabetta Moro
Elisabetta Moro
Il culto della mascherina
accende il negazionismo
Luca Mercalli
Luca Mercalli
Per fermare i virus
aiutiamo l'ambiente
Chiara Saraceno
Chiara Saraceno
Per le famiglie servono
sostegni continuativi

IT Illustrazione
Cover stories
Sfoglia l'archivio »
La lettura
Leggi »
Instant book
Leggi »
I racconti
Leggi »
Altre
pubblicazioni


Per le tue vacanze
scopri il Ticino
Vai al sito »



Vai al sito »



Le infografie


I video della settimana
Inviate i vostri video a caffe@caffe.ch

Ennesimo
fine settimana
di proteste
in Bielorussia

Inchiesta
sullo schianto
dell’aereo militare
in Ucraina

DIREZIONE, REDAZIONE
E PUBBLICITÀ

via B. Luini 19 6600 Locarno
Svizzera

caffe@caffe.ch
+41 (0)91 756 24 00